Tu sei qui

Manovra: Galletti, arrivano parco Matese e Portofino, più forte rete biodiversità

Il ministro: “Passo in avanti nella tutela, spero ora la riforma dei Parchi”

Roma, 29 nov – La manovra economica per l’anno 2018 prevede l’istituzione di due nuovi Parchi nazionali e altrettante aree marine protette. Viene istituito il Parco di Portofino in Liguria e il Parco del Matese in Campania e Molise. Nascono inoltre due nuove riserve marine: “Capo d'Otranto – Grotte Zinzulusa e Romanelli” in Puglia e “Capo Spartivento” in Sardegna. La legge di bilancio ha inoltre previsto una nuova e peculiare regolazione per l’area del Delta del Po, che potrà attuarsi con l’intesa delle regioni Veneto ed Emilia Romagna per la definizione di una realtà unitaria.

Per il funzionamento del Parco del Matese e di quello di Portofino sono previsti trecento mila euro a testa per il 2018, mentre a decorrere dall’esercizio 2019 arriveranno rispettivamente due e un milione di euro. Ciascuna riserva marina è invece finanziata con centomila euro e con 300 mila a testa a decorrere dal 2019.

“Grazie al lavoro del Parlamento e all’impegno del governo – afferma il ministro Galletti – questa manovra rafforza il grado di tutela e insieme le possibilità di sviluppo per due delle zone più suggestive d’Italia. Penso al Parco di Portofino, che si innesta in un sistema di tutela delle bellezze naturali liguri molto articolato, che oggi prevede un’area marina protetta, il Parco Nazionale delle Cinque Terre e la relativa area marina: questo ulteriore passaggio può dare ancor più pregio a una realtà già nota in tutto il mondo. E poi – aggiunge Galletti - sono felice nasca finalmente il Parco del Matese, che unirà due Regioni nella tutela di montagne, paesaggi e itinerari di incredibile fascino che hanno invece bisogno di essere conosciuti e promossi. Ringrazio i parlamentari, a partire dai senatori Vaccari e Caleo, per questo impegno di valorizzazione del nostro patrimonio naturale che spero possa completarsi prima del termine della legislatura con la riforma dei Parchi”.