Tu sei qui

Mare: da domani il pattugliamento della flotta antinquinamento nelle aree protette

Il ministro Galletti: “Così contrastiamo le violazioni e tuteliamo la nostra biodiversità”. 

Roma, 30 luglio - Partirà domani, dopo otto anni di interruzione a causa della mancanza di risorse economiche, l’attività di pattugliamento navale delle aree marine protette italiane e delle zone sensibili più vulnerabili al rischio di inquinamento marino da idrocarburi provocato dal traffico di petrolio. 

Il monitoraggio sarà effettuato, in occasione dell’estate, fino al 30 settembre dalle unità navali che fanno parte della struttura nazionale del ministero dell’Ambiente. Il servizio sarà prestato a giorni alterni e nel fine settimana, per otto ore al giorno, dalla Liguria alla Sicilia alla Sardegna. Tra le aree marine protette interessate, Portofino, le Cinque Terre, Miramare, Ventotene, Punta Campanella, Porto Cesareo, Capo Rizzuto, le isole Egadi e l’Asinara. Tra le aree sensibili, il Delta del Po, Ravenna, l’arcipelago Toscano e le Bocche di Bonifacio. 

Parallelamente al pattugliamento della flotta antinquinamento, proseguiranno le attività di monitoraggio giornaliero nelle aree di mare nelle quali si trovano le piattaforme off-shore per l’estrazione di petrolio. 

“Con il ripristino – afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti - del pattugliamento della flotta navale nelle aree marine italiane, vogliamo rafforzare il monitoraggio dei nostri mari ed evitare eventuali rischi di inquinamento. Riteniamo che sia importante il contributo dello Stato, insieme a quello altrettanto significativo della società civile, per contrastare le violazioni e tutelare adeguatamente la nostra biodiversità marina e costiera, risorsa culturale ed economica, oltre che ambientale, di questo Paese”.

 

 

Aree 
Acqua
Territorio
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per la protezione della natura e del mare (PNM)