Marrakech, 17 novembre 2016 - A lato della COP 22, si è tenuto il side event “Lo sviluppo dell'energia sostenibile in Libano e il potenziale per la cooperazione italiana-libanese”, organizzato dalla Divisione Affari Internazionali della Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile del Ministero dell’Ambiente e dal Centro Libanese per la Conservazione dell’Energia (LCEC). L’evento è stato dedicato a presentare l’evoluzione del mercato dell’energia sostenibile in Libano.
Il paese mediorientale sta attraversando, infatti, una fase particolarmente positiva sotto il profilo dello sviluppo di soluzioni energetiche sostenibili grazie al solido coinvolgimento del settore pubblico e alla messa a punto, da parte della Banca Centrale del Libano, di un meccanismo di finanza verde. Questa fase alimenta il bisogno di tecnologie innovative nel settore delle energie rinnovabili.

La cooperazione con il Ministero dell’Ambiente va in questa direzione: nel corso dei lavori sono stati illustrati gli obiettivi dell’Accordo Tecnico di Cooperazione sullo Sviluppo Sostenibile sottoscritto dal Dicastero italiano dell’Ambiente e dal Centro libanese per il Risparmio Energetico (LCEC) nel luglio 2016. I rappresentanti del Ministero dell’Ambiente e del LCEC hanno evidenziato come tale accordo favorirà lo scambio di know-how e le opportunità di trasferimento tecnologico tra Italia e Libano puntando su un modello di sviluppo che trasformi il sistema di approvvigionamento e gestione dell’energia nell’ottica di una maggiore sostenibilità.

 

Galleria fotografica

Marrakech, 17 novembre 2016 - Alcuni momenti del side event organizzato dal Ministero dell’Ambiente e dal Centro Libanese per la Conservazione dell’Energia (LCEC).