Caso Orsa Daniza: Prioritaria la sicurezza degli abitanti trentini. Ma non si rimetta in discussione il programma di ripopolamento

Caso Orsa Daniza: Prioritaria la sicurezza degli abitanti trentini. Ma non si rimetta in discussione il programma di ripopolamento

La sicurezza degli abitanti trentini è una esigenza primaria che va tutelata, ma al contempo non va vanificata l'importante esperienza del programma di ripopolamento degli orsi in corso in trentino. L'orsa Daniza deve essere messa in condizione di non aggredire più gli uomini. La situazione è affrontata dalla Provincia di Trento nel sostanziale rispetto dei protocolli e delle normative vigenti che in casi come questo arrivano a prevedere la cattura ed il ricovero in un'area recintata, ma non l'abbattimento. Particolare importanza viene assegnata al futuro dei due cuccioli.

A tal proposito il Ministero dell'Ambiente, sentito l'ISPRA (Qui la nota dell'ISPRA dello scorso 19 agosto), ha trasmesso oggi alla Provincia Autonoma di Trento una lettera in cui si sottolinea "che i dati  scientifici disponibili evidenziano che esemplari di orso bruno sottoposti a captivazione prolungata difficilmente possono essere reintrodotti nell'ambiente naturale, a causa delle modificazioni comportamentali che la fase di cattività determina in questa specie, e che i cuccioli di orso bruno che perdono la madre nella stagione estiva presentano in genere buone probabilità di sopravvivenza nel medio e lungo periodo".

Il Ministero ritiene quindi "che vada comunque evitata la captivazione dei due cuccioli e che, nel caso della rimozione della madre, vada previsto un attento monitoraggio dei due individui anche con tecniche radiotelemetriche, al fine di assicurare la tempestiva registrazione di eventuali comportamenti anomali, di condizioni di denutrizione e/o di mancato benessere dei cuccioli" Il rischio che va evitato e' che questo episodio rimetta in discussione un programma di ripopolamento che ha avuto successo, reinserendo in quest'area una comunità di orsi che ha raggiunto le 50 unità, e che rappresenta un esempio virtuoso a livello nazionale e internazionale.