Tu sei qui

Rete IMPEL

IMPEL (European Network for the Implementation and Enforcement of Environmental Law) è stato istituito nel 1992 fra gli Stati Membri dell’UE come un network informale tra le autorità responsabili della predisposizione, della implementazione e dell’attuazione della normativa ambientale.

Grazie alle numerose iniziative intraprese in questi anni con il sostegno della Commissione Europea, IMPEL ha assunto un ruolo importante a livello comunitario e internazionale tanto da diventare un interlocutore privilegiato della Commissione Europea, menzionata in documenti legislativi e politici, quali il 6° Programma d’Azione Ambientale, la Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 2001/331/CE sui criteri minimi per le ispezioni ambientali (RMCEI), il parere del Comitato delle Regioni sulla legislazione ambientale dell’Unione Europea “Improving reporting and compliance” del 7 aprile 2016.   

Dal 2008 IMPEL si è costituita in associazione internazionale non profit delle autorità ambientali degli stati membri dell’Unione Europea, dei paesi candidati e potenziali candidati all’UE, dei paesi dell’Area Economica Europea e dell’EFTA responsabili della predisposizione, implementazione e attuazione della normativa ambientale. Ad oggi ne fanno parte 51 membri provenienti da 36 paesi compresi tutti gli stati membri dell'UE, l'ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, la Serbia, la Turchia, l'Islanda, il Kosovo, l'Albania, la Svizzera e la Norvegia. L’Associazione è registrata in Belgio, con sede legale a Bruxelles. Lo statuto è consultabile sul sito web di IMPEL - http://www.impel.eu/.

Di recente l’IMPEL ha rafforzato la collaborazione con altri network europei, facendosi promotore di iniziative congiunte  con ENPE (the European Network of Prosecutors for the Environment) e EnviCrimeNet (Network of Police Officers Focused on Tackling Environmental Crime). L'obiettivo di tali collaborazioni è quello di mettere insieme i componenti delle varie reti impegnati nelle attività di verifica della conformità ambientale così da identificare e discutere soluzioni pratiche comuni. 

L’obiettivo principale di IMPEL  è favorire una applicazione e attuazione più efficace della legislazione ambientale comunitaria principalmente tramite la realizzazione di progetti congiunti fra Autorità Ambientali dei paesi IMPEL con lo scopo di:

- aiutare i paesi a raggiungere la conformità più rapidamente, per esempio, attraverso la condivisione di conoscenze, competenze e buone pratiche e lo svolgimento di peer review (Iris);
- aiutare le organizzazioni a utilizzare le proprie risorse in modo più efficace, per esempio attraverso la produzione di linee guida, l’elaborazione di strumenti e standard comuni per promuovere l'uso di approcci basati sul rischio;
- coordinare l'azione tra i paesi, ad esempi, nell'applicazione di regolamenti per combattere i movimenti di rifiuti transfrontalieri illegali;
- facilitare la comunicazione tra diversi attori e reti, per esempio procuratori, giudici e difensori civici;
- informare i policy maker con casi pratici.
 

COME LAVORA IMPEL

Ogni autorità ambientale di ciascun paese IMPEL, per il tramite del Coordinatore Nazionale, può presentare progetti a cui possono aderire esperti da ogni paese IMPEL. Le attività e i progetti di IMPEL sono sostenuti dalle quote associative dei membri, da sovvenzioni e contributi da parte di terzi e dalla Commissione che sostiene finanziariamente la rete attraverso il regolamento Life +.

Componenti italiani di IMPEL 

Attualmente sono membri italiani di IMPEL: il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), che ha il ruolo di National Focal Point; l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca dell’Ambiente (ISPRA); l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente – della Lombardia (ARPA Lombardia) e  l’Associazione delle agenzie regionali e provinciali per la protezione ambientale (AssoArpa).

Come diventare membro di IMPEL

Occorre inviare la richiesta di adesione, tramite e-mail, al Segretariato di IMPEL (info@impel.eu,) e, in copia, al Punto di Contatto Nazionale (peru.alessandro@minambiente.it ; carpino.claudia@minambiente.it).

Organizzazione dell’associazione

L'Assemblea generale è la principale autorità dell'associazione. L'Assemblea generale determina la politica dell'associazione e approva il bilancio, i programmi di lavoro, le proposte progettuali e le relazioni di progetto. Ogni paese membro ha un coordinatore nazionale designato che li rappresenta nell'Assemblea generale.

Il lavoro di IMPEL si articola in 5 aree tematiche (expert team).

Gli expert team sono costituiti da gruppi di esperti che lavorano per implementare progetti e sviluppare attività al fine di aiutarsi reciprocamente a conseguire migliori performance. Il lavoro degli expert team facilita lo scambio di conoscenze e facilita la collaborazione tra autorità ambientali.

1. Industry and Air: si occupa principalmente dei problemi di implementazione ed esecuzione della legislazione ambientale connessa alle attività industriali. La direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (IED) ne rappresenta la parola chiave.

 2. Waste and TFS: approfondisce le tematiche relative alla spedizione transfrontaliera di rifiuti e alla loro gestione. L'obiettivo è quello di promuovere la conformità con i regolamenti europei connessi alla  gestione dei rifiuti.

3. Water and land: analizza una grande varietà di temi strettamente connessi al mantenimento della qualità dell’acqua e alla tutela del suolo. Costituiscono aree di interesse tutte le attività che direttamente o indirettamente trovano un nesso di causalità con la direttiva quadro sulle acque, la direttiva nitrati, la strategia marina, gli impatti provenienti dall’agricoltura e la strategia tematica per la protezione del suolo.

 4. Nature protection: contribuisce a rafforzare l’implementazione e la conformità della legislazione europea in materia di protezione della Natura. Facilita il dialogo tra autorità ambientali, procuratori, ONG e istituti di ricerca.

5. Cross-cutting tools and approaches: approfondisce questioni di tipo trasversale, che interessano tutti i soggetti e le autorità coinvolte nei processi di implementazione, esecuzione e controllo della norma ambientale. Si occupa di autorizzazioni, ispezioni, compliance, capacity building, reporting e indicatori, better regulation.     

Tutti i rapporti finali dei progetti di IMPEL sono visionabili sul sito web 
https://www.impel.eu/projects 

Gli esperti provenienti da istituzioni italiane interessate a partecipare a progetti IMPEL possono contattare il coordinatore nazionale (peru.alessandro@minambiente.it)