Progetto LIFE REDUNE (LIFE16 NAT/IT/000589) - Passeggiata guidata alla scoperta delle dune. 22 settembre 2018, Eraclea Mare (VE).

In occasione del European Day for Sustainable Communities, il progetto LIFE REDUNE “Restoration of dune habitats in Natura 2000 sites of the Veneto coast” (LIFE16 NAT/IT/000589) organizza, nell’ambito delle sue attività e in collaborazione con lo stabilimento “Mete Beach” ed il “Chiosco Bar Pineta”, una passeggiata guidata tra le dune per conoscere questo importante ecosistema caratteristico del litorale veneto.

L’evento si svolgerà sabato 22 settembre 2018 dalle ore 15.30 alle ore 17.00 (ritrovo presso il “Chiosco Bar Pineta”- Via tra I Pini 6, Eraclea Mare (VE).

La visita guidata alla scoperta delle dune sarà preceduta da una breve presentazione del progetto LIFE REDUNE, avviato a settembre 2017, che ha come obiettivo di ristabilire e mantenere l’integrità ecologica di 5 habitat dunali in 4 siti Natura 2000 presenti lungo la costa adriatica, attraverso l’uso di un approccio ecosistemico che considera tutte le componenti coinvolte (attività umane, habitat, specie e processi fisici).

Il progetto vede il sostegno ed il coinvolgimento attivo dei partner progettuali – Università di Venezia Ca’ Foscari (coordinatore), Regione Veneto, Veneto Agricoltura, SELC Società Cooperativa e EPC-European Project Consulting s.r.l. – e di tutti gli stakeholder nell’elaborazione di linee guida per la gestione sostenibile delle spiagge.

Locandina dell’evento

Brochure di progetto

La partecipazione all’evento è aperta a tutti e gratuita fino ad esaurimento posti.
È consigliata la prenotazione.
Per info e prenotazioni: info@liferedune.it  - 0444 169000

 


Progetto SUN LIFE – convegno finale. Perugia, 12 settembre 2018.

Il giorno 12 settembre 2018 a Perugia, presso la “Sala Brugnoli” di “Palazzo Cesaroni” (Piazza Italia, 2), si terrà il convegno finale del progetto SUN LIFE -Strategy for the Natura 2000 Network of the Umbria Region” (LIFE13 NAT/IT/000371), coordinato dalla Regione Umbria in partnership con Comunità Ambiente s.r.l. e le Università degli Studi di Perugia, dell’Aquila e di Camerino.

Il progetto ha avuto l’obiettivo di elaborare una Strategia di gestione dell’intera Rete dei siti di Natura 2000 in Umbria che ne garantisca una gestione efficace e duratura, attraverso il raggiungimento e il mantenimento dello stato di conservazione favorevole di habitat e specie, con l’individuazione di misure di conservazione, di ripristino della connettività e della funzionalità ecologica, e delle relative possibili fonti di finanziamento europee, nazionali e regionali.

Il convegno finale di SUN LIFE, evento in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia e dedicato al tema “Biodiversità, reti ecologiche e paesaggio”, oltre a presentare dei principali risultati ottenuti nell’ambito del progetto, intende favorire un confronto rispetto alle azioni e alle strategie promosse dalla Regione Umbria e altre esperienze regionali e nazionali in merito a piani e progetti volti alla conservazione, gestione e riqualificazione del territorio e del paesaggio, con particolare riguardo alla conservazione della biodiversità.

Parteciperanno all’evento anche referenti del Ministero dell’Ambiente, per illustrare lo stato della Rete Natura 2000 in Italia e le sue prospettive future (DG Protezione della Natura e del Mare), così come l’esperienza del Programma LIFE per la conservazione della biodiversità e le opportunità fornite in tale ambito dalla “Piattaforma delle Conoscenze” del Ministero (Punto di Contatto Nazionale LIFE - DG Sviluppo Sostenibile).

Programma

 


Convegno “Progetto EU-LIFE+ ECOREMED: uno sguardo al futuro”. Napoli, 16 luglio 2018

Nell’ambito delle attività After LIFE del progetto LIFE+ ECOREMED - “Sviluppo di protocolli eco-compatibili per la bonifica di suoli agricoli contaminati nell’ex SIN Litorale Domizio Agro-Aversano” (LIFE11 ENV/IT/0000275), il giorno 16 luglio 2018 si terrà,  presso l’Aula Magna del Centro Congressi Federico II di Napoli (via Partenope n. 36), il convegno dal titolo Progetto EU-LIFE+ ECOREMED: uno sguardo al futuro”.

L’attuazione del progetto LIFE+ ECOREMED coordinato da Centro Interdipartimentale di Ricerca “Ambiente(CIRAM) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II in partnership con la Regione Campania (Assessorato Agricoltura), l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania (ARPAC) e la società di ricerca Risorsa s.r.l.ha consentito di validare su scala pilota un protocollo di fitorimedio assistita per diversi livelli di contaminazione del suolo, al fine di produrre uno strumento tecnico adatto per il risanamento dei suoli agricoli degradati e/o contaminati, con tecniche di bio-fitorisanamento che prevedano anche il recupero energetico dalle biomasse.

L’evento del 16 luglio rappresenta l’occasione per approfondire le prospettive future per l’applicazione del “protocollo ECOREMED” e discutere, in maniera più ampia, delle problematiche ambientali in Regione Campania, fornendo al contempo l’opportunità  di celebrare l’attribuzione a LIFE+ ECOREMED del riconoscimento di “Best of the Best” LIFE Environment project.

Difatti, la Commissione europea ha voluto premiare l’esperienza concreta condotta dal progetto, sia per gli aspetti fortemente innovativi rispetto agli approcci tradizionalmente impiegati per la caratterizzazione e la bonifica/messa in sicurezza dei siti contaminati, sia per le cospicue attività di divulgazione e partecipazione che hanno accompagnato l’applicazione del “protocollo ECOREMED”, che si sono rivelate estremamente utili per informare correttamente tutti gli stakeholder.

Programma

 


“Il suolo regala tanto. Non calpestiamolo”- Convegno finale del progetto LIFE SAM4CP. Roma, 26 giugno 2018.

La mattina del prossimo 26 giugno si terrà a Roma, presso il “Centro Congressi Cavour” (via Cavour 50A), il convegno pubblico finale di presentazione dei risultati raggiunti dal progetto LIFE SAM4CP - “Modelli di gestione del suolo per il bene pubblico” (LIFE13 ENV/IT/001218), co-finanziato dal programma LIFE+ 2007-2013.

Il progetto ha visto collaborare, nel corso dei 4 anni di attività, la Città metropolitana di Torino (con il ruolo di capofila), gli enti di ricerca nazionali ISPRA e CREA, il Politecnico di Torino (tramite il Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio) e il CSI Piemonte (Consorzio informativo per la pubblica amministrazione). L’obiettivo è stato quello di dimostrare come una pianificazione del territorio che integra nei propri processi decisionali una valutazione dei benefici ambientali assicurati dal suolo libero possa garantire alla collettività una notevole riduzione del consumo di suolo e un risparmio complessivo non solo delle risorse naturali, ma anche di quelle finanziarie. A tal fine nell’ambito di LIFE SAM4CP sono stati realizzati due modelli, sotto forma di strumenti informatici (Playsoil e Simulsoil), utili alla simulazione degli effetti delle trasformazioni di uso del suolo sui servizi ecosistemici.

Il pomeriggio del 26 giugno sarà possibile partecipare, presso la stessa sede del convegno finale di LIFE SAM4CP, a un workshop formativo (a cura di CSI Piemonte) sui due strumenti software resi disponibili nell’ambito delle attività del progetto e consultabili gratuitamente sul suo sito web.

Programma convegno

Programma workshop  

 


Progetto LIFE PRIMES (LIFE14CCA/IT/001280). “National Networking Meeting” sul tema “L’innovazione nella gestione del rischio di alluvioni: buone pratiche di governance, partecipazione e comunicazione. Bologna, 18 giugno 2018.

Lunedì 18 giugno 2018  a Bologna  –  nelle sale B, C e D della Terza Torre della Regione Emilia-Romagna (Viale della Fiera, 8) – si terrà il “National Networking Meeting” di LIFE PRIMES, (“Preventing flooding RIsks by Making resilient communitiES”), progetto che si propone di ridurre i danni causati al territorio e alla popolazione da eventi come piene, alluvioni e mareggiate, dovuti a fenomeni meteorologici intensi sempre più frequenti e previsti in probabile aumento negli scenari climatici futuri.

Con LIFE PRIMES si mira, in particolare, a potenziare i sistemi di allertamento nelle tre regioni partner di progetto (Emilia-Romagna, Abruzzo e Marche), attraverso lo sviluppo di procedure e sistemi informativi omogenei e integrati a livello interregionale, la definizione di scenari di rischio e la realizzazione di uno spazio web condiviso con le comunità locali.

L’evento del 18 giugno si svolge all’interno della “Settima della Protezione Civile” –  istituita ogni anno dall’Emilia-Romagna tra maggio e giugno dopo il sisma che colpì la regione nel 2012 – ed è  finalizzato a creare un momento di confronto e sinergia tra sistemi di protezione civile di livello regionale e nazionale, progetti europei, università/centri di ricerca e organismi europei sul tema dell’innovazione nella gestione del rischio di alluvione.

Il  “National Networking Meeting” di LIFE PRIMES prevede:

  • una prima sessione in plenaria durante la mattinata nella quale ospiti e relatori parleranno della gestione del rischio di alluvioni nel quadro della Direttiva 2007/60/CE secondo punti di vista diversi;
  • due distinte sessioni pomeridiane di lavoro e discussione partecipata – alla presenza di esperti invitati dal mondo della protezione civile e di referenti di progetti europei facenti parte della rete di networking di LIFE PRIMES (tra i quali i progetti italiani LIFE DERRIS, LIFE FRANCA, LIFE IRIS) – per guardare al futuro e riflettere su: possibili azioni di miglioramento dei tool informativi di supporto alla gestione del rischio e degli strumenti di coinvolgimento dei cittadini (in caso di fenomeni alluvionali); l’omogeneizzazione dei sistemi di previsione e allertamento (criteri comuni e buone pratiche per la gestione del rischio alluvioni);
  • una sessione plenaria conclusiva per sintetizzare i risultati emersi dal confronto e le nuove proposte avanzate.

Programma giornata

È richiesta l'iscrizione online: modulo di iscrizione

 


Progetto LIFE CarbOnFarm (LIFE12 ENV/IT/000719) - Conferenza finale. Reggia di Portici (NA), 15 giugno 2018.

Venerdì 15 giugno 2018, presso la Reggia di Portici (NA), si terrà la Conferenza finale del progetto LIFE CarbOnFarm “Tecnologie per la stabilizzazione del carbonio organico del suolo, la produttività delle aziende agricole, la valorizzazione delle biomasse residuali e la mitigazione del cambiamento climatico” (LIFE12 ENV/IT/000719).

LIFE CarbOnFarm, co-finanziato dall’UE nell’ambito del Programma LIFE+, è stato coordinato dal Centro di Ricerca Interdipartimentale sulla Risonanza Magnetica Nucleare per l’Ambiente, l’Agro-Alimentare ed i Nuovi Materiali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II (CERMANU), e ha coinvolto, come beneficiari associati, anche due enti regionali: l’Assessorato Agricoltura della Regione Campania e l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura (ALSIA) della Regione Basilicata.

Il progetto ha riguardato l’adozione di metodi sostenibili per la gestione della sostanza organica dei suoli agrari, con l’obiettivo ultimo di: migliorare la stabilità e il contenuto di sostanza organica (sequestro del carbonio, con conseguente riduzione delle emissione di gas serra nell’atmosfera), recuperare la fertilità chimica e biologica dei suoli nel lungo periodo e mantenere le rese produttive con minori input energetici.

La gestione della sostanza organica si è basata sull’apporto di compost di alta qualità ottenuti dal riciclaggio delle biomasse agrarie (digestato, letame e residui colturali), prodotte localmente, e sull’aggiunta ai suoli di prodotti biocompatibili che incrementano la stabilità del carbonio organico.

Le pratiche di gestione sostenibile della sostanza organica sono state applicate in 5 aziende agrarie a diverso indirizzo produttivo (cerealicolo foraggero, ortive di pieno campo, frutteti), localizzate in Piemonte e Campania. Tra i principali output di progetto:

  • realizzazione di 1 impianto prototipale di compostaggio aziendale, presso la società agricola Prima Luce di Eboli (SA), per la produzione di compost verde da residui colturali (estensione impianto: 4.000 mq ; capacità produttiva: circa 5.000 t/anno di compost maturo);
  • realizzazione di 1 prototipo per il rilevamento dei gas serra dai suoli agrari, a batterie solari, basato su un sistema di camere di misura indipendenti e una centralina di rilevamento e ricezione/trasmissione dati in modalità wi-fi;
  • realizzazione di 1 manuale sulle tecniche di compostaggio aziendale e di 2 video sul funzionamento dell’impianto prototipale utilizzato nel progetto.

Nel corso della Conferenza di LIFE CarbOnFarm, oltre alla presentazione dei risultati raggiunti dal progetto, saranno trattati altri importanti temi legati al ruolo della sostanza organica nella sostenibilità aziendale, al sequestro del carbonio organico nei suoli agrari, al compostaggio aziendale, ecc.

Programma

 


Convegno finale del progetto LIFE RES MARIS (LIFE13 NAT/IT/000433). Villasimius (CA), 24-25 maggio 2018

Nei giorni 24 e 25 maggio 2018 si è svolto a Villasimius il convegno finale del progetto LIFE RES MARIS, finalizzato alla presentazione dei risultati raggiunti nei 4 anni di attività.

LIFE RES MARIS - “Recovering Endangered habitatS in the Capo Carbonara MARIne area, Sardiniaha avuto come territorio di riferimento il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) “Isola dei Cavoli, Serpentara, Punta Molentis e Campulongu” (ITB040020), localizzato nella Sardegna sud-orientale (nel comune di Villasimius) e coincidente quasi integralmente con il perimetro dell’Area Marina Protetta Capo Carbonara.

Gli obiettivi di LIFE RES MARIS sono stati la conservazione e il recupero degli ecosistemi marini e terrestri che costituiscono la spiaggia sommersa e quella emersa e, in particolare, degli habitat prioritari (della Direttiva 92/43/CEE) “Praterie di Posidonia oceanica” (1120*), “Dune costiere con ginepri” (2250*) e “Dune con foreste di pini” (2270*).

L’evento finale di LIFE RES MARIS, oltre ad aver rappresentato un momento di restituzione dei risultati e dei prodotti del progetto, ha consentito a chi ha vissuto in prima persona le attività progettuali (scuole, operatori turistici, cittadini) di conoscere le buone pratiche e le attività realizzate, o in corso di realizzazione, da altri progetti di rilievo nazionale e internazionale.

La prima giornata dell’evento – il momento convegnistico vero e proprio – si è svolta presso l’Hotel Cormoran, con la partecipazione di relatori di fama nazionale e internazionale. Referenti del Punto di Contatto Nazionale LIFE hanno potuto illustrare, in tale occasione, le caratteristiche del nuovo programma di lavoro LIFE e le opportunità dell’Invito a presentare proposte per l’annualità 2018. Nel corso dei lavori della giornata è stato possibile effettuare, inoltre, la visita di alcune aree di intervento delle azioni concrete a terra previste dal progetto.

La seconda giornata è stata dedicata, invece, a una visita dell’Area Marina Protetta Capo Carbonara e delle aree degli interventi a mare di LIFE RES MARIS.

Programma

 


 

 

 

LIFE GPPbest (LIFE14 GIE/IT/000812) Conferenza finale del progetto. Matera, 25 maggio 2018.

Il giorno 25 maggio 2018 si terrà a Matera, presso il Palazzo Viceconte (Via San Potito 7), la conferenza europea del progetto LIFE GPPbest dal  titolo “Nuove sfide e opportunità per la diffusione del GPP in Italia e in Europa - Esperienze, spunti e idee dal progetto GPPbest”.

Nell’arco di 30 mesi, il progetto LIFE GPPbest - “Best practicesexchange and strategictools for GPP” ha visto 3 regioni italiane (Basilicata, Lazio e Sardegna) e il Ministero dell’Ambiente della Romania impegnati in attività di scambio di buone pratiche e diffusione degli acquisti verdi che hanno portato all’adozione di 4 Piani di Azione per il GPP, alla pubblicazione di oltre 20 bandi verdi, nonché all’adozione della “Carta degli Impegni per il GPP” da parte delle Stazioni Uniche Appaltanti regionali.

L’evento del 25 maggio si configura come la conferenza finale del progetto LIFE GPPbest e mira a condividere con altre amministrazioni pubbliche e stakeholder di livello europeo i metodi di lavoro adottati e i risultati ottenuti, con l’obiettivo ultimo  di tracciare nuovi percorsi di attività e costruire delle piattaforme di collaborazione tematiche.

Programma

Per iscrizionigppbest@regione.basilicata.it

 


 Progetto LIFE ECO TILES (LIFE14 ENV/IT/000801)Evento finale. Camerino (MC), 11 maggio  2018.

Si terrà il giorno venerdì 11 maggio 2018, presso il Polo di Scienze della Terra dell’Università di Camerino (via Gentile III da Varano, Camerino - MC), l’evento finale del progetto LIFE ECO TILES (Metodologie innovative per il riciclaggio degli scarti urbani ed edili nella produzione di piastrelle”),  coordinato dalla stessa Università di Camerino in partnership con Grandinetti s.r.l., azienda specializzata nella produzione di mattonelle in cemento, sia tradizionali che artistiche.

LIFE ECO TILES ha avuto  lo scopo di dimostrare la possibilità di produrre prodotti prestampati in cemento (Terrazzo tiles) completamente riciclati usando vetri provenienti da rifiuti urbani ed industriali, ceramiche e scarti da costruzione e demolizione (CDW). Tale produzione avrà un impatto ambientale sostanzialmente più basso della tradizionale produzione di mattonelle in cemento e comporterà la manifattura di prodotti pre-stampati di alto valore. I prodotti ECO TILES contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi EU 2020 sull’efficienza dei rifiuti e delle risorse, riducendo le emissioni, gli scarti e gli impatti sia sulla salute dell’uomo sia sull’ambiente.

L’incontro dell'11 maggio –  dedicato al tema “Nuovi materiali ecosostenibili dai rifiuti: sinergie di successo tra industria e università” –  consentirà, in particolare:

-al team di progetto di diffondere i risultati raggiunti da LIFE ECO TILES;

-a referenti del Punto di Contatto Nazionale LIFE di illustrare le novità del programma LIFE per il periodo 2018-2020 e le opportunità fornite dalla Piattaforma delle Conoscenze” del Ministero dell’Ambiente (specialmente in relazione alle priorità tematiche in materia di “rifiuti” ed “efficienza delle risorse, economia verde e circolare”;

-a rappresentanti di altri progetti LIFE di cui al settore di intervento “rifiuti”  (LIFE GREEN SINKS e LIFE FIBERS) di far conoscere le potenzialità delle soluzioni da questi introdotte per la salvaguardia dell’ambiente.

Al termine dell’evento è prevista una visita guidata all’azienda partner di progetto e al Museo della produzione e dell’elettricità (S. Severino Marche).

Programma

Per iscrizione all’evento: www.ecotiles-lifeproject.eu/it/notizie-ed-eventi/nuovi-materiali

Per maggiori informazioni:  ecotiles@unicam.it

 


LIFE HORTISED (LIFE14 ENV/IT/000113)  - Workshop conclusivo del progetto. Sesto Fiorentino (FI), 20 febbraio 2018.

Martedì 20 febbraio 2018 a partire dalle ore 9.30, presso la sede DISPAA-UNIFI di Sesto Fiorentino (FI), si terrà il workshop conclusivo del progetto LIFE HORTISED (“Dimostrazione dell’idoneità dei sedimenti dragati bonificati all’utilizzo per una produzione vivaistica e frutticola sana e sostenibile”), co-finanziato dall’UE nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020.

LIFE HORTISED ha avuto l’obiettivo  di valutare l’idoneità di sedimenti portuali dragati e bonificati ad essere utilizzati come alternativa nella preparazione di substrati di coltivazione nel vivaismo e in frutticoltura. Più nel dettaglio, il progetto ha inteso dimostrare le potenzialità dei substrati di coltivazione contenenti sedimenti dragati e fitorimediati mediante il loro utilizzo per la coltivazione in contenitore di lattuga, melograno e fragola, scelte come piante modello, in Italia e Spagna. Le stesse specie, come controllo, sono state coltivate anche sui tradizionali substrati di crescita a base di torba, per permettere la valutazione delle performance dei substrati di coltivazione innovativi.

Nel corso del workshop -  patrocinato dalla Regione Toscana -  oltre alla presentazione dei risultati raggiunti da LIFE HORTISED, è prevista una visita guidata al sito dimostrativo del progetto.

Programma

Per informazioni: lifehortised@gmail.com

 


Prima Conferenza del progetto Life4MarPiccolo - Taranto, 12 dicembre 2017.

Il giorno 12 dicembre 2017, presso l’Aula Magna del Polo Universitario Jonico di Taranto (via Duomo, 259), si terrà la prima Conferenza del progetto Life4MarPiccolo Nuova vita per il Mar Piccolo” (LIFE14 ENV/IT/000461), co-finanziato dall’UE nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020 ,  

L’obiettivo generale di Life4MarPiccolo è la riqualificazione ambientale del Mar Piccolo di Taranto attraverso un’azione diretta di bonifica di porzioni discrete dei fondali e delle acque gravemente contaminati da metalli pesanti, Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) e PoliCloroBifenili (PCB). La bonifica del bacino sarà effettuata mediante la progettazione e la realizzazione di un impianto pilota di depurazione basato sulla microfiltrazione a membrana. Tale approccio permetterà di abbattere significativamente la contaminazione da PCB, IPA e metalli pesanti dai fondali e, conseguentemente, dalla colonna d’acqua, raggiungendo concentrazioni entro i limiti imposti dalle attuali norme nazionali e comunitarie. Inoltre, nell’ambito del progetto verrà elaborato un protocollo d’intervento per il risanamento ambientale di siti marini costieri italiani ed europei (lagune interne, zone portuali, ecc.) con problematiche di inquinamento analoghe a quelle del Mar Piccolo di Taranto al fine di fornire agli enti preposti validi strumenti per la gestione ecosostenibile delle aree marine.

In occasione della prima Conferenza di i partner di Life4MarPiccolo (ENEA - Centro Ricerche Trisaia,  CNR - Istituto per l’Ambiente Marino Costiero, Comune di Taranto, Genelab srl, Nova Consulting srl) presenteranno il progetto, illustrando nel dettaglio  il contesto e le motivazioni alla base dello stesso, i suoi obiettivi specifici, le attività previste, i destinatari e i risultati attesi.

Dopo la presentazione del progetto, si svolgerà una tavola rotonda sul tema La bonifica dei siti contaminati: una opportunità per l'ambiente e l'occupazione”, alla quale interverranno, tra gli altri: il Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto; il  Direttore Generale di Arpa Puglia; il  Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL di Taranto.

Programma

Per maggiori informazioni sull’evento: http://www.lifemarpiccolo.it/eventi-e-news/85-variation-2/109-prima-conferenza-di-progetto

 


Evento LIFE VITISOM presso Guido Berlucchi & C. S.p.A. - Borgonato di Corte Franca, Piazza Duranti n. 4 (BS)  - 5 dicembre 2017.

Il giorno 5 dicembre 2017, presso lazienda vitivinicola Guido Berlucchi & C. S.p.A. di Borgonato di Corte Franca (BS), si terrà il Workshop: “Le emissioni di gas ad effetto serra in ambito agricolo: innovazione per una crescita sostenibile. L’evento si inserisce nell’ambito del progetto LIFE VITISOM - “VITiculture Innovative Soil Organic Matter management: variable-rate distribution system and monitoring of impacts” (LIFE15/ENV/IT/000392).

L’obiettivo generale del progettocoordinato dall’Università degli Studi di Milano, è quello di promuovere una gestione sostenibile del suolo in viticultura, attraverso lo sviluppo, la sperimentazione e scale-up di un’innovativa tecnologia per la concimazione organica del vigneto a rateo variabile.

In occasione del Workshop verranno presentati alcuni dei primi risultati ottenuti dal progetto e sarà possibile visionare i prototipi in uso presso l’azienda partner di progetto messi a punto grazie a LIFE VITISOM.

All’evento parteciperanno anche i rappresentati di altri progetti LIFE italiani e europei nell’ottica di coinvolgere e divulgare a livello internazionale innovazioni e metodi per un’agricoltura sostenibile.

Programma

La partecipazione al Workshop è gratuita previa iscrizione a: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-agricoltura-40-39587246520.

 


Progetto LIFE FoResMit – Workshop tematico. Vaglia (Firenze), 15 Maggio 2017

Il giorno 15 Maggio 2017, presso il Parco mediceo di Pratolino (via Fiorentina, 276, Vaglia-Firenze), si svolgerà il Workshop tematico del progetto FoResMit (LIFE14 CCM/IT/000905) - “Recupero di foreste degradate di conifere per il ripristino della sostenibilità ambientale e la mitigazione dei cambiamenti climatici”.

Il progetto transnazionale FoResMit – coordinato dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA), in partenariato con la Città metropolitana di Firenze, l’Università della Tracia e il Direttorato per le foreste di Tracia e Macedonia – ha l’obiettivo generale di definire le linee guida di buone pratiche selvicolturali per il ripristino di aree peri-urbane boschi di conifere degradate in Italia e Grecia, migliorando la stabilità ecologica potenziale e la mitigazione dei cambiamenti climatici di questi ecosistemi.

FoResMit si propone di testare e verificare in campo l’efficacia di diverse opzioni selvicolturali nel raggiungimento dell’obiettivo di mitigazione dei cambiamenti climatici e intende fornire dati sulla struttura della vegetazione, l’incremento della   biomassa, l’accumulo di carbonio in tutte le componenti della vegetazione e del suolo, le emissioni di CO2 e di altri gas ad effetto serra, dando così un quadro completo del potenziale di mitigazione delle pratiche di gestione

Programma

Per ragioni organizzative è necessario dare conferma della partecipazione al seguente indirizzo lifeforesmit@gmail.com

 


Evento LIFE VITISOM (LIFE15/ENV/IT/000392) su “Innovazione e Biodiversità” presso Castello Bonomi Tenute in Franciacorta. Coccaglio (BS), 19 maggio 2017.

Il giorno 19 maggio 2017, presso l’azienda partner di progetto Castello Bonomi Tenute in Franciacorta di Coccaglio (BS), si terrà il secondo meeting dimostrativo di LIFE VITISOM (LIFE15/ENV/IT/000392), incentrato sul tema “Innovazione e Biodiversità”.

LIFE VITISOM (“VITiculture Innovative Soil Organic Matter management: variable-rate distribution system and monitoring of impacts”) si propone di introdurre un sistema innovativo di concimazione organica in viticoltura in grado di migliorare la qualità dei suoli vitati in termini di struttura del suolo, contenuto di materia organica e biodiversità. L’innovazione consiste nell’applicazione di una tecnologia Variable-rate, vale a dire di un sistema a rateo variabile che garantisce dosaggi calibrati di concimi organici in funzione delle effettive esigenze nutrizionali dei vigneti. La sua applicazione consentirà di prevenire la compattazione, i fenomeni di erosione e la diminuzione della sostanza organica nei suoli vitati, incrementando la fertilità degli stessi e la qualità delle produzioni viticole.

La partnership, coordinata dall’Università degli Studi di Milano, vede coinvolte altre due aziende vitivinicole (Guido Berlucchi & C. S.p.A., Azienda Agraria degli Azzoni Avogadro Carradori s.s. soc. agr.), l’azienda costruttrice Casella Macchine Agricole S.r.l. ed enti di ricerca pubblici e privati (Università di Padova, Westsystems e Consorzio Italbiotec).

La giornata del 19 maggio p.v. si articolerà in sessioni di carattere tecnico-divulgative moderate da Leonardo Valenti e Isabella Ghiglieno, rispettivamente coordinatore e project manager del progetto.

Importante la partecipazione delle Associazioni di categoria, con l’intervento di rappresentanti del Consorzio per la tutela del Franciacorta, della Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, nonché della Lombardy Green Chemistry Association.

Programma

Iscrizioni su Eventibrite oppure tramite e-mail: presidenza@italbiotec.it  

 


CAMBIAMENTI CLIMATICI E INDUSTRIA La Strategia di Adattamento e Mitigazione della Regione Emilia Romagna e le Politiche di Adattamento nel Settore Industriale – 13 luglio 2016 Bologna

Il Progetto LIFE IRIS (http://www.lifeiris.eu/) opera per aumentare la resilienza delle imprese attraverso la realizzazione di piani d’azione, riferiti a tre cluster industriali, e per studiare meccanismi finanziari/assicurativi premianti nei confronti delle aziende che adottano misure di adattamento.

Un’opportunità per realizzare una prima sperimentazione volta a individuare soluzioni operative per la gestione del rischio nelle imprese, derivante da eventi climatici di portata straordinaria.

La Regione Emilia–Romagna ha avviato un processo per l’elaborazione di una “Strategia unitaria per il clima” , che integra le azioni di adattamento e mitigazione, per accelerare il raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione effettiva delle emissioni di gas “serra” e, contestualmente, per migliorare la capacità di adattamento del sistema regionale. La strategia verrà costruita con il contributo di ciò che già è programmato e pianificato nei differenti piani di settore e con il coinvolgimento di tutti gli attori presenti sul territorio regionale.

Il 13 luglio, a Bologna, si svolgerà, un evento che rappresenta l’occasione di confronto e di scambio di conoscenze aggiornate sull’impatto dei cambiamenti climatici, per offrire spunti di riflessione agli operatori impegnati nella prevenzione, condividendo quindi i primi risultati del Progetto Life IRIS.

Sul sito del progetto LIFE IRIS il programma dell’incontro e la possibilità di registrarsi:
http://www.lifeiris.eu/cambiamenti-climatici-industria-cambia-clima-possiamo-intervenire/

 


Progetto HORTISED – giornata di presentazione

Il 27 giugno si svolgerà, a Pieve a Nievole (PT), una giornata di presentazione del progetto HORTISED “Dimostrazione della idoneità dei sedimenti dragati bonificati per la produzione vivaistica e frutticola sicura e sostenibile” (LIFE14 ENV/IT/000113).

Il progetto ha lo scopo di dimostrare la possibilità di utilizzare i sedimenti dragati dal porto di Livorno, bonificati mediante l’utilizzo della tecnologia sviluppata nell’ambito dei progetti AGRIPORT (co-finanziato dalla Commissione Europea attraverso il Programma CIP Ecoinnovation e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), e CLEANSED (progetto LIFE12 ENV/IT/000652) come substrato di coltivazione alternativo a quelli comunemente utilizzati nella produzione vivaistica e per la produzione di frutti; i sedimenti verranno testati su due specie tipiche dell’ambiente mediterraneo: fragola e melograno.

Allegati:

Info:
www.lifehortised.com
http://www.lifecleansed.com/it/

 


22 GIUGNO 2016 ore 10.00, Giornata divulgativa Progetto LIFE14 CCM/IT/000905 "Recovery of degraded coniferous forests for environmental restoration and climate change mitigation" - LIFE FoResMit, Parco territoriale Monte Morello , Località Fonte dei Seppi (provincia di Firenze)

La Giornata divulgativa è volta ad illustrare i criteri e le modalità dei diradamenti che verranno effettuati a breve nelle pinete di Monte Morello nell'ambito del Progetto.

Con il progetto LIFE FORESMIT si vuol, raggiungere l’obiettivo di definire le linee guida per buone pratiche selvicolturali per il ripristino di boschi di conifere in Italia e Grecia, in aree peri-urbane degradate con specie native di latifoglie, migliorando il potenziale ecologico, la stabilità e la mitigazione dei cambiamenti climatici di questi ecosistemi.

In sintesi:
un bosco più stabile in grado di resistere a eventi atmosferici forti e intensi;
un bosco più naturale in grado di rigenerarsi da solo nel tempo;
un bosco con maggiore diversità di specie;
un ecosistema più resistente ai danni da insetti e da funghi;
un minore rischio di incendi;
l’aumento della produttività delle piante e quindi della capacità di assorbire co2 dall’atmosfera attraverso la fotosintesi;
un maggiore accumulo di carbonio nel suolo;
una minore degradazione del legno morto e quindi una riduzione delle emissione di gas a effetto serra;
un bosco più luminoso, percorribile e accogliente per i visitatori;
Ciò che sarà prelevato andrà a produrre energia elettrica e termica, in sostituzione del petrolio con una fonte di energia rinnovabile a impatto zero sul ciclo del carbonio.

Info: http://lifeforesmit.com/it