Tu sei qui

Tutela acque: ok della Commissione Europea al lavoro Italiano

Galletti: “Importante passo in avanti verso una valutazione europea uniforme. Italia all’avanguardia”

Roma, 5 ott - Un altro importante passo avanti per la tutela delle acque e dell’ambiente è stato compiuto ieri  con l’approvazione da parte della Commissione europea, della nuova Decisione che consente di valutare lo stato di qualità ecologica delle acque in maniera uniforme in tutta Europa e che ha validato il lavoro fatto dall’Italia per ottemperare alla  Direttiva quadro in questa materia.

“Sono molto soddisfatto di questo importante risultato” – ha dichiarato il Ministro Galletti - “ perché l’Italia si mostra ancora una volta garantista e rigorosa nei confronti della tutela ambientale: siamo, infatti, l’unico Paese appartenente all’area del Mediterraneo ad assicurare la corretta valutazione dello stato di qualità di tutte le acque, dei fiumi, dei laghi, delle acque di transizione e delle acque marino costiere.  Inoltre – ha aggiunto il ministro - con la Decisione europea di oggi  proseguiamo nello sforzo verso gli obiettivi ambiziosi che la direttiva  si propone di raggiungere.  Prevenire il deterioramento qualitativo e quantitativo, migliorare lo stato delle acque e assicurarne un utilizzo sostenibile, basato – ha concluso Galletti - sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili”.

Questo importante traguardo, che ha visto la proficua collaborazione tra il Ministero e gli Istituiti di ricerca nazionali, consegna all'Italia uno strumento fondamentale per la tutela della risorsa idrica e per la programmazione delle misure necessarie a garantirla.

Un risultato che mostra, infine, all’Europa  la solidità dell’impegno che l’amministrazione italiana sta mettendo in campo per superare alcune delle criticità in tema di applicazione della Direttiva quadro acque.