Il 18 Ottobre 2016, a Johannesburg, il Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Barbara Degani, e il Ministro dell’Acqua e dell’Igiene del Sudafrica, Nomvula Mokonyane, hanno siglato un Protocollo di Intesa per la Cooperazione in tema di risorse idriche.

Siccità e alluvioni sono tra le principali criticità del continente africano. La mancanza di acqua vuole dire insicurezza alimentare, pressione sulle risorse ambientali e maggiore vulnerabilità ai cambiamenti climatici.
In questo contesto, l’Italia riconosce il ruolo strategico del Sudafrica quale paese cruciale nel contesto dell’Africa Australe per il suo impegno a garantire il diritto all’approvvigionamento idrico.

Il Protocollo di Intesa rappresenta uno strumento utile a rafforzare il contributo del “Sistema Italia” nella lotta all’emergenza idrica, attraverso la promozione di un approccio integrato alla gestione dell’acqua. Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso progetti pilota e capacity building, trasferimento tecnologico e assistenza tecnica. Il sistema italiano offre delle eccellenze in termini di ricerca ed innovazione tecnologica sul trattamento delle acque, sistemi sanitari, conservazione e gestione sostenibile e integrata delle acque, riutilizzo delle acque reflue per il recupero di materie ed energia, che potranno essere pienamente valorizzate nel quadro dell’accordo. Particolare attenzione sarà data, come richiesto dal governo sudafricano, alla formazione professionale di donne e giovani, anche attraverso attività di scambio di studenti a livello internazionale.

Il Piano di Lavoro di medio termine, approvato dal Comitato Congiunto il 21 ottobre 2016 identifica 4 obiettivi principali:

• Rafforzare e coordinare gli sforzi di adattamento e mitigazione;
• Promuovere la sostenibilità e l’efficienza nella gestione delle risorse idriche
• Ridurre la vulnerabilità al cambiamento climatico attraverso la gestione integrata e sostenibile dell’acqua
• Favorire la cooperazione a livello subnazionale e regionale per attività di ricerca, educazione, sviluppo, innovazione nel campo della gestione delle risorse idriche, dei servizi idrici,
  delle tecnologie igienico-sanitarie a livello rurale specialmente in aree remote e laddove è possibile rafforzare il nesso tra acqua, energia e cibo.

Tali obiettivi saranno perseguiti attraverso azioni di capacity building e la realizzazione di progetti pilota in diversi campi tra cui: la gestione del ciclo integrato delle acque, l’installazione di impianti pilota per il trattamento delle acque, il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie in alcuni luoghi selezionati.

 

   Aggiornamenti

    04/07/2017   Seconda riunione del Comitato Congiunto a Johannesburg
    21/10/2016   Primo Comitato Congiunto in Sudafrica: acqua al primo posto
 

 

Contatti
Bruna Kohan
AT Sogesid
Kohan.bruna@minambiente.it
b.kohan@sogesid.it
Tel 06 5722 8119

Samantha Sapienza
AT Sogesid
Sapienza.samantha@minambiente.it
s.sapienza@sogesid.it
Tel 06 5722 8152

 Documentazione
- Protocollo d’Intesa Italia - Sudafrica (18 ottobre 2016, EN, IT)
- Piano di Lavoro Sudafrica (21 ottobre 2016, EN)