Tu sei qui

Ampia partecipazione al Convegno “Il compostaggio di comunità”, Roma 28 marzo 2017

Roma, 29 mar - E’ stato presentato ieri al ministero dell’Ambiente, nell’ambito del convegno “Il compostaggio di comunità” organizzato dalla Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento in collaborazione con l’Enea, il decreto ministeriale n. 266/2016 sulle procedure autorizzative semplificate e i criteri operativi.

Una prima occasione di confronto per dare risposta a qualche perplessità iniziale e informare sull’applicazione del decreto e sulle iniziative per il finanziamento delle apparecchiature per il compostaggio di comunità (piccoli impianti di compostaggio).
Al convegno sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore alla Sostenibilità ambientale del Comune di Roma Capitale, Giuseppina Montanari, esponenti delle Regioni Campania e Sicilia e tecnici di Ispra ed Enea.

Il decreto è strutturato in quattro tematiche principali: l’autorizzazione all’esercizio e le condizioni di installazione dell’attrezzatura; la gestione dell’attività di compostaggio di comunità; l’utilizzo e le caratteristiche del compost; la trasmissione dei dati. Introduce una modalità innovativa per il trattamento della frazione organica, che rappresenta il 35% della raccolta differenziata: l’attività di compostaggio è svolta collettivamente e autonomamente dalle utenze conferenti senza la necessità dell’intervento dell’azienda comunale di gestione dei rifiuti.

Il nuovo intervento normativo sul trattamento del rifiuti organici può sortire benefici a tutti i livelli della gestione dei rifiuti urbani: dal cittadino, con la potenziale riduzione della tassa da pagare al Comune a causa dell’incremento della raccolta differenziata e della riduzione dei rifiuti da gestire, allo Stato, con il contributo al raggiungimento degli obiettivi di riciclaggio e di riduzione del conferimento dei rifiuti biodegradabili in discarica.

Il compostaggio di comunità, inoltre, attraverso l’impegno diretto del cittadino, contribuisce a eliminare eventuali pregiudizi nei confronti di questa modalità di trattamento e a incrementare la sensibilità ambientale collettiva.

Presentazioni:

MATTM – M.C. Oddo, G. Sagnotti – Unità di assistenza tecnica SOGESID S.p.A presso la Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento

Comune di Roma Capitale – Giuseppina Montanari – Assessore alla sostenibilità ambientale 

ISPRA – Andrea M. Lanz – Centro Nazionale per il ciclo dei rifiuti

ENEA – Claudia Brunori –  Responsabile divisione uso efficiente delle risorse e chiusura dei cicli

CIC – Massimo Centemero – Direttore 

AIC – Fabio Musmeci – Presidente

 

 

 

 

Aree 
Territorio
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per i rifiuti e l'inquinamento (RIN)
Argomenti 
Rifiuti