A seguito della partecipazione di 20 aziende libanesi alla fiera Ecomondo 2017, è stato distribuito un questionario di gradimento. I dati evidenziano un diffuso apprezzamento dell’evento, considerato una leva per possibili partenariati con aziende italiane; sono, infatti già attivi i primi accordi firmati a seguito degli incontri B2B ed altri sono in fase di finalizzazione. Le imprese libanesi hanno inoltre dichiarato di aver acquisito, grazie ai 150 B2B organizzati ed alla visita agli impianti organizzata a margine dell’evento, una maggiore conoscenza delle tecnologie italiane. Un forte interesse è stato espresso, in particolare, per le tecnologie legate all’utilizzo di energie rinnovabili (soprattutto eolico, biogas, fotovoltaico abbinato all’utilizzo di pompe di calore) ed ai rifiuti (impianti di compostaggio di piccole e medie dimensioni, trattamento delle acque reflue).

Secondo gli intervistati, il rafforzamento delle relazioni con le aziende italiane favorirà, l’utilizzo del meccanismo di finanziamento creato dal MATTM con la Banca del Libano nell’ambito del Programma Energetico Nazionale Libanese (NEEREA). Il credito garantito dalla Banca del Libano potrà in questo modo finanziare progetti presentati da imprese libanesi nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico che prevedano un coinvolgimento di imprese italiane o di tecnologia italiana per un valore pari ad almeno il 60% dell’importo complessivo del credito richiesto.