Tu sei qui

Firmato contratto ICAT-ISPRA per attività di supporto in 12 Paesi beneficiari

ICAT è una iniziativa volontaria multilaterale, lanciata nel novembre 2015, a cui aderiscono sia Paesi donatori sia attori non governativi. Il MATTM co-finanzia l’Iniziativa con 5 milioni di euro.  

Nell’ambito di tale iniziativa, è stato firmato lo scorso 18 settembre, a Roma,  il contratto tra ISPRA e UNEP-DTU (come enti attuatori)  e UNOPS (gestore del trust fund ICAT), per una durata di 18 mesi, per svolgere attività di capacity building in tema di trasparenza e reportistica degli impegni sottoscritti dalle Parti cosi come previsto dall’ Accordo di Parigi (art.13) in 12 paesi beneficiari.

Pur essendo un’iniziativa volontaria, ICAT si prefigge di dare un contributo all’attuazione dell’Accordo di Parigi per la lotta ai cambiamenti climatici ed, in particolare, si pone l’obiettivo di accrescere la capacità dei Paesi beneficiari nella rendicontazione e nella trasparenza dell'attuazione dei propri impegni di mitigazione e di adattamento determinati a livello nazionale, e nella rendicontazione dell'utilizzo delle risorse finanziarie e altri mezzi di implementazione messi a disposizione a tale scopo.

ISPRA potrà in questo modo trasferire l’esperienza acquisita nel corso di questi anni nelle attività di contabilizzazione dei gas clima alteranti realizzando delle attività formative rivolte ai funzionari e ai principali stakeholder dei paesi beneficiari. Le attività si realizzeranno in una prima fase con 6 paesi beneficiari: Botswana, Etiopia, Iran, Maldive, Tunisia e Bahamas, con cui attualmente il MATTM collabora promuovendo iniziative di cooperazione nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici.

 

 

Aree 
Territorio
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l'Unione europea e gli organismi internazionali (SVI)
Argomenti 
Clima
Sviluppo sostenibile