Tu sei qui

Giornata nazionale degli Alberi, Costa: “Piantiamo un albero insieme ai nostri figli, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita”

Per la Giornata degli Alberi il ministro sarà a Torino, mentre i Sottosegretari saranno impegnati a Roma e Napoli

Roma, 14 novembre 2018 – A una settimana dalla Giornata nazionale degli Alberi, che ricorre ogni anno il 21 novembre, e a due settimane dal Primo Forum Mondiale sulle Foreste Urbane (www.wfuf2018.com), promosso dalla Fao, il Ministero dell’Ambiente torna a sollecitare le Amministrazioni locali e i cittadini a piantare nuovi alberi al fine di migliorare la qualità dell’aria nelle nostre città, prevenire il dissesto idrogeologico e proteggere il suolo, migliorare la vivibilità delle aree urbane.

“Secondo l’ultimo Inventario Nazionale delle foreste, in Italia ci sono ben 20 miliardi di alberi, ma ci dimentichiamo spesso della loro straordinaria importanza per farci respirare in città e, a livello globale, per combattere i cambiamenti climatici. Si dice che faccia più notizia un albero che cade rispetto a una foresta che cresce. In effetti si è parlato molto di alberi caduti per il maltempo, ora invece facciamola crescere questa foresta urbana: il 21 novembre piantiamo un albero insieme ai nostri figli, con i ragazzi delle scuole, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita” afferma il ministro Sergio Costa.

Il ministro dell’Ambiente sarà il 21 novembre a Torino, dove parteciperà insieme alla sindaca Chiara Appendino alla piantumazione degli alberi presso la scuola “Vittorio Veneto”, mentre il Sottosegretario Salvatore Micillo sarà a Ponticelli (Napoli) all’Istituto “Aldo Moro” e la Sottosegretaria Vanna Gava a Roma al Parlamentino del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Questi due ultimi eventi rientrano negli Stati Generali del Verde Pubblico promossi dal Comitato per lo sviluppo del Verde Pubblico istituito presso il Ministero dell’Ambiente con la Legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, che ha l’obiettivo di promuovere una rinnovata cultura del verde e degli alberi nei contesti urbanizzati, dove vive e lavora la maggior parte degli italiani. 

La legge, prima in Italia, pone la questione degli spazi verdi al centro delle politiche di sostenibilità locale, sottolineandone i molteplici benefici per l’ambiente e la società, presente e futura: mitigazione dell’isola di calore e dell’inquinamento atmosferico, ricreazione e rigenerazione psico-fisica, regimazione idraulica e qualità delle risorse idriche urbane, socialità ed integrazione, bellezza e paesaggio.   

Leggi il programma completo degli Stati Generali del Verde Pubblico.