Tu sei qui

Galletti presenta a New York la Strategia sullo Sviluppo Sostenibile

Di seguito il discorso pronunciato alla Quinta sessione del Foro Politico di Alto Livello (HLPF), esame nazionale: 

Onorevole Presidente,

Onorevoli colleghi,

Distinti delegati,

E’ un onore rappresentare l’Italia in questo importante momento di  stimolo e confronto sui temi della sostenibilità e sul futuro del nostro pianeta. 

Le sfide sempre più complesse che ci troviamo ad affrontare come paese e a livello mondiale sono superabili solo se adottiamo una visione di sviluppo e di futuro. La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ce ne offre una, chiara, integrata, puntuale, condivisa da molti e condivisibile da molti altri. Inoltre, assegna a ciascuno di noi, istituzioni e società civile, un ruolo importante nel lungo percorso di attuazione, segnandone le tappe principali.

Entro l’anno dalla Strategia discenderà un Piano di Azione che conterrà obiettivi quantificati al  2030  e un’ulteriore individuazione delle iniziative per l’attuazione.

Il  Governo  assicurerà annualmente  il monitoraggio e la valutazione delle azioni intraprese e dei risultati conseguiti.

La  Presidenza  del  Consiglio  dei  Ministri assumerà  un  ruolo  di  coordinamento  e  gestione della Strategia, con la collaborazione del Ministero dell’Ambiente per la dimensione interna, e del Ministero  degli  Affari  Esteri e della Cooperazione Internazionale, per la dimensione esterna.

Al  Ministero  dell’Economia  e  Finanze spetterà  il  compito  di  raccordare  l’attuazione della strategia con i documenti ufficiali di politica economica e di coordinare la modellistica necessaria alla definizione degli obiettivi quantificati.

Il  Governo stimolerà le regioni e gli enti locali a declinare le proprie Strategie per lo Sviluppo Sostenibile, in accordo con la Strategia Nazionale.

La partecipazione sarà un elemento fondamentale per assicurare il pieno rispetto dei principi dell’Agenda 2030 e un’efficace attuazione della Strategia. Il  Ministero dell’Ambiente coordinerà un  Forum inerente la dimensione interna, aperto alla società  civile, a esperti e a esponenti di istituzioni locali, centrali e regionali.

Per la dimensione esterna, il Ministero per gli Affari Esteri coordina dal 2015 il Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo, che coinvolge la società civile in tutti i profili legati alla Cooperazione, oggi anche nell’attuazione della Strategia.

Infine, al  Sistema  Statistico  Nazionale, in collaborazione  l’Europeo, è stato affidato l’incarico di migliorare la copertura e la qualità degli indicatori utili a descrivere il posizionamento italiano e a identificare i trend rilevanti rispetto agli SDGs e agli obiettivi definiti dalla Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

Le sfide di un processo come quello avviato sono tante.

Essenziale è la trasformazione della governance complessiva del processo di sviluppo, attraverso:

  • L’armonizzazione della relazione tra i diversi livelli istituzionali e il rafforzamento delle capacità di interazione fra gli attori, pubblici e privati.
  • Il rafforzamento del ruolo delle tante organizzazioni impegnate nei temi legati all’Agenda 2030, attraverso il loro coinvolgimento nel Forum Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile, che avrò l’onore di coordinare;
  • La definizione puntuale della praticabilità dei traguardi individuati rispetto alle reali disponibilità di Bilancio, ma anche dei piani di investimento privati dei grandi gruppi industriali sul lungo periodo;
  • Il consolidamento del sistema per il monitoraggio del raggiungimento dei traguardi posti e il rafforzamento del suo legame con gli strumenti di programmazione, pianificazione e valutazione nazionali, regionali e locali.

Se non rispondiamo velocemente a questa sfida, è difficile immaginare che saremo capaci di opporre “Prosperità” a crisi economica; “Persone” a fenomeni severi di impoverimento, disoccupazione e malessere sociale; “Pianeta” a degrado e vulnerabilità estrema del territorio e del sistema ambientale; “Partnership” a nazionalismi, muri e arroccamenti; “Pace” a politiche discriminatorie, corruzione e violenza.

 

Di seguito il discorso pronunciato durante la sessione plenaria della Quinta sessione del Foro Politico di Alto Livello (HLPF), intervento nazionale:

Grazie Presidente.

Onorevoli colleghi,

Distinti delegati,

Ampio è l’impegno che l’Italia ha profuso per inserirsi nel cammino volto al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

La crisi economica dell’ultimo decennio ha colpito anche il mio Paese il cui tasso di povertà assoluta individuale è raddoppiato, mentre le persone a rischio di povertà o di esclusione sociale sono aumentate, raggiungendo un picco pari al 29,9% della popolazione nel 2012. Per fronteggiare questa situazione, l’Italia ha adottato diverse iniziative tra cui il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA), che prevede l'erogazione di un beneficio economico alle famiglie disagiate, e il Reddito di inclusione (REI) con il quale l'Italia si dota di uno strumento strutturale di contrasto alla povertà.

Allo stesso modo, il perseguimento dell’uguaglianza di genere è alla base delle politiche, nazionali e di cooperazione, quale elemento di attenzione trasversale e costante. Interventi sono previsti soprattutto in materia di accesso e mantenimento del lavoro con l’obiettivo di raggiungere la piena parità uomo-donna.

Promuovere la salute e il benessere è anche tra gli obiettivi che l’Italia si pone. L’universalità della copertura sanitaria è per noi un principio costituzionale e morale irrinunciabile e richiede un impegno sempre maggiore, anche alla luce dell’intensificarsi dei flussi migratori. Siamo inoltre convinti che la salute passi per un ambiente sano e in questo senso ci stiamo impegnando affinché l’esposizione della popolazione ai fattori di rischio ambientale diminuisca drasticamente. A livello internazionale sosteniamo la Global Alliance for Vaccine Immunization (GAVI) e il Fondo Globale per la lotta all’AIDS, Tubercolosi e Malaria.

In materia di infrastrutture sostenibili, crediamo che garantire  la  prosperità  del  Paese  significa porre le basi per la creazione di un nuovo modello economico,  circolare,  che  assicuri  il  pieno sviluppo del potenziale umano e un più efficiente e responsabile uso delle risorse. E per questo, è in fase di consultazione la prima strategia nazionale per l’economia circolare, che costituisce un tassello importante per l’attuazione della più ampia Strategia Nazionale per lo sviluppo sostenibile e segna la volontà del Paese di stimolare la creatività delle piccole e medie imprese (PMI) italiane in funzione della valorizzazione economica del riuso di materia.

In riferimento al SDG14, abbiamo protetto una superficie che supererà a breve il 20% delle nostre acque territoriali. Durante la Presidenza G7 abbiamo sostenuto la necessità di mantenere l’impegno politico di lottare contro l’inquinamento da plastiche, costruendo sul ruolo della Convenzione di Barcellona e aderendo a campagne internazionali.

La tutela delle acque interne, condizione necessaria a garantire anche la salute dei mari e degli oceani in un’ottica di gestione integrata del ciclo dell’acqua e di lotta al cambiamento climatico, rappresenta una priorità per l’Italia e sono felice di annunciare che  dal 23 al 25 ottobre ospiteremo a Roma il Vertice internazionale "Acqua e Clima: Incontro sui Grandi Fiumi del Mondo”.

Inoltre, volendo contribuire in modo specifico alla Conferenza degli Oceani, abbiamo risposto all’appello e rafforzato l’impegno con i nostri partner, in particolare con i piccoli stati insulari in via di sviluppo, in materia di istituzione di nuove aree marine e mantenimento di quelle esistenti. In questo contesto stiamo promuovendo anche  la diffusione di energie rinnovabili, incluse quelle che sfruttano le maree, nei villaggi, ma anche tra le comunità di piccoli pescatori con l’obiettivo di collegare lotta al cambiamento climatico, sicurezza alimentare e creazione di opportunità economiche.

L’Italia intende contribuire, non solo a raggiungere, ma a superare l’obiettivo 10X20 e, per questo, in partenariato con la Ocean Sanctuary Alliance abbiamo lanciato un’iniziativa con l’obiettivo di identificare nuove aree a livello globale, potenzialmente eleggibili a diventare aree marine protette.

A livello nazionale, l’Italia ha avviato un percorso partecipato e multilivello volto a declinare gli obiettivi dell’Agenda 2030 nella programmazione economica, sociale e ambientale a livello nazionale e locale. Questo processo ha permesso all’Italia di dotarsi di una nuova Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (2017-2030) che ha il principale merito di abbracciare appieno la logica di integrazione e trasformazione che l’Agenda 2030 promuove.

Proprio questo aspetto di ricerca della piena integrazione e del bilanciamento dei tre pilastri della sostenibilità, insieme alla visione e alla dimensione onnicomprensiva, rappresentano il valore aggiunto di questo documento strategico. Valore che si rispecchia anche negli sforzi messi in campo sulla dimensione esterna della Strategia.

L’Italia è consapevole dell’obbligo solidale di aiutare i paesi partner a raggiungere gli stessi SDG che vogliamo raggiungere sul piano interno. Per questo il mio paese ha fatto tre cose: ha riformato il sistema di cooperazione allo sviluppo per rendere l’azione del governo più integrata e includere tutti gli altri attori non governativi della cooperazione; ha elaborato un nuovo documento strategico che adotta visione, struttura e contenuto degli SDG; ha aumentato i fondi di cooperazione allo sviluppo nel triennio 2016-18.

La quotidiana azione di assistenza a flussi sempre maggiori di persone che, a rischio della loro vita, cercano di attraversare il Mediterraneo per fuggire da fame, guerre  e disperazione non può che rafforzare l’intenzione del Governo di potenziare ulteriormente l’attività di cooperazione allo sviluppo per chi ne ha più bisogno, al fine di “non lasciare nessuno indietro”.

Non a caso la dimensione esterna della nostra Strategia di sviluppo sostenibile è contenuta nel capitolo “Partenariato” del testo.

Onorevole Presidente,

Distinti Colleghi,

la sfida più importante che ci troviamo ad affrontare oggi, è quella di convogliare gli sforzi messi in campo, orientando tutte le iniziative alla sostenibilità, leggendole in un’ottica di integrazione e rafforzando la nostra capacità di lavorare insieme per obiettivi comuni come gli SDGs.  Il successo dell’Agenda 2030 deriverà proprio da questa capacità di governare la complessità che la contraddistingue in modo integrato, bilanciato e coerente all’interno degli strumenti nazionali in essere e in previsione.

La sinergia tra dimensione esterna ed interna è essenziale per l’attuazione dell’Agenda 2030 in Italia come nel mondo. La sua universalità richiede proprio questa duplice azione di responsabilità e  coerenza tra le politiche nazionali di promozione della sostenibilità e gli impegni volti verso l’esterno, sia in termini di cooperazione allo sviluppo che di sostegno e supporto ad iniziative globali comuni. È su questa sinergia che vogliamo e dobbiamo continuare a lavorare, perché non sarà possibile costruire un futuro sostenibile per tutti senza rafforzare la capacità di collaborazione e cooperazione a tutti i livelli.  

Di seguito i video degli interventi del Ministro Galletti a New York: