Tu sei qui

Rifiuti, sottosegretario all'Ambiente Micillo: pronti a fare la nostra parte per l'economia circolare made in Italy

Roma, 29 novembre - “I dati del rapporto di Ambiente Italia sull’economia circolare sono inequivocabili: la filiera del riciclo in Italia fattura 88 miliardi e impiega oltre 575mila lavoratori. È un’opportunità da cogliere per l’economia del Paese e per il futuro del Pianeta, l’unica strada per tenere insieme l’aumento di posti di lavoro, una crescita che riduca le disuguaglianze e la sostenibilità ambientale”. Lo afferma il sottosegretario all’Ambiente Salvatore Micillo a margine della presentazione della ricerca ‘L’Economia Circolare in Italia - la filiera del riciclo asse portante di un’economia senza rifiuti’, curata dall’esperto ambientale Duccio Bianchi di Ambiente Italia, a seguito dei lavori svolti dal Gruppo Riciclo e Recupero del Kyoto Club.
“Secondo l'Agenzia Federale dell'Ambiente Tedesca, ogni tonnellata di anidride carbonica immessa nell'atmosfera ha oggi un costo, per tutti noi, pari a 180 euro, che salirà a 205 euro nel 2030 e a 240 euro nel 2050. Un dato impressionante, anzi direi dirimente per tutte le nostre future decisioni, sul quale la politica deve prestare la massima attenzione, e che deve portarci a riflettere sulla necessità di intervenire con urgenza” prosegue Micillo.

"Riduzione, riuso, recupero e riciclo dei rifiuti sono gli obiettivi che perseguiamo e promuoviamo in un’ottica di economia circolare. Nel contratto di Governo sono previste fiscalità premianti per la raccolta differenziata e il recupero di materia, senza dimenticare l’estensione della raccolta domiciliare con tariffa puntuale e i centri di riparazione e riuso dei beni utilizzati. In Italia abbiamo grandi eccellenze nello smaltimento dei rifiuti, ma anche zone di grande arretratezza: vogliamo fare il salto di qualità, rimuovendo tutti gli ostacoli che hanno impedito all’economia circolare di penetrare in misura omogenea in tutto il territorio nazionale, verso una Italia più sostenibile, più equa e più innovativa" conclude il sottosegretario all’Ambiente.

Aree 
Territorio