A partire dall’Accordo di Parigi, la prima intesa globale legalmente vincolante per la lotta ai cambiamenti climatici, il Ministero dell’Ambiente ha firmato oltre 30 Protocolli di Intesa per realizzare interventi di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico nei paesi in via di sviluppo e nei paesi emergenti; sono oltre 10 gli accordi ancora in corso di negoziazione e 47 i Paesi coinvolti.

I principali settori di intervento riguardano 8 aree prioritarie:

• gestione degli eventi estremi;
• promozione dell’energia rinnovabile e dell’efficienza energetica;
• gestione delle risorse idriche;
• gestione dei rifiuti;
• promozione della qualità dell’aria;
• contrasto al degrado delle foreste;
• riqualificazione del suolo e del territorio;
• mobilità sostenibile.

Il Ministero dell’Ambiente lavora in stretta sinergia con il Ministero degli Affari Esteri e delle Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione e Cassa Depositi e Prestiti.

Nell’attuazione dei programmi, progetti e attività, viene promossa la partecipazione del settore pubblico, privato e non-profit, compreso, laddove opportuno, il coinvolgimento di università, enti di ricerca scientifica e tecnica e organizzazioni non governative.

Nel quadro di ogni Protocollo di Intesa è istituito un Comitato Congiunto col compito di dirigere, supervisionare e sostenere la realizzazione delle attività di collaborazione bilaterale, approvare i Piani di Lavoro ed i progetti.