Tu sei qui

Emissioni in atmosfera

La convenzione di Ginevra del 1979 sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero all'articolo 1 definisce l'espressione inquinamento atmosferico come "l'introduzione nell'atmosfera da parte dell'uomo, direttamente o indirettamente, di sostanze o di energia che abbiano effetti nocivi che possano mettere in pericolo la salute dell'uomo, danneggiare le risorse biologiche e gli ecosistemi, deteriorare i beni materiali e nuocere ai valori ricreativi e ad altri usi legittimi dell'ambiente, l'espressione "inquinanti atmosferici" deve essere intesa nello stesso senso".
Il protocollo di Goteborg del 1999 definisce emissione "il rilascio in atmosfera di sostanze prodotte da fonti puntuali o diffuse".

Stando a queste definizioni le emissioni rappresentano quindi il "fattore di pressione" responsabile delle alterazioni della composizione dell'atmosfera e, di conseguenza, della qualità dell'aria, dell'inquinamento transfrontaliero a grande distanza, dei cambiamenti climatici ecc. ecc.

Le emissioni in atmosfera posso essere sia di origine naturale (come le eruzioni vulcaniche, che emettono polveri ed ossidi di zolfo, o come le foreste che sono fonti non trascurabili di composti organici volatili), sia di origine antropica.

Le emissioni causate dall'uomo sono dovute alle attività industriali, alla produzione di energia, ai trasporti nonché ai consumi ed allo stile di vita degli individui.
Gli effetti delle emissioni di origine antropica che alterano il normale equilibrio dell'atmosfera possono manifestarsi su scale spaziali e temporali molto differenti. Infatti se, ad esempio, le emissioni di inquinanti dovute al traffico o a particolari attività industriali fanno sentire i loro effetti in tempi brevi e in ambiti territoriali "limitati", le emissioni di gas serra o di gas che causano la distruzione dello strato di ozono producono effetti a scala globale i cui tempi sono talmente lunghi che è necessario tenerne conto nelle scelte attuali per non compromettere la qualità della vita delle generazioni future.