Tu sei qui

Multe a chi getta mozziconi, Galletti: ora tocca ai Comuni

Il ministro commenta a “La Stampa” la nuova misura introdotta con il Collegato Ambientale

Ministro Galletti, con l'entrata in vigore del «collegato ambiente» ormai gettare per terra un mozzicone di sigaretta viene sanzionato per legge con una multa. Eppure a quanto pare ieri nessuno ha rispettato la legge. 
«Come noto, io non sono di quelli che pensano che con le multe e i divieti si risolvono tutti i problemi. Ma in questo caso ritengo che aver introdotto una multa per chi getta mozziconi, gomme e rifiuti anche piccoli à terra, nelle acque e negli scarichi è una misura di normale civiltà. Si va nella direzione giusta, ovvero cominciare a introdurre e diffondere una cultura ambientale e di rispetto in questo paese». 

La finalità è sacrosanta. Ma i suoi critici sostengono che sembra più una classica «grida manzoniana». Una norma che però nessuno rispetta e nessuno farà rispettare... 
«Attenzione, in questo caso tocca ai Comuni fare rispettare la legge. E peraltro se lo facessero ne trarrebbero comunque un non piccolo vantaggio dal punto di vista economico. Il 50 per cento dell'introito delle sanzioni va proprio ai Comuni, per una serie di scopi, dal finanziamento delle campagne di sensibilizzazione fino a quello della pulizia delle reti fognarie». 

Ministro, però resta forte la sensazione che la politica, il Parlamento e il governo, con questi provvedimenti solo apparentemente concreti e vigorosi in realtà puntino più a far finta di aver risolto il problema, nascondendolo sotto il tappeto... 
«Ripeto: secondo me il problema si risolve se i cittadini impareranno a rispettare l'ambiente, anche quando si tratta di piccoli gesti, come quello di gettare le sigarette nel modo giusto. Il Parlamento secondo me ha fatto bene a rimarcare con una legge che quell'atto danneggia il decoro delle nostre città, che sono le città più belle del mondo. Io mi aspetto che i Comuni facciano rispettare questa norma. Poi, certamente, non mi illudo che da domattina nessuno più butti a terra una cicca, o che chi lo fa si becchi una multa da parte dei vigili. Ma a mio avviso è giusto che la legge stabilisca un principio, e che poi i Comuni la facciano rispettare. Come dovrebbe essere per tutte le leggi dello Stato».