Il Ministero dell’Ambiente, insieme all’International Finance Corporation (IFC) del gruppo Banca Mondiale e agli Stati Uniti, ha lanciato nel 2010 il Solar and Led Energy Access Program (SLED) con l’obiettivo di portare energia pulita e di alta qualità alla popolazione senza accesso all’energia, allo stesso tempo alleviando la povertà, migliorando la salute e riducendo le emissioni di gas serra.

Per dare seguito al programma l’IFC ha istituito il Clean Energy Access Program (CEA) a cui il Ministero dell’Ambiente ha aderito nel 2010 sottoscrivendo uno specifico accordo per finanziare l’avvio delle attività con un importo iniziale di 10 milioni USD, successivamente integrati da ulteriori 3,5 milioni USD. Nella prima fase il programma si è concentrato sulla sostituzione delle fonti di illuminazione basate su combustibili fossili con lanterne a led alimentate da fonte solare.

La prima iniziativa avviata è stata “Lighting Africa”, il cui obiettivo è accelerare lo sviluppo del mercato di prodotti di illuminazione “off grid” nelle le zone rurali, urbane e periurbane senza accesso all’elettricità in 10 paesi dell’Africa Sub Sahariana.  È stata, poi, lanciata l’iniziativa “Lighting India volta a replicare il successo di “Lighting Africa”  in India. Entrambi i progetti sono successivamente confluiti all’interno del “Lighting Global”, la piattaforma della Banca Mondiale che sostiene la crescita internazionale del mercato solare off-grid come mezzo per aumentare rapidamente l'accesso all'energia da parte di coloro (attualmente 1,2 miliardi di persone) che non hanno accesso alla rete elettrica.

Nel 2015 ulteriori 7,25 milioni USD sono stati versati nelle casse del programma da parte del Ministero dell’Ambiente. Nel 2017, al fine di garantire l’impatto del programma nel lungo termine, il Ministero dell’Ambiente ha deciso di supportare con ulteriori 4 milioni di dollari il programma con l’obiettivo di sostenere innovazioni di mercato, ampliare l'impatto delle tecnologie emergenti come base per uno sviluppo economico sostenibile, migliorare la qualità della vita e ridurre le emissioni di gas ad effetto serra.

Anche grazie ai contributi italiani – 24,75 milioni di dollari dal 2010 ad oggi – è stato possibile dotare oltre 100 milioni di persone di moderni servizi alimentati a energia solare, per l’illuminazione domestica e la ricarica della telefonia mobile. Servizi che hanno permesso, considerando la sola area subsahariana, di evitare l’immissione nell’atmosfera di 5 milioni di tonnellate di gas serra, l’equivalente del togliere dalla strada un milione di automobili ogni anno.

 Nell’ambito del programma sono stati realizzati già oltre 100 prodotti, di cui Lighting Global certifica la qualità. Con la nuova fase, finanziata anche dal Ministero italiano dell’ambiente, si potranno realizzare e commercializzare prodotti certificati più potenti. In questo modo l’energia solare troverà applicazione, oltre che nell’ambito domestico, anche per piccole attività economiche, per esempio per l’irrigazione.

Le imprese possono partecipare al programma sottoponendo i propri prodotti al LA-QTM TEST (Lighting Africa Quality Test Method): il sistema messo a punto dalla Commissione elettrotecnica internazionale (IEC) per testare gli standard di qualità e accessibilità dei sistemi di illuminazione off-grid solare e a LED. ll sistema mette a disposizione l’elenco dei prodotti che hanno superato i test e i risultati delle prestazioni. In questo modo distributori e grossisti istituzionali possono identificare i potenziali fornitori in grado di partecipare al progetto, con possibilità di usufruire di finanziamenti da parte di BM e IFC.

Possono partecipare le imprese (o i gruppi di imprese) che operano nei seguenti settori:

1. impianti di illuminazione a LED alimentati a energia solare (fotovoltaico, inclusi componenti, circuiti e supporti ad essi correlati);
2. sistemi di ricarica di dispositivi elettronici (soprattutto cellulari) alimentati a energia solare;
3. sistemi di cottura alimentati a energia solare.

Il Programma fornisce consulenza alle imprese e offre molteplici servizi tra cui: assistenza alle strategie di accesso al mercato, gestione del rischio e sviluppo di modelli innovativi, promozione di economie di scala, assistenza nella distribuzione e vendita dei prodotti.

Tutte le informazioni utili sulle modalità di accesso ai finanziamenti e sul test LA-QTM sono disponibili sul sito della Piattaforma Lighting Global del Gruppo Banca Mondiale all’indirizzo: http://www.lightingglobal.org/

 

   Aggiornamenti

    30/03/2017   Rifinanziato il programma Lighting Global (notiziario radio)
    28/10/2016   Energy Access and Clean Energy Business Opportunities

 

Contatti
Giorgia Caropreso
AT Sogesid
caropreso.giorgia@minambiente.it
g.caropreso@sogesid.it
Tel. 06 5722 8160