Tu sei qui

ECHA e-news - 5 giugno 2013

 

In questo numero viene tra l'altro comunicato:

  • che per la scadenza REACH del 31 maggio u.s. 3215 imprese hanno presentato all’Agenzia 9084 dossier di registrazione per circa 3000 sostanze prodotte o importate in quantità da 100 a 1000 tonnellate/anno.
    Il 20% delle registrazioni è stato presentato da micro, piccole e medie imprese e l’80% da grandi imprese. Il numero finale delle registrazioni andate a buon fine sarà disponibile agli inizi di settembre non appena tutti i dossier saranno elaborati. Dall’entrata in vigore del regolamento REACH sono state registrate 6598 sostanze.
  • la disponibilità della lista delle sostanze phase-in registrate entro il 31 maggio u.s. La lista indica se la sostanza era nella lista delle intenzioni da parte dell’impresa, se la registrazione è standard o come intermedio e se era parte di una presentazione congiunta. La lista delle sostanze non registrate include invece quelle che sono state indicate nella lista delle intenzioni da parte dell’industria, ma non sono state registrate entro il 31 maggio. Si consiglia di leggere e accettare le note legali prima di scaricare i file.
    Lista sostanze registrate
    Lista sostanze non registrate
  • che è disponibile sul sito ECHA un video istruttivo su come presentare correttamente una notifica delle sostanze presenti in articoli compilando il modulo web. Gli importatori e i produttori di articoli devono presentare le notifiche delle sostanze presenti negli articoli sei mesi dopo l’inclusione della sostanza nella “Lista delle sostanze candidate all’autorizzazione”. Le 54 sostanze che sono state inserite nella lista il 19 dicembre 2012 devono essere quindi notificate entro il 19 giugno 2013.
  • che sono disponibili le presentazioni del 4° meeting della "Rete di scambio sugli scenari di esposizione".

Inoltre l’ECHA:

  • ricorda che la registrazione può essere considerata completa solo se i registranti hanno effettuato il pagamento della tariffa di registrazione entro la scadenza indicata nella fattura.
     
  • invita gli utilizzatori a valle ad assicurarsi che il proprio fornitore abbia effettuato la registrazione. Il sito ECHA include informazioni su come verificare se la sostanza è stata registrata e che cosa fare successivamente.