Tu sei qui

Rifiuti, Costa: incrementare differenziata e riciclo per economia circolare

Il Ministro agli ‘Stati Generali dei Consorzi per il riciclo dei rifiuti’: “Vostro primo riferimento è servizio da fornire ai cittadini”.

ROMA, 2 ottobre 2018 – “È bene lavorare per incrementare la raccolta differenziata ma anche la quantità di rifiuti riciclati, così da incentivare il percorso virtuoso di passaggio ad un modello di economia circolare”.

Lo ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che questa mattina ha inaugurato presso l’Auditorium del Ministero dell’Ambiente, gli Stati generali dei Consorzi.

Una giornata che si pone l’obiettivo di sviluppare una piattaforma programmatica per l’analisi delle opportunità, degli ostacoli, delle politiche e delle misure necessarie per migliorare la qualità del settore dei Consorzi.

Tra i temi oggetti del dibattito: “L’End of Waste e le nuove filiere”; “Le filiere del recupero dei materiali nel tempo”; “I Consorzi come sinergia tra pubblico e privato”. “Occorre introdurre strumenti di indirizzo e incrementare il controllo sulle attività di prevenzione – ha dichiarato Costa - Credo sia arrivato il momento, lavorando insieme, di rendere più omogeneo secondo alcune linee di indirizzo il percorso da fare; di migliorare e semplificare il controllo, introducendo un sistema che preveda premialità e penali; di rendere omogenea, nell’ottica della semplificazione, la governance del sistema consorzi, che invece soffre attualmente la propria disomogeneità”.

“Voi siete un’attività di pubblico interesse – ha poi sottolineato il Ministro - e avete i servizi da fornire al cittadino come primo riferimento. Servizio al cittadino è far crescere la coscienza ambientale e di partecipazione, quindi trovare insieme le migliori soluzioni possibili, considerato che ci sono dei paletti dai quali non possiamo uscire”.

“Il sistema dei Consorzi – ha poi aggiunto Costa - deve entrare nel concetto di ‘giusto guadagno’, abbandonando la logica della massimizzazione del profitto”.

Gli Stati Generali in corso a Roma vedono riuniti i Consorzi per la carta (COMIECO), per la plastica (COREPLA), per l’alluminio (CIAL), per l’acciaio (RICREA), per il legno (RILEGNO), per il vetro (COREVE), per il polietilene (POLIECO), per gli oli minerali usati (CONOU), per gli oli grassi vegetali ed animali esausti (CONOE), per i RAEE, per pile e accumulatori (NPA), pneumatici fuoriuso (ECOPNEUS) E abiti usati (CONAU).