Tu sei qui

Earth Day: Galletti, crescita sostenibile per pace, equità e sviluppo.

Earth Day: Galletti, crescita sostenibile per pace, equità e sviluppo.

Messaggio del ministro per la Giornata della Terra: sale Pil e scendono emissioni, ora massimo impegno in vista della conferenza di Parigi sul clima
Oggi 22 aprile è la giornata della Terra, che quest’anno arriva in un momento decisivo per il nostro Pianeta.
Per la prima volta possiamo salutare lo stop all'aumento di gas serra in un anno, il 2014, in cui cresce il PIL mondiale. In passato le emissioni di C02 erano calate solo pochissime volte e in anni di grave recessione globale.

Significa che lo sviluppo sostenibile è possibile. Significa c’è stata vera crescita economica, che nel 2014 si è creata ricchezza senza aumentare il carico inquinante sulla terra. E’ un primo passo, ma importantissimo per il futuro. L’umanità deve affrontare le sfide di un mondo sempre più popolato. Siamo in 7 miliardi sulla Terra. Molti, troppi abitanti, non hanno sufficiente cibo. Oltre un miliardo non dispone di energia elettrica.

Metà del Pianeta, il sud del mondo, chiede equità sociale, una qualità di vita dignitosa che oggi non ha. Lo sviluppo socio-economico è quindi assolutamente necessario e deve essere sostenibile dal punto di vista ambientale, ma essere anche motore per far uscire dalla povertà molte aree del globo. Il 2014 ci ha detto che “si può fare”.

Alle grandi speranze, quindi, va aggiunto il massimo impegno perché questo è l’anno in cui la comunità internazionale ha dinanzi a sé la sfida di Parigi, con l’accordo globale sul clima che dovrebbe – deve – essere firmato nella conferenza ONU a dicembre nella capitale francese.

Il nostro Paese vivrà da protagonista i prossimi mesi con la grande vetrina dell’EXPO, che sui grandi temi dell’umanità (“Nutrire il pianeta, energia per la vita”) presenterà gli sforzi di tutti i paesi del mondo e un modello, quello Italiano, che intende coniugare rispetto per la terra e per l’uomo, solidarietà e sostenibilità.

Perché oggi, ma soprattutto domani, la nostra Terra e l’umanità possano trovare un equilibrio di pace, equità e sviluppo.