Tu sei qui

Rapporto Greenitaly 2018, Micillo: “Stiamo andando nella giusta direzione, quella di un’economia verde, sostenibile e di qualità”

Roma, 30 ottobre 2018 – Si è tenuta questa mattina a Roma, presso la sede di Unioncamere, la conferenza stampa di presentazione del Rapporto GreenItaly 2018: il nono rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere, promosso in collaborazione con il Conai e Novamont, con il patrocinio del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che fa il punto della situazione sulla green economy in Italia.

I dati sono stati presentati da Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola e Carlo Sangalli, presidente Unioncamere, alla presenza del sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente on. Salvatore Micillo, di Catia Bastioli, amministratore delegato Novamont, Giorgio Quagliuolo, presidente Conai, e Francesco Starace, amministratore delegato Enel.

Dai numeri emerge che un’azienda italiana su quattro ha fatto investimenti green negli ultimi cinque anni: sono oltre 345.000 le imprese dell’industria e dei servizi con dipendenti che hanno investito nel periodo 2014-2017, o prevedono di farlo entro la fine del 2018 in prodotti e tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. E nel nostro Paese i Green Jobs sono diventati 3 milioni.

“Stiamo raccontando un Paese che va nella giusta direzione, quella della sostenibilità, in un percorso fatto di qualità e innovazione e che ci vede fra i primi in Europa – ha commentato il sottosegretario Micillo. – Scegliere la via dell’economia verde è oggi l’unica strategia possibile, perché più competitiva, inclusiva e sostenibile”.

Alcuni dati ( Leggi qui per il Report Greenitaly 2018):

Materie prime: secondo i dati Eurostat il Belpaese con 307 tonnellate di materia prima per ogni milione di euro prodotto dalle imprese è molto più efficiente della media Ue (455 tonnellate), collocandosi terza nella graduatoria UE-28, dietro solamente al Regno Unito (236 t) e al Lussemburgo (283 t).

Consumi energetici: siamo secondi tra i big player europei per consumi energetici per unità di prodotto: dalle 17,3 tonnellate di petrolio equivalente per milione di euro del 2008 siamo passati alle 14,2 tonn di oggi. Davanti a noi c’è solo la Gran Bretagna che di tonnellate ne consuma 10,6.

Rifiuti: Con 43,2 tonnellate per ogni milione di euro prodotto (1,7 t in meno del 2008) siamo i più efficienti nella riduzione dei rifiuti tra le cinque grandi economie europee.

Emissioni: l’Italia è terza tra le cinque grandi economie comunitarie (104,2 tonnellate CO2 per milione di euro prodotto) dietro alla Francia (85,5 t, in questo caso favorita dal nucleare) e al Regno Unito (93,4 t; pesa, grazie al ruolo della finanza).

“A livello nazionale abbiamo ambiti di grande eccellenza, ma il nostro è un Paese che va ancora a due velocità: con il recepimento delle nuove direttive europee, oggi possiamo superare gli ostacoli che hanno impedito all’economia circolare di penetrare in misura omogenea tutto il territorio nazionale” ha concluso il sottosegretario.

 

 

Aree 
Energia
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione Generale per il Clima e l’Energia (CLE)
Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l'Unione europea e gli organismi internazionali (SVI)