Tu sei qui

Direzione generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali (DVA)

Direttore Generale: Dott. Giuseppe Lo Presti

Capo della Segreteria: Angelo Presta

La Direzione generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali svolge le funzioni di cui all’art. 8 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 luglio 2014, n. 142.
Per l’espletamento dei compiti ad essa demandati, la Direzione è articolata nei seguenti quattro uffici di livello dirigenziale non generale:

Divisione I - Bilancio, controllo interno e attività di supporto

Dirigente

 

  • Trattazione degli affari generali e dei rapporti con la Direzione generale degli affari generali e del personale;
  • Gestione degli archivi e informatizzazione dei flussi documentali inclusa la tenuta del protocollo informatico per quanto di competenza della Direzione generale;
  • Coordinamento della gestione amministrativa e contabile delle risorse finanziarie, individuazione del fabbisogno relativo all’acquisizione di beni e servizi in gestione unificata e gestione degli acquisti di beni e servizi per le parti non attribuite in gestione unificata;
  • Supporto alle divisioni per le attività contrattuali e contabili;
  • Coordinamento delle politiche di bilancio della Direzione generale e supporto della gestione dei capitoli di bilancio eventualmente delegati ai titolari delle divisioni;
  • Formulazione delle proposte di previsione per il bilancio annuale e pluriennale, della nota integrativa, del budget economico, degli assestamenti e delle variazioni di bilancio, nonché degli atti concernenti le rilevazioni periodiche di contabilità economico-gestionale e il rendiconto della Direzione generale;
  • Supporto al Direttore generale per le attività connesse alla pianificazione strategica, alla programmazione operativa, al sistema di misurazione e valutazione delle performance organizzative e individuali, al controllo di gestione, alla rendicontazione dell’attuazione del programma di governo e della Direttiva generale del Ministro;
  • Coordinamento dell’attuazione da parte della Direzione degli adempimenti di competenza in materia di prevenzione e repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione e di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni.

 

Divisione II - Sistemi di valutazione ambientale

Coordinatore: Ing. Antonio Venditti

  • Supporto tecnico e amministrativo alla Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale, assicurando ogni attività necessaria al relativo funzionamento;
  • Raccolta, catalogazione e archiviazione informatizzata degli atti prodotti e/o acquisiti sia dalla Direzione che dalla Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale ed aggiornamento delle relative banche dati;
  • Gestione ed aggiornamento dei contenuti del Portale Internet delle Valutazioni Ambientali;
  • Gestione e monitoraggio dei procedimenti e degli interventi soggetti a procedura di valutazione ambientale, ivi inclusa la verifica dell’ottemperanza delle prescrizioni impartite dai provvedimenti di compatibilità ambientale;
  • Adozione dei provvedimenti inibitori per interventi ed opere realizzate in difformità dalla vigente normativa in materia di valutazione di impatto ambientale;
  • Supporto tecnico e amministrativo per la concertazione di piani e programmi di settore di competenza di altre amministrazioni a carattere nazionale, regionale e locale;
  • Svolgimento di attività tecnico-amministrative, in collaborazione con le altre Direzioni generali, sulla consultazione per le procedure di valutazione ambientale strategica relative ai piani e programmi di competenza regionale;
  • Concertazione tecnica con le Regioni ai fini dell’armonizzazione delle norme e delle procedure in materia di valutazione di impatto ambientale e valutazione ambientale strategica;
  • Promozione di attività di studio, ricerca, sperimentazione tecnico-scientifica nelle materie di competenza;
  • Funzioni di raccordo con la Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l’Unione Europea e gli organismi internazionali, che assicura la partecipazione del Ministero alle attività internazionali e europee.

 

Divisione III - Rischio rilevante e autorizzazione integrata ambientale

Dirigente: Dott. Antonio Ziantoni

  • Coordinamento e monitoraggio delle attività relative al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose, anche ai fini della predisposizione dei rapporti agli organismi comunitari;
  • Programmazione dell’attività ispettiva di competenza del Ministero sugli impianti a rischio di incidenti rilevanti;
  • Parere per il rilascio delle autorizzazioni al trasporto di merci pericolose in difformità dalle disposizioni dell’accordo ADR di cui all’art. 168, comma 4bis del d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285;
  • Coordinamento per la definizione della posizione nazionale nell’ambito del processo di formazione dei documenti di riferimento in materia di migliori tecniche disponibili di cui all’art. 13 della direttiva 2010/75/EU del 24 novembre 2010;
  • Coordinamento ed organizzazione, anche avvalendosi di ISPRA, delle attività a supporto della Commissione AIA IPPC;
  • Gestione amministrativa dei procedimenti di rilascio delle AIA di competenza statale anche avvalendosi dell’ISPRA;
  • Gestione informatizzata degli atti relativi ai procedimenti delle AIA di competenza statale, anche al fine della relativa pubblicità, e gestione, con il supporto di ISPRA, dell’inventario nazionale degli stabilimenti a rischio di incidenti rilevanti;
  • Funzioni di raccordo con la Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l’Unione Europea e gli organismi internazionali, che assicura la partecipazione del Ministero alle attività internazionali ed europee.

 

Divisione IV - Valutazione e riduzione dei rischi derivanti da prodotti chimici e organismi geneticamente modificati

Dirigente: Dott. Carlo Zaghi

  • Valutazione del rischio ambientale dei prodotti fitosanitari, delle sostanze chimiche pericolose e dei biocidi ed attuazione dei relativi interventi di indirizzo, coordinamento e regolamentazione;
  • Definizione di programmi di informazione e riduzione dei rischi derivanti da prodotti fitosanitari, biocidi e sostanze chimiche pericolose;
  • Attuazione del regolamento (CE) n. 1907/2006 concernente la registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche (regolamento REACH);
  • Supporto tecnico per l’attuazione delle convenzioni internazionali in materia di prodotti chimici;
  • Coordinamento delle attività per l’attuazione del Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari di cui all’art. 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150 e svolgimento delle funzioni di competenza in ambito nazionale ed europeo previste dal citato decreto legislativo;
  • Biosicurezza e Biotecnologie;
  • Informazione e consultazione pubblica ai fini del controllo dell’emissione deliberata nell’ambiente di organismi geneticamente modificati(OGM);
  • Coordinamento delle attività di vigilanza sull’attuazione della normativa in materia di emissione deliberata nell’ambiente di OGM;
  • Autorizzazioni all’emissione deliberata nell’ambiente di OGM e all’immissione sul mercato di OGM, come tali o contenuti in prodotti, con il relativo piano generale delle attività di vigilanza, svolte avvalendosi della collaborazione della Direzione generale per la protezione della natura e del mare relativamente agli effetti anche potenziali sugli ecosistemi naturali e sulla biodiversità;
  • Funzioni di raccordo con la Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l’Unione Europea e gli organismi internazionali, che assicura la partecipazione del Ministero alle attività internazionali ed europee.