Tu sei qui

ECHA e-news - 27 maggio 2015

In questo numero:

  • è disponibile sul sito dell’Agenzia il materiale presentato al 10° Stakeholders ‘Conference Day del 27 maggio.
  • Il Read-across è il metodo alternativo ai test sugli animali più comunemente usato per valutare i pericoli delle sostanze chimiche ai sensi del regolamento REACH. L’ECHA ha realizzato il Read-Across Assessment Framework (RAAF) allo scopo di fornire un approccio strutturato per la valutazione scientifica dei test in read-across presentati dai registranti nei loro dossier e la relativa giustificazione.
  • L’ECHA e l’Agenzia danese per la Protezione dell’Ambiente (Environmental Protection Agency) invitano le parti interessate a presentare entro il 24 giugno 2015 informazioni per identificare gli usi dei quattro ftalati DEHP, DBP, BBP e DIBP negli articoli, il contenuto di ftalati e i tassi di migrazione, nonché altre informazioni pertinenti per la preparazione di un dossier di restrizione di cui all’Allegato XV. Inoltre è stata avviata un’indagine con scadenza 5 giugno 2015 per acquisire informazioni aggiornate sul controllo di conformità e sui costi di una eventuale restrizione per i quattro ftalati.
  • L’ECHA sta organizzando delle visite per i propri funzionari presso PMI della stessa nazionalità. Si tratta di due giorni del prossimo autunno in cui gli esperti dell’Agenzia cercheranno di capire come le piccole e medie imprese operano per adempiere agli obblighi dei regolamenti in materia di sostanze chimiche. Per chi fosse interessato è possibile contattare l'ECHA all’indirizzo sme-ambassador@echa.europa.eu.
  • Sono disponibili sul sito dell’Agenzia i verbali della 32a riunione del Comitato di valutazione dei rischi (RAC) e della 26a riunione del Comitato per l'analisi socioeconomica (SEAC) tenutisi a marzo 2015.
  • E’ disponibile sul sito dell’ECHA una nuova pagina che guida l'utente nella procedura di condivisione dei dati relativa alla registrazione delle sostanze. L'informazione è particolarmente utile per le piccole e medie imprese che potrebbero ancora non essere consapevoli dei propri diritti e doveri. Il regolamento REACH impone alle aziende che registrano la stessa sostanza di condividere i dati per evitare inutili sperimentazioni su animali e per ridurre i costi. Questo è il motivo per cui i registranti devono lavorare insieme per trovare un accordo su come condividere le informazioni e sui relativi costi.
  • Il 17 giugno 2015 si terrà ad Helsinki il webinar introduttivo relativo alle funzionalità dello strumento OECD QSAR Toolbox. Due esempi riguarderanno gli endpoint rilevanti per la scadenza di registrazione REACH del 2018 come ad esempio la sensibilizzazione cutanea e la tossicità acquatica.
  • L’ECHA organizza un seminario in collaborazione con Cefic e Eurometaux per migliorare le conoscenze riguardanti la predisposizione delle domande di autorizzazione. I principali argomenti trattati saranno il contenuto delle domande di autorizzazione, la consultazione pubblica sulle possibili alternative, l'analisi delle alternative, l'analisi socio-economica, nonché i format, i manuali e gli strumenti per la presentazione della domanda.
  • Sono in corso le consultazioni pubbliche relative ai seguenti documenti:
  • Inoltre sono richieste informazioni sul piombo e i suoi composti entro l’11 giugno e sulle sostanze 1-tert-butyl-3,5-dimethyl-2,4,6-trinitrobenzene; muschio xilene; Bis (4-aminophenyl)methane; 4,4’-Diaminodiphenylmethane; MDA entro il 15 luglio.
  • possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l'ECHA.