Nasce a Milano la rete mondiale dei centri finanziari per la sostenibilità

Il 12 e il 13 aprile 2018, i rappresentanti di 20 centri finanziari di tutto il mondo impegnati sui temi dello sviluppo sostenibile si sono ritrovati a Milano sotto l’egida del Ministero dell’Ambiente in partnership con il Programma Ambientale delle Nazioni Unite per costituirsi in una rete globale. Gli obiettivi sono stati quelli di favorire lo scambio di conoscenze e di esperienze sulla finanza sostenibile e sulla finanza per il clima, di valorizzare le migliori pratiche di innovazione finanziaria e, in sintesi, di facilitare la mobilitazione dei capitali verso attività economiche sostenibili. Il progetto è nato nell’ambito della presidenza italiana del G7 e sarà sostenuto nella fase di avvio dal Governo Italiano.

Nel pomeriggio di giovedì 12, un evento pubblico al Salone del Risparmio ha celebrato il battesimo della rete. Dopo i saluti istituzionali di Arianna Caporello, city manager di Milano, e di Francesco La Camera, direttore generale del Ministero dell’Ambiente, sono intervenuti Erik Solheim, direttore esecutivo di UN Environment e vice segretario generale delle Nazioni Unite, Anna Genovese, presidente vicario della Consob, e Ugo Bassi, capo della direzione Mercati Finanziari della Commissione Europea. Una tavola rotonda è stata animata dai rappresentanti dei centri finanziari di Shenzen, Ginevra, Casablanca e Dublino.

Parallelamente, nell’ambito dell’Osservatorio Italiano sulla Finanza Sostenibile, è stato avviato il percorso per la creazione del Centro Finanziario Italiano per la Sostenibilità (CFIS), con base a Milano. Il CFIS opererà come un laboratorio di innovazione finanziaria, che costruirà soluzioni originali per rispondere alla domanda di capitali necessari per la transizione verso un’economia sostenibile.

• Programma (EN)

 


UK Italy Green Finance Round Table

Finanza “verde” è un termine ampio che può riferirsi sia agli investimenti in progetti sostenibili che in prodotti “green”. Giovedi 25 gennaio 2018 l’ambasciatore britannico in Italia, Jill Morris, ha ospitato una tavola rotonda sulla Finanza Verde presso l’Università Bocconi di Milano, invitando i partecipanti a contribuire sul tema “Cosa rende ‘verde’ il verde?”. Esperti dal Regno Unito, dall’Italia e dalla Commissione Europea hanno approfondito le principali tematiche sulla possibilità di omologare gli standard verdi e far emergere quote di mercato per i prodotti a essi allineati.

Green finance is a broad term that can refer to investments in sustainable projects and environmental products. On Thursday 25th January 2018 British Ambassador to Italy, Jill Morris, hosted a Green Finance Round Table at the Bocconi University in Milan, inviting a discussion on “What makes ‘green’ green?”. Experts from the UK, Italy and European Commission explored the critical issue of how to align green standards and achieve market scale.

• Programma

• Introductory remarks by Ambassador Jill Morris

• Opening, Prof. Edoardo Croci, Università Bocconi

• Aldo Ravazzi, Italian Ministry of Environment - TA Sogesid

• Anjalika Bardalai, TheCityUK

• Anna Grochowska, European Commission, Capital Markets Union

• Paddy Arber, Aviva, Responsible Business, Responsible Policy

• Lucia Silva, Generali

• Sara Lovisolo, Group Sustainability Manager, London Stock Exchange Group

 


Convegno sui centri finanziari per la sostenibilità - One Planet Summit

Il 13 dicembre a Parigi, nell'ambito degli eventi del vertice “One Planet Summit”, che ha celebrato il secondo anniversario dell’Accordo di Parigi, si è tenuto il Convegno "Financial centres: mobilising capital to accelerate climate action". Organizzato dal Ministero dell’Ambiente italiano, Paris Europlace - Finance for Tomorrow e UN Environment, l'evento trae origine dal lavoro svolto nell'ambito della presidenza dell’Italia del G7 sul tema del ruolo dei centri finanziari leader mondiali nel mobilitare i capitali necessari per accelerare l’azione sul clima e lo sviluppo sostenibile.

Nel corso del convegno è stato lanciato il primo rapporto sullo “stato dell’arte” delle iniziative dei centri finanziari sui temi della finanza verde e sostenibile, preparato da UN Environment, ed è stato presentato un primo studio di benchmarking della piazze finanziarie in termini di finanza verde. All'evento sono intervenuti i rappresentanti dei centri finanziari di Canada, Cina, Francia, Italia, Lussemburgo, Marocco e Regno Unito. I lavori sono stati aperti dal keynote speech del Ministro dell'Ambiente, on. Gian Luca Galletti.

• Locandina

• Agenda

• Presentazioni dei relatori

• Intervento del Ministro Galletti (versione italiana)

• UN Environment Inquiry Report - Accelerating the Financial Centre Action on Sustainable Development

• Climate-KIC, PWC and I4CE Report - Benchmarking the Greenness of Financial Centres

• Galleria fotografica

 


Network internazionale dei centri finanziari per la finanza sostenibile

Il 27-29 settembre 2017, a Casablanca, si è tenuto un importante incontro internazionale dei centri finanziari per lo sviluppo sostenibile, che ha adottato la Dichiarazione di Casablanca, sottoscritta dai rappresentanti dei maggiori centri finanziari globali, tra cui Londra, Parigi, Shangai e Milano.

L’incontro fa seguito al G7 Ambiente di Bologna dell’11-12 giugno 2017, in cui è stato riconosciuto il ruolo dei centri finanziari - intesi come città del globo dove sono altamente concentrate le attività bancarie, finanziarie e assicurative - nella realizzazione degli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima e dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile. La presidenza italiana del G7, fra l’altro, si è impegnata a ospitare a Milano il prossimo anno il meeting inaugurale delle attività di un Network di collaborazione fra i centri finanziari globali.

La Dichiarazione di Casablanca sancisce l’impegno di un nucleo preliminare di 11 centri finanziari a cooperare attraverso il Network internazionale, puntando a sfruttare le sinergie associate alla cooperazione fra centri operanti in diverse regioni del mondo in questa fase di crescente attenzione delle comunità finanziarie verso i temi dello sviluppo sostenibile. A Casablanca i centri finanziari hanno espresso la volontà di ampliare ulteriormente la partecipazione al Network, di dotarsi di regole di governance e di un programma di lavoro comune su alcuni temi prioritari (tra cui la definizione di standard comuni e la misurazione delle performance di sostenibilità dei centri finanziari).

L’incontro è stato organizzato dalla Casablanca Finance City Authority (CFCA), dal programma “UN Environment - Inquiry into the Design of a Sustainable Financial System”, dal Ministero italiano dell’Ambiente e dalla presidenza marocchina della COP 22 sui cambiamenti climatici.

In occasione del summit che si terrà nella capitale francese il prossimo dicembre a distanza di due anni dall’Accordo di Parigi, la presidenza italiana del G7 organizzerà un side-event di promozione del Network.

• Casablanca Statement on Financial Centres for Sustainability 

• Presentations

 


Dialogo Nazionale per la Finanza Sostenibile

L’approvazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici impone una nuova spinta all’innovazione anche nel settore finanziario.

Nel febbraio 2016 è stato lanciato il Dialogo Nazionale per la Finanza Sostenibile con lo scopo di fare il punto sulle pratiche in essere, identificare le sfide strategiche e proporre le opzioni di politiche che consentano di effettuare un salto di qualità a partire dai numerosi e promettenti segnali di cambiamento attuali.

Il Dialogo è stato promosso dal Ministero dell’Ambiente insieme ad altri Ministeri ed Autorità e si è articolato in una serie di gruppi di lavoro che hanno coinvolto esperti ed esponenti del settore finanziario e del mondo della ricerca.

L’iniziativa è stata organizzata in partenariato con il team dell’UNEP (Programma Ambientale delle Nazioni Unite) denominato Unep Inquiry, che ha arricchito il dibattito nazionale portando la propria esperienza internazionale sul tema della finanza sostenibile.  Leggi tutto

 


-  Documentazione e link   

-  Altri link utili
 

Contatto: DG Sviluppo Sostenibile, Aldo Ravazzi