Marrakech, 16 novembre 2016 - La giornata al Padiglione italiano si è conclusa con l’evento “L’approccio basato sullo studio degli ecosistemi per l’adattamento ai cambiamenti climatici nelle Maldive”. Nel corso dei lavori è stato presentato l'approccio basato sullo studio degli ecosistemi per l’adattamento ai cambiamenti climatici nelle Maldive, volto ad investigare gli effetti dei cambiamenti globali e locali sugli ecosistemi costieri tropicali, con riferimento alle interazioni tra gli ecosistemi, i sistemi sociali e la gestione sostenibile delle risorse naturali.

Il Direttore Generale Francesco La Camera ha ricordato i risultati conseguiti con il Programma di cooperazione bilaterale siglato dal Ministero dell’Ambiente con il Ministero dell’Ambiente e dell’Energia della Repubblica delle Maldive mettendo l’accento sui progetti già approvati: quello sulla desalinizzazione delle acque, attraverso il processo di osmosi inversa e l’utilizzo di una cella fotovoltaica per alimentare elettricamente l’impianto, nell’isola di Magoodhoo, nell’atollo di Faafu, elaborato in collaborazione con l’Università di Milano Bicocca; e quello, definito con il supporto di ENEA, per la gestione dei dati metereologici, volto a rafforzare la rete di monitoraggio meteorologico, allarme precoce e prevenzione delle catastrofi, attraverso la realizzazione di 25 stazioni meteorologiche.

 

Galleria fotografica

Marrakech, 16 novembre 2016 - Alcuni momenti del side event “L’approccio basato sullo studio degli ecosistemi per l’adattamento ai cambiamenti climatici nelle Maldive”.