Tu sei qui

Impianti "opt out" (art. 38 del D.lgs. 30/2013)

 

Indice


1. Disciplina degli impianti "opt-out"
2. Registro Nazionale Piccoli Emettitori (RENAPE)
3. Impianti in chiusura o in sospensione
4. Modifiche all’identità del gestore, alla natura o al funzionamento dell’impianto, ampliamenti o riduzioni della capacità superiori al 20% della capacità produttiva
5. Modalità di invio della comunicazione delle emissioni
6. Delibere in materia di comunicazione delle emissioni
7. Delibere di approvazione dei piani di monitoraggio
8. Delibere inerenti gli impianti "opt-out"


 

1. Disciplina degli impianti "opt-out"

L’art. 38 del D.lgs. 30/20013, come modificato dal Decreto Legislativo 2 luglio 2015, n. 111, permette di escludere gli impianti di dimensioni ridotte dal sistema per lo scambio delle quote di emissione di gas ad effetto serra a condizione che ad essi siano applicate misure di riduzione delle emissioni "equivalenti" a quelle che sarebbero state loro applicate se fossero rimasti nel sistema. Con deliberazione 16/2013 il Comitato ha approvato le disposizioni in attuazione del sopra citato articolo tra cui si evidenziano quelle inerenti il monitoraggio delle emissioni di gas serra.

In particolare la deliberazione 16/2013 (pdf, 169 KB) aggiornata in seguito con la deliberazione 22/2013 (pdf, 495 KB) e con la deliberazione 25/2013 (pdf, 32 KB), stabilisce che i gestori degli impianti in questione redigono il Piano di monitoraggio sulla base del format (xls, 64 KB) approvato dal Comitato, lo sottoscrivono con firma digitale e lo inviano al Comitato per l’approvazione agli indirizzi di posta elettronica ras.monitoraggio-et@minambiente.it e piccoliemettitori.esclusiETS@mise.gov.it.

Si raccomanda di inserire nelle e-mail di invio la richiesta di lettura/ricezione del messaggio e di indicare nell’oggetto dell’e-mail “Aut. n. xxxx: PdM_OPT-OUT”, sostituendo xxxx con il numero di autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra dell’impianto. Nel caso in cui fosse necessario allegare al Piano di cui sopra ulteriori evidenze documentali, si richiede di includere i file in cartelle in formato.zip di dimensioni non superiori ai 5MB (utilizzando, se necessario, più di una e-mail).

In data 20 dicembre 2013 il Comitato ha approvato la deliberazione 26/2013 (pdf, 140 KB), nel quale sono indicate le procedure per le comunicazioni dovute dai gestori degli impianti "opt-out". Di seguito sono specificate le modalità di invio delle comunicazioni.

Ad integrazione e modifica delle delibere 16/2013 e 26/2013, il Comitato ha approvato le seguenti deliberazioni:

A supporto della deliberazione 69/2017 viene riportato di seguito il modulo inserito in allegato I della delibera stessa:
-      Modulo allegato I delibera 69/2017 (xlsx, 23 KB)
 

Torna su...


2. Registro Nazionale Piccoli Emettitori (RENAPE)

Ai sensi dell’articolo 38, comma 7, lettera g) del decreto Legislativo n.30/2013, come modificato dal Decreto Legislativo 2 luglio 2015, n. 111, è istituito presso il Comitato il Registro Nazionale Piccoli Emettitori (RENAPE) (pdf, 1.354 MB).

Torna su...


3. Impianti in chiusura o in sospensione

Lo stato di chiusura o sospensione deve essere comunicato al Comitato tramite la compilazione dell’apposita dichiarazione secondo il modello per la comunicazione di chiusura/sospensione (doc, 20 KB) , debitamente sottoscritto con firma digitale, agli indirizzi di posta elettronica ets@minambiente.it e piccoliemettitori.esclusiETS@mise.gov.it, entro 10 giorni dal verificarsi della circostanza. SI raccomanda di indicare nell’oggetto dell’ e-mail "Aut. n. xxxx: CASO_OPT-OUT", sostituendo xxxx con il numero di autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra dell’impianto. Si raccomanda di inserire nelle e-mail di invio la richiesta di lettura/ricezione del messaggio e di non eccedere la dimensione di 5MB (se necessario, possono essere inviate più e-mail).

Torna su...


4. Modifiche all’identità del gestore, alla natura o al funzionamento dell’impianto, ampliamenti o riduzioni della capacità superiori al 20% della capacità produttiva

I casi di:
    - Modifica dell’identità del gestore;
    - Modifica del funzionamento dell’impianto;
    - Ampliamenti o riduzioni della capacità superiori al 20% della capacità produttiva,
sono comunicati al Comitato tramite l’invio del piano di monitoraggio aggiornato, sottoscritto con firma digitale, agli indirizzi di posta elettronica ras.monitoraggio-et@minambiente.it e piccoliemettitori.esclusiETS@mise.gov.it indicando nell’oggetto dell’ e-mail "Aut. n. xxxx: AGGIORNAMENTO PdM_OPT-OUT", sostituendo xxxx con il numero di autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra dell’impianto, ed inserendo la richiesta di lettura/ricezione del messaggio. Nel caso in cui fosse necessario allegare al Piano di cui sopra ulteriori evidenze documentali, si richiede di includere i file in cartelle in formato.zip di dimensioni non superiori ai 5MB (utilizzando, se necessario, più di una e-mail).

In data 22 Aprile 2015 il Comitato ha approvato la Delibera 20/2015 (pdf, 1.019 MB) contente la metodologia per la rideterminazione delle emissioni consentite per gli impianti OPT-OUT, ai sensi dell’art.5, comma 5, della Delibera 16/2013.

I gestori degli impianti interessati dovranno:
- compilare il seguente Modello per la rideterminazione delle emissioni (xlsx, 69 KB);
- inviare il modello, secondo le modalità previste dall’articolo 7, comma 3, della Delibera 16/2013, ad entrambi gli indirizzi di posta elettronica ras.comunicazioni@minambiente.it e piccoliemettitori.esclusi@mise.gov.it .

Torna su...


5. Modalità di invio della comunicazione delle emissioni

La comunicazione delle emissioni deve essere effettuata secondo le disposizioni inserite nella Delibera 13/2014 (pdf, 293 KB). A tal fine, è stato predisposto:

 

Tutta la documentazione, sottoscritta con firma digitale, dovrà pervenire agli indirizzi di posta elettronica ras.comunicazioni-et@minambiente.it e piccoliemettitori.esclusiETS@mise.gov.it indicando nell’oggetto dell’ e-mail “Aut. n. xxxx: COMUNICAZIONE EMISSIONI_OPT-OUT”, sostituendo xxxx con il numero di autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra dell’impianto, ed inserendo la richiesta di lettura/ricezione del messaggio. Qualora i files di un singolo invio eccedano la dimensione di 5 MB, si raccomanda di non inviarli mediante la creazione di file archivio multipli e di inserire i documenti in cartelle delle dimensioni di massimo di 30 MB.

Si raccomanda ai gestori degli impianti di cui all’art. 8 della Delibera 16/2014, di indicare nel testo della e-mail che si tratta di un impianto al di sotto delle 5.00 TCO2eq.

Torna su...


6. Delibere in materia di comunicazione delle emissioni

Il Comitato nazionale di gestione e attuazione della direttiva 2003/87/CE ha emanato le seguenti deliberazioni in materia di comunicazione delle emissioni:

Torna su...


7. Delibere di approvazione dei piani di monitoraggio

Il Comitato nazionale di gestione e attuazione della direttiva 2003/87/CE ha emanato le seguenti deliberazioni di approvazione dei piani di monitoraggio:

Torna su...


8. Delibere inerenti gli impianti "opt-out"

Sono riportate in questa sezione le Delibere adottate dal Comitato in merito agli impianti "opt-out" interessati da problematiche particolari:

Torna su...


 

Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2017