Il 25 novembre 2014, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare della Repubblica italiana e il Dipartimento dell’Ambiente della Repubblica Islamica dell’Iran hanno firmato un Protocollo di Intesa per favorire la realizzazione di progetti per la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile, con particolare enfasi per i settori dell’energia e dei cambiamenti climatici.

Il co-finanziamento del Ministero dell’Ambiente per sostenere i progetti e le attività che saranno promosse nell’ambito del Protocollo non potrà eccedere la cifra di 3 milioni di euro.

Il Piano di Lavoro biennale, adottato il 26 aprile 2015, prevede che la cooperazione bilaterale contribuisca a dare attuazione ai Contributi Nazionali Volontari (NDC) stabiliti dall’Iran attraverso attività di rafforzamento istituzionale, trasferimento tecnologico e mediante l’identificazione di possibili iniziative nel campo della protezione della biodiversità e dell’ambiente marino.

Nel corso degli incontri bilaterali, soprattutto a seguito della missione tecnica del 17-18 luglio 2016, sono stati identificati 5 settori prioritari per la cooperazione italo-iraniana:
• gestione delle risorse idriche;
• gestione dei rifiuti;
• promozione dell’energia rinnovabile;
smart cities;
• riduzione dell’inquinamento atmosferico.

Con riferimento a tali settori, a seguito del seminario tecnico “Environmental Protection and Climate Change” (Teheran, 24 - 26 ottobre 2016), le imprese italiane e iraniane operanti nel settore della green economy sono state chiamate a presentare progetti al Department of Environment iraniano. I progetti valutati positivamente dal Dipartimento iraniano saranno poi discussi, per l’eventuale approvazione, dal Comitato Congiunto istituito nell’ambito del Protocollo d’Intesa.

A febbraio 2017, nel corso della seconda riunione del Comitato congiunto, è stato approvato il primo progetto tra quelli  presentati al Department of Environment iraniano. Il progetto (“Adozione di tecnologie di trasmissione/comunicazione UMPI/IRASCO per convertire illuminazione stradale in infrastrutture per le smart grid, monitoraggio di emissioni di gas serra, riduzione di inquinamento, miglioramento del traffico stradale e aumento dell’efficienza energetica”) consentirà di installare nella rete di illuminazione stradale di alcune aree urbane in Iran dei sistemi per il rilevamento del traffico e dell’inquinamento.

Oltre alla cooperazione bilaterale realizzata nell’ambito del Protocollo d’Intesa, il Ministero dell’ambiente co-finanzia altri progetti che promuovono lo sviluppo sostenibile nella Repubblica iraniana:

• il progetto “Supporto alle PMI dell'Iran attraverso la promozione di investimenti e trasferimento tecnologico nei settori dell’energia e ambiente”, attuato in collaborazione con UNIDO ITPO
   (Ufficio per la   Promozione dell’investimento e della Tecnologia dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale);
• l’iniziativa ICAT (Initiative for Climate Action Transparency), attuata con UNOPS;
• il piano di eliminazione degli HCFC (Idro Cloro Fluoro Carburi), II fase, realizzato in collaborazione con UNIDO nell’ambito del Protocollo di Montreal.

 

   Aggiornamenti

    20/02/2017   Seconda riunione del Comitato Congiunto a Roma
    24/02/2017   Ministro Galletti a Teheran: rafforzamento e allargamento degli ambiti di cooperazione
    10/11/2016   Ecomondo: ancora un passo nella cooperazione con l’Iran
    27/10/2016   Concluso il seminario tecnico “Environmental Protection and Climate Change
    20/09/2016   Approvato il progetto per il supporto alle PMI dell'Iran nei settori energia e ambiente
    18/09/2016   Avviso: Seminario tecnico a Teheran per il lancio della cooperazione Italia-Iran
    06/03/2016   Prima riunione del Comitato Congiunto a Teheran
 

 

Contatti
Salvatore D’Angelo
AT Sogesid
dangelo.salvatore@minambiente.it
s.dangelo@sogesid.it
Tel. 06 5722 8129

Felice Cappelluti
Cappelluti.felice@minambiente.it
Tel. 06 5722 8197

Documentazione
- Protocollo d'Intesa Italia-Iran (25 novembre 2014, EN)
- Piano di Lavoro Iran (25 aprile 2015, EN)

 

Galleria fotografica

Roma, 20 febbraio 2017 - Seconda riunione del Comitato Congiunto di attuazione del Protocollo di intesa di cooperazione ambientale

 

Teheran, 24-26 ottobre 2016 - Seminario con le imprese italiane a Teheran

 

Il direttore generale Francesco La Camera e il vice direttore del Dipartimento Ambientale della Repubblica Islamica dell’Iran Majid Shafiepour a Theran il 6 marzo 2016.
Il ministro Galletti e la vicepresidente e capo del Dipartimento dell’Ambiente della Repubblica Islamica dell’Iran, Massoumeh Ebtekar, in occasione della firma del Protocollo di Intesa avvenuta presso la Camera dei Deputati il 25 novembre 2014.
La vicepresidente dell'Iran Masoumeh Ebtekar in visita ai laboratori dell’ISPRA accompagnata dal sottosegretario Barbara Degani il 25 novembre 2014.