Tu sei qui

Notizie dai beneficiari LIFE+

Workshop Ambiente e salute: metodi innovativi di comunicazione. Rete KTE Knowledge Transfer and Exchange

In occasione del 25° anniversario del programma LIFE, il 26 ottobre 2017 si è tenuto a Pisa, nell'ambito del Festival dell'innovazione in Sanità Pubblica, il workshop "Ambiente e salute: metodi innovativi di comunicazione", promosso dalla Rete Life KTE EnvHealth (Knowledge Transfer and Exchange in Environment and Health).
La Rete Life KTE EnvHealth è composta da 10 progetti LIFE ed è stata istituita per facilitare l'uso di strumenti condivisi, per scambiare e diffondere risultati scientifici, effettuare ricerche, sviluppare e testare modelli e strumenti per lo scambio di conoscenze su ambiente e salute, supportati dal contributo teorico e pratico della sociologia, dell'antropologia, delle scienze dell'informazione e della comunicazione.
Le presentazioni del convegno sono disponibili sul sito web dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana:

http://www.arpat.toscana.it/notizie/notizie-brevi/2017/ambiente-e-salute-metodi-innovativi-di-comunicazione

Attualmente la Rete Life KTE EnvHealth è costituta dai seguenti progetti:

  • AIS LIFE (LIFE13 ENV/IT/001107) – Sistemi di informazione aerobiologica e gestione delle patologie respiratorie su base allergica.
  • BRENNER-LEC (LIFE15 ENV/IT/000281) – Corridoio del Brennero a emissioni più ridotte
  • CROME (LIFE12 ENV/GR/001040) – Cross-Mediterranean Environment and Health Network
  • GHOST (LIFE12 NAT/IT/000556) – Misure per ridurre gli impatti delle reti fantasma e migliorare la biodiversità degli habitat rocciosi presenti nelle aree costiere del nord Adriatico.
  • GIOCONDA (LIFE13 ENV/IT/000225) – I giovani contano nelle decisioni su ambiente e salute. 
  • HIA21  (LIFE10 ENV/IT/000331) – Valutazione partecipativa degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento dei rifiuti urbani.
  • MAPEC_LIFE (LIFE12 ENV/IT/000614) – Monitoraggio dell’impatto dell’inquinamento dell’aria sui bambini per il supporto delle politiche di salute pubblica.
  • MED HISS (LIFE12 ENV/IT/000834) – Studi, indagini e interviste: effetti sulla salute dell’esposizione prolungata all’inquinamento dell’aria nell’area Mediterranea.
  • MERMAIDS (LIFE13 ENV/IT/001069) – Mitigazione degli impatti di microplastiche generate dai processi di lavaggio tessile.
  • PERSUADED (LIFE13 ENV/IT/000482) – Biomonitoraggio di Ftalati e Bisfenolo A in coppie madre-figlio: correlazione tra l’esposizione e lo sviluppo di patologie infantili.

 


LIFE12 ENV/IT/000153 - LIFE+ InBioWood - Increase Biodiversity through Wood Production. Un video per presentare “la sfida” lanciata dal progetto

Grazie al video “La sfida: produrre legno, migliorando biodiversità e ambiente”, realizzato da Compagnia delle Foreste (CdF) nell’ambito dell’Azione D.5 del progetto LIFE+ InBioWood - Increase Biodiversity through Wood Production, è possibile capire quali sono le criticità ecologico-ambientali delle aree interessate dal progetto e gli obiettivi che questo si prefigge realizzando Piantagioni da legno Policicliche di tipo Naturalistico in terreni caratterizzati da una biodiversità estremamente limitata e minacciata dall’agricoltura intensiva.

Il nuovo approccio alla silvicoltura proposto da LIFE+ InBioWood combina i vantaggi ambientali di una foresta naturale con i guadagni di produttività delle piantagioni artificiali.

LIFE+ InBioWood è coordinato dal Consorzio di Bonifica Veronese e vede coinvolti come partner, oltre alla CdF, l’Associazione per l’Arboricoltura da Legno Sostenibile con l’Economia e l’Ambiente (AALSEA), la Cooperativa Gestione Verde soc. coop. a r.l. e la Sezione Difesa del Suolo della Regione Veneto.

Guarda il video >>> https://www.youtube.com/watch?v=ZSAvWjDSCVA

 


La mostra sui lupi del progetto LIFE WOLFALPS a BergamoScienza

La mostra itinerante “Tempi di lupi”, organizzata nell’ambito del progetto LIFE WOLFALPS, sarà ospitata questo anno da BergamoScienza, il festival di divulgazione scientifica che si terrà dal 1 al 16 ottobre nella città lombarda. Il lupo sarà uno dei protagonisti della edizione 2016 della rassegna che punta a rendere fruibile la scienza a un vasto pubblico. WOLFALPS è finalizzato alla conservazione a lungo termine della popolazione alpina del lupo e a garantire una sua convivenza stabile con le attività economiche tradizionali. La mostra sarà visitabile dal 3 ottobre presso l’ex Chiesa della Maddalena a Bergamo (Città Bassa) in Via S. Alessandro 39/b.

Per prenotazioni e informazioni:
http://www.bergamoscienza.it/

Catalogo (jpg, 46 KB)

 


Convegno annuale del progetto LIFE ECO-PULPLAST

Presso il Polo tecnologico di Capannori (Lucca) il 30 settembre si svolgerà il convegno annuale del progetto LIFE Eco-Pulpplast, dedicato ai temi dell’economia circolare. I distretti cartari hanno l’annoso problema dello smaltimento del pulper, il rifiuto industriale delle cartiere che utilizzano il macero. Il progetto PulpPlast è finalizzato a riciclare lo scarto delle cartiere attraverso una tecnologia innovativa per la produzione di materiali e prodotti “ in plastica di seconda vita” utilizzabili dalle aziende cartarie stesse, chiudendo così il circolo virtuoso del riuso.

Programma (pdf, 236 KB)

 


LIFE+ ReQpro- RIUSO IRRIGUO DELLE ACQUE DI DEPURAZIONE – 26 luglio visita sul campo

A un anno dall’inaugurazione dell’impianto di recupero delle acque reflue, CRPA, in collaborazione con i partner del progetto, organizza una giornata dimostrativa per illustrare “sul campo” le soluzioni tecniche adottate e le attività in corso. Durante l'incontro saranno presentate le caratteristiche dell'impianto. In seguito verranno visitate alcune aziende agricole che partecipano al progetto.

Depuratore di Mancasale – Via Raffaello Sanzio, 40 - Zona Industriale Mancasale – Reggio Emilia.

La partecipazione è gratuita previa REGISTRAZIONE via mail a m.ghielmi@crpa.it

Qui il link dal quale scaricare il programma dell’incontro

 


LIFE+ ReQpro: proteggere la risorsa idrica promuovendo agricoltura di qualità

Il progetto LIFE+ ReQpro LIFE11 ENV/IT/000156 ha, come obiettivo generale, di contribuire alla protezione della risorsa acqua, attraverso un efficiente recupero e riutilizzo ai fini irrigui delle acque reflue, in parziale sostituzione delle acque superficiali e di falda. L’obiettivo potrà essere raggiunto sviluppando uno specifico modello di recupero e riuso per irrigare colture agrarie di pregio.

ReQpro è coordinato da CRPA spa. Partner per la realizzazione (beneficiari) sono Iren Emilia, Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale e Autorità di Bacino del fiume Po.

Il progetto è cofinanziato da Iren Acqua Gas e Provincia di Reggio Emilia. È prevista una durata di quattro anni, con avvio del progetto il 1 dicembre 2012, con la realizzazione delle attività previste nel territorio della provincia di Reggio Emilia.

Dal mese di giugno è disponibile la newsletter del progetto LIFE+ ReQpro per seguire lo sviluppo e conoscere i risultati ottenuti.

Qui il link dove scaricare la newsletter

 


Progetto LIFE+ GIOCONDA

Il progetto LIFE+ GIOCONDA (LIFE13 ENV/IT/000225) intende coinvolgere i giovani come protagonisti di un’azione di democrazia partecipativa. I problemi ambientali presi in considerazione sono l’inquinamento atmosferico e quello acustico, che, nell’ambiente urbano, influenzano la salute dei cittadini e, in particolare, igiovani che risultano tra i soggetti più vulnerabili alle pressioni ambientali. Da qui la scelta di dedicare il progetto ai chi avrà un ruolo nel prossimo futuro come decisore, per migliorare lo stato dell’ambiente e la salute.

Sviluppato dal CNR - Istituto di Fisiologia Clinica, con un partenariato ampio che comprende: ARPA Puglia, ARPA Emilia-Romagna, Comune di Ravenna, Società della Salute Valdarno Inferiore, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Le aree in cui si svolge LIFE+ GIOCONDA sono: Ravenna, il Valdarno Inferiore (Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val d’Arno, San Miniato e Santa Croce sull’Arno), Napoli e Taranto.

Uno dei risultati è quello di Ravenna che ha visto le raccomandazioni elaborate dai giovani coinvolti, nel mese di maggio, nel percorso di LIFE+ GIOCONDA entrare ufficialmente nella programmazione del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS).

Un risultato che dimostra come coinvolgere ragazze e ragazzi a partire dai dati dei monitoraggi ambientali possa produrre risultati concreti.

Il prodotto finale di LIFE+ GIOCONDA sarà uno strumento in grado di aiutare le amministrazioni a prendere decisioni in tema di salute e ambiente in modo informato, sia tenendo conto dell’opinione dei giovani e delle loro famiglie, sia dei dati ambientali locali.

Una volta conclusa la sperimentazione in queste aree, la metodologia del progetto LIFE+ GIOCONDA verrà testata e resa disponibile per l’utilizzo da parte di altre scuole e di altre amministrazioni pubbliche; in questo modo, tutti i partecipanti contribuiranno a costruire e consolidare un percorso che andrà oltre la conclusione della sperimentazione.

Info: http://gioconda.ifc.cnr.it

 


Life+ Leopoldia, al via terzo e ultimo corso di formazione

Dal 25 febbraio al 17 marzo si terrà a Gela, il terzo e ultimo corso di formazione del progetto Life+Leopoldia, dal titolo “La sostenibilità nel paesaggio agricolo del golfo di Gela”. Il progetto punta alla conservazione e protezione della specie vegetale autoctona Muscari gussonei, nota come Leopoldia, e dei suoi habitat naturali promuovendo il recupero delle risorse ambientali dell’area e il riorientamento delle attività agricole attraverso modelli sostenibili e di qualità. Il corso, della durata di 50 ore, è rivolto a operatori del settore sia pubblici che privati, liberi professionisti e studenti universitari. L’obiettivo del percorso formativo è la promozione e l’applicazione di modelli sostenibili in orticultura. Gli argomenti, trattati con un approccio multidisciplinare, spazieranno dall’ agricoltura rigenerativa all’uso controllato delle risorse idriche, dalle coltivazioni biodinamiche ai sistemi innovativi di impollinazione. A conclusione, il 20 marzo, si terrà un seminario sull’”agricoltura sociale”.

 


Progetto LIFE+ IMAGINE

Il 21 settembre 2015 si svolgerà a Roma, presso la Sala UNICEF in Via Palestro, 14 il workshop “LIFE+IMAGINE: Gestione integrata in area costiera, focus su eventi estremi e consumo del suolo”. Obiettivo del workshop è confrontare le diverse esperienze maturate nel campo della gestione integrata delle zone costiere, evidenziando benefici e potenzialità di approcci multidisciplinari.

 


Progetto Leopoldia

Dal 18 settembre al 13 ottobre 2015 si svolgerà presso il centro visite del Biviere di Gela il corso di formazione “La sostenibilità nel paesaggio serricolo del Golfo di Gela”. Il corso sarà tenuto da docenti delle Università di Catania e Palermo. In concomitanza, nella stessa sede, sono previsti anche tre giornate di laboratorio, il 22, 23 e 24 settembre sul tema: “Il ripristino delle aree inquinate per prodotti agricoli di qualità”. Coordinatore del workshop sarà il prof. Maurizio Fagnano, responsabile del progetto LIFE ECOREMED.

 


Progetto TyRec4LIFE

Il 18 settembre 2015 si terrà a Torino la conferenza finale del progetto TyRec4LIFE "Development and implementation of innovative and sustainable technologies for the use of scrap tyre rubber in road pavement"presso il Castello del Valentino.

Contatti:
Per info e adesioni: tyrec4life-conferenza2015@centroestero.org
Sito web: http://www.tyrec4life.eu/

 


Progetto LIFE MAGREDI GRASSLANDS

Il prossimo 14 MAGGIO 2015 alle ore 20:45 a Pordenone presso la Sala Conferenze T. Degan - Biblioteca Civica di Pordenone - in Piazza XX Settembre in occasione della proiezione del documentario LIFE Magredi Grasslands “Un progetto per il recupero dei magredi friulani” sarà organizzata un’escursione guidata domenica 17 maggio 2015 nell’ambito del NATURA 2000 DAY.

Per info e prenotazioni:
E-mail: faigiovani.pordenone@fondoambiente.it

 


Progetto B.R.A.V.E.

Il coordinatore del progetto BRAVE “Better Regulation Aimed at Valorising Emas”, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, ha lanciato l’Appello per la valorizzazione di EMAS e ISO 14001 nella prevenzione dei reati ambientali.

 

Leggi l’Appello (pdf, 499 KB).

 


Progetto Montecristo 2010

Sono disponibili i Piani di Azione di Tutela degli habitat a Montecristo e l’Action Plan di tutela dei ginepri costieri di Pianosa e l’eradicazione di specie esotiche vegetali. L’obiettivo principale del progetto, che si è concluso nel giugno 2014, era di eliminare alcune specie alloctone, come il ratto nero (Rattus rattus) e l'ailanto (Ailanthus altissima) da due isole dell'Arcipelago Toscano: Montecristo e Pianosa. La prima specie è la principale causa di minaccia per la berta minore (Puffinus yelkouan), procellariforme nidificante sull'Isola con 400-700 coppie (10-20 % della popolazione italiana). L'ailanto, un'essenza introdotta in Cala Maestra e diffusa poi in altre zone, si sostituisce alle associazioni naturali, causando una diminuzione della biodiversità vegetale e l'alterazione delle dinamiche ecologiche.
Sito web del progetto: http://www.montecristo2010.it/

 


Progetto MONTI DELLA TOLFA

Domenica 1° giugno si svolgerà la prima delle quattro escursioni naturalistiche nella splendida cornice del sentiero “Cerro bello” a Tolfa, alla scoperta dei lavori di riqualificazione realizzati sul territorio con il progetto Life+ Natura “Monti della Tolfa”. Saranno presenti esperti in ambito forestale e naturalistico che illustreranno gli interventi effettuati e potranno interagire con i presenti. L’escursione avrà inizio alle ore 10.00 e si concluderà alle 13.30 con un piccolo spuntino a base di prodotti locali.

La visita guidata si svolgerà all’interno dell’evento “Picnic musicali sui Monti della Tolfa”, manifestazione che unisce alla musica il trekking naturalistico, la degustazione di prodotti enogastronomici del territorio e la sensibilizzazione all’ecologia e all’ecosostenibilità.

L’appuntamento è alla Baita in località Comunali Macchiosi alle ore 10.00, non mancate!!

E' gradito comunicare la propria partecipazione all'evento a info@lifemontidellatolfa.it

 


Progetto DIAPASON

Dalle descrizioni di Omero a Cicerone, passando anche per re Artù, quello della “pioggia rossa” è un fenomeno ricorrente nella storia europea. La “pioggia rossa” (o gialla che sia) altro non è che la manifestazione della ricaduta di sabbie trasportate dal Sahara fino a noi. Naturalmente parliamo della sabbia più fine, grande qualche millesimo di millimetro.

Insieme con Spagna e Grecia, l’Italia è uno dei paesi europei più interessati da questi fenomeni. Lo scorso Febbraio una nube di sabbia ha percorso l’Italia e ha scavalcato le Alpi. E’ stata osservata abbattersi su Roma per poi arrivare fino a Monaco di Baviera. Il trasporto è stato così intenso che ancora a Marzo le nevi delle Dolomiti del Brenta presentavano un colore rosso mattone e, una volta sciolte, rilasciavano i piccoli granelli rossi (foto).

Roma è la città dove, aggiungendosi al già alto carico di “polveri fini”, l’effetto delle sabbie Sahariane sugli “sforamenti” dei livelli di PM10 è maggiore. Da un anno il progetto europeo LIFE-Diapason, coordinato da ISAC-CNR, controlla ora per ora l’arrivo delle “nubi di sabbia” nell’area romana grazie a tre radar laser (www.diapason-life.eu) collocati vicino a centraline di ARPA Lazio.

Il prossimo arrivo di sabbie dal Sahara sull’Italia centromeridionale è previsto per MARTEDI’20 MAGGIO. Per alcuni giorni avremo temperature alte e PM10 in salita.

Per monitorare questo evento DIAPASON schiererà un piccolo “esercito” internazionale di ricercatori e mezzi osservativi. Oltre al CNR e ad ARPA Lazio, vedrà a Roma gruppi di ricerca del Max Planck tedesco e dell’INFN, mentre altri gruppi osserveranno l’arrivo di queste polveri in Umbria, Toscana, in Val Padana e in Puglia. Oltre ad essere osservate dai radar laser le polveri saranno campionate e analizzate. I loro percorsi di discesa al suolo saranno previsti da modelli numerici, intercettati e descritti mediante sofisticati strumenti di telerilevamento meteo in una campagna “intensiva” che avrà il suo centro presso il supersito di ISAC a Tor Vergata (http://www.diapason-life.eu/images/RAS-LAST.pdf).

Tutto questo lavoro si trasformerà in miglioramenti della metodologia europea per separare il PM10 antropico da quello naturale (ed evitare salate multe per gli sforamenti), in una migliore definizione dei meccanismi di impatto sulla salute di queste polveri (a Roma ne è stata dimostrata l’associazione con molte patologie), in strumenti per la sicurezza del volo (sistemi radar laser) e in un supporto alle decisioni di mitigazione e controllo della qualità dell’aria (chiusura del traffico).

Per ulteriori informazioni:
G.P. Gobbi, CNR-ISAC Roma: 3289112953 - 0649934343

Il sito web di Diapason riporta osservazioni e informazioni circa gli eventi di trasporto di polveri su Roma:
www.diapason-life.eu

 


Progetto COSMOS-RICE

La partnership del progetto COSMOS-RICE è stata promotrice del progetto “Employ of Waste instead of Quarry for sUbstitution of AnTimOny as fire Retardant additive (EQUATOR)”, che è stato accettato dalla Commissione Europa, nel contesto delle azioni EIP on Raw Materials.

L'attività di questo gruppo, che comprende grandi e piccole aziende e diversi centri di ricerca (15 partnes su tutta l'Europa) ha lo scopo di promuovere i risultati dei progetti COSMOS e COSMOS-RICE mirando al riutilizzo dei prodotti ottenuti come materia prima-seconda, soprattutto nell'ambito delle materie plastiche. Lo scopo è quello di sostituire l'antimonio, un materiale critico che viene impiegato come ritardante di fiamma, con il COSMOS.Nella partnership sono coinvolte aziende come VALSIR e CAUTO, che hanno progetti LIFE+ su tematiche di riciclo.

Sito web: https://ec.europa.eu/eip/raw-materials/en/content/employ-waste-instead-quarry-substitution-antimony-fire-retardant-additive

 


Progetto RII

Il prossimo 7 marzo si svolgerà ad Albinea (Reggio Emilia) il Workshop tecnico “La gestione della robinia e di altre specie invasive”, a partire dalle ore 9:30 presso la Sala Civica in via Morandi, 9. L’evento, organizzato nell’ambito del progetto LIFE+ RII (LIFE11 ENV/IT/000243) della Regione Emilia Romanga “Riqualificazione integrata idraulico ambientale dei rii appartenenti alla fascia pedemontana dell'Emilia Romagna” si pone come obiettivo il confronto tra le diverse esperienze nella gestione delle specie invasive e della compagine vegetazionale lungo i corsi d’acqua.

Programma (pdf, 124 KB)

 


Progetto Elba

L’Autorità Portuale di Piombino e dell’Elba, MemEx e tutti i partner del Progetto LIFE+ ELBA "Integrated ecofriendly mobility services for people and goods in small islands", organizza nei giorni 20 e 21 Marzo p.v. a Portoferraio (Isola d’Elba), presso il Centro Culturale De Laugier, la Conferenza Finale Internazionale del Progetto.
Il programma della Conferenza sarà reso disponibile nelle prossime settimane.
Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.elba-lifeplus.eu o rivolgersi alla Segreteria Organizzativa dell’evento, presso l’Autorità Portuale di Piombino e dell’Elba (g.costagli@ap.piombinoelba.it; c.casella@ap.piombinoelba.it).

 


Progetto CarbOnFarm

Si è svolta il 24 febbraio presso la Sala del Centro Congressi dell'Ateneo FEDERICO II di Napoli la conferenza stampa di presentazione del Progetto.

 

 


Progetto Antidoto

Nell'ambito del Progetto LIFE ANTIDOTO (www.lifeantidoto.it), nei giorni 5-6-7 marzo 2014 si terrà un corso sulle tecniche di polizia scientifica applicate ai casi di avvelenamento della fauna selvatica che vedrà come docenti vari specialisti spagnoli della materia.

Il corso si svolgerà, nei giorni 5 e 6 marzo, presso la sala convegni dell'Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato dell'Aquila mentre la prova pratica prevista per il giorno 7 marzo si svolgerà nel Parco Gran Sasso-Laga.

 


Progetto WARBO (LIFE10 ENV/IT/000394)

Il Progetto WARBO (LIFE10 ENV/IT/000394) in collaborazione con il progetto ZeoLife (LIFE10 ENV/IT/000321), il Tecnopolo UniFe-Laboratorio TekneHub ed il Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Ferrara, ha organizzato la Summer School "Innovative Technologies for the sustainable Management and Pollution Reduction of Water Resource" dal 2 al 6 settembre. Gli obiettivi formativi dell’iniziativa sono la formazione di specialisti che, con opportuni strumenti conoscitivi e analitici, si approcciano a problematiche di degrado quali-quantitativo delle georisorse (acque, suolo e gas), nonché fornire soluzioni tecnologiche innovative per la depurazione delle acque (Zeolife) e per la riqualificazione degli acquiferi mediante ricarica artificiale (WARBO E ZeoLife).

 

Il programma dettagliato della summer school è disponibile nel sito web dedicato al progetto WARBO LIFE + http://www.warbo-life.eu/

 

Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi al Comitato Organizzatore della Scuola:
Università degli Studi di Ferrara, Dip. di Fisica e Scienze della Terra
Blocco F – 1° Piano, Stanza 34
Via Saragat, 1
44122 Ferrara
Tel. +39 0532 974662
E-mail: salvatore.pepi@unife.it

 

 


 

Progetto CENT.OLI.MED (C.I.H.E.A.M. Mediterranean Agronomic Institute of Bari)

Venerdì 3 Febbraio presso la sede dell’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari si terrà il secondo Meeting del Tavolo di Consultazione per l’elaborazione del Piano d’Azione per la Protezione e la Valorizzazione degli Oliveti Secolari nella regione Euro-Mediterranea.Tale azione, sviluppata nell’ambito del Progetto LIFE+ “CENT.OLI.MED” (LIFE 07 NAT/IT/000450), finanziato dalla Commissione Europea, è svolta sotto la supervisione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’incontro sarà rivolto alla condivisione e validazione degli obiettivi e strumenti per lo sviluppo di una governance Euro-Mediterranea volta alla tutela degli oliveti secolari. Rappresentanti istituzionali dei Ministeri dell’Ambiente e dell’Agricoltura di Grecia, Spagna, Portogallo, Tunisia e Libano prenderanno parte all’incontro.

Sabato 4 Febbraio alle 15.00 presso la Fiera del Levante in Bari, i rappresentanti dei diversi Paesi partecipanti al Tavolo di Consultazione presenteranno lo stato di tutela e le prospettive di valorizzazione degli oliveti secolari nel Bacino del Mediterraneo, nel corso di un evento pubblico organizzato dalla Regione Puglia nell’ambito della 7^ edizione di MEDITERRE. Nella seconda parte del pomeriggio verranno presentati esempi di buone pratiche per la gestione sostenibile degli oliveti secolari in Puglia. All’incontro prenderanno parte imprenditori olivicoli, cooperative di servizi, associazioni olivicole, culturali, gastronomiche e ambientaliste, rappresentanti di enti pubblici e privati impegnati per la tutela e la valorizzazione degli oliveti secolari nella regione.

Per maggiori informazioni: www.lifecentolimed.iamb.it e dell'evento fieristico www.mediterre.regione.puglia.it

 

 


 

Progetto HREII (LIFE08 ENVIT 000422) e Amici della Terra

Il progetto H-REII (LIFE08 ENVIT 000422) sostiene e partecipa alla Terza Conferenza Nazionale sull’Efficienza Energetica (Roma, Palazzo Rospigliosi 30 novembre – 1 dicembre), organizzata dall’associazione ambientalista Amici della Terra, con l’intento di rendere il tema una priorità della politica nazionale per i suoi benefici ambientali (quali la riduzione dell’inquinamento atmosferico e delle emissioni di gas serra), per le opportunità di introdurre tecnologie volte ad incrementare l’efficienza energetica, parallelamente alle opportunità di esportazione e internazionalizzazione offerte alla nostra industria manifatturiera, creando di fatto valore aggiunto per le imprese.

Nella prima giornata della Conferenza verrà presentato lo stato di avanzamento del progetto – rispetto alla scorsa edizione del 2010 – il funzionamento ed i vantaggi del recupero di calore da processo tramite tecnologia ORC (Organic Rankine Cycle) e relative opportunità di filiera, e gli importanti risultati ottenuti dal progetto stesso. Nella seconda giornata è prevista una tavola rotonda per discutere la proposta di nuova Direttiva EU sull’efficienza energetica, occasione preziosa per illustrare il risultato significativo ottenuto dal progetto H-REII: i nuovi Titoli di Efficienza Energetica (TEE).

Le potenzialità di risparmio energetico e di diminuzione della CO2 emessa nell’atmosfera, evidenziate nei settori investigati, hanno infatti indotto l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas a riconoscere il recupero di calore da processo tra i settori da incentivare maggiormente, grazie al sistema dei certificati bianchi. Questo riconoscimento autorevole e il nuovo ammontare dell’incentivo hanno dato avvio ad una nuova fase del progetto, in cui si aprono opportunità per la filiera industriale.

L’intervento alla Conferenza costituisce un’opportunità per presentare in anteprima gli obiettivi del progetto H-REII DEMO (LIFE10 ENVIT 000397), recentemente approvato e che avrà inizio ufficiale nel gennaio 2012, con l’obiettivo di estendere gli importanti risultati ottenuti a livello nazionale dal primo progetto H-REII ad un livello comunitario. Partecipare all’evento organizzato dagli Amici della Terra è l’occasione per meglio comprendere appunto cosa accadrà nel prossimo futuro, quando si cercherà di replicare i risultati ottenuti in Italia anche negli altri paesi membri dell’Unione Europea.

Sito internet del progetto: www.hreii.eu

Invito (pdf, 402 KB)

 

 


 

Progetto WASTE-LESS in CHIANTI (Provincia di Firenze)

Il progetto Waste-less in Chianti della provincia di Firenze aderisce alla settimana europea della riduzione dei rifiuti nell’ambito della quale verrà lanciato il marchio Waste-less.

 

Locandina (pdf, 1.594 MB)

Programma (pdf, 287 KB)

 

 


 

Progetto NATURA 2000 IN THE PO DELTA "Conservazione di Habitat e specie nei siti Rete Natura 2000 del Delta del Po" (LIFE09NATIT000110)

Il Parco Regionale Delta del Po Emilia-Romagna, nell’ambito delle attività di comunicazione e divulgazione del progetto LIFE09NATIT000110 "Conservazione di Habitat e specie nei siti Rete Natura 2000 del Delta del Po" ha organizzando il primo workshop dei dodici previsti per il processo di coinvolgimento e di sensibilizzazione dell'intera comunità locale. L’incontro si è svolto sabato 8 ottobre 2011 presso la Sala della Manifattura dei Marinati a Comacchio, si tratta di una specifica iniziativa all’interno di un evento più ampio che coinvolge l’intera comunità di Comacchio la "Sagra dell’Anguilla".

Per informazioni è possibile contattare lo 0533 314003 o inviare una mail
parcodeltapo@parcodeltapo.it

Programma dell’iniziativa (pdf, 112 KB)

Sito web del progetto: http://www.parcodeltapo.it/er/life.natura2000.po.delta/index.php

 

 


 

Concluse con grande successo le "P.R.I.M.E. BEACH CAMPAIGN"

Si sono conclusi gli eventi di animazione sulle spiagge del progetto P.R.I.M.E. "Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability" (LIFE09 ENV/IT/000061), realizzati al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica sulle problematiche connesse alla gestione dei residui di Posidonia spiaggiata, che da sempre crea enormi disagi per cittadini, bagnanti, gestori degli stabilimenti balneari e di conseguenza per i comuni, costretti a costose attività di pulizia e smaltimento.

Le tre giornate si sono svolte presso:

- Comune di Mola di Bari (Bari) - Porticciolo Portecchia il 26 luglio 2011 
- Comune di Ugento (Lecce) nei pressi del Lido Posidone il 28 luglio 2011 
- Comune di Torre Canne (Brindisi) tra lido Eden e la Zanzara il 01 agosto 2011

Nel corso delle giornate sono state allestite aree espositive con poster divulgativi del progetto e creazioni in Posidonia, presso le quali sono stati distribuiti gadgets del progetto (cappellini, magliette e segnalibri) e materiale divulgativo, informando sugli obiettivi del progetto, sulle alternative ecosostenibili alla rimozione dei residui di Posidonia dalle spiagge e allo smaltimento in discarica e sui benefici che invece si potrebbero ricavare dall’impiego del materiale compostato.

Durante gli eventi è stato mostrato il primo compost  formato da Posidonia. Agli eventi sono state coinvolte associazioni di volontariato e associazioni ambientaliste presenti sul territorio.

Partner del progetto P.R.I.M.E. sono: Comune di Mola di Bari, ECO-logica srl, ISPA-CNR, ASECO e Tecoma Dryng Technology.

Per ulteriori informazioni sulle campagne di comunicazione e sui risultati del progetto, visitare il sito web del progetto www.lifeprime.eu

 

 

 

 

  Foto: ECO-logica s.r.l.

 

 


 

Progetto RePlaCe "Prototyping of Recycled Plastic Conveyor Belt Machine and Demonstration of Recycled Plastic Structural Applications" (LIFE08 ENV/IT/000393)

L’obiettivo principale del progetto RePlaCe è la progettazione e realizzazione di un Nastro Trasportatore costruito con componenti strutturali stampati in materiale plastico riciclato. Promosso da un gruppo di aziende specializzate nella lavorazione delle materie plastiche - Plastic Metal S.p.A., F.lli Virginio S.r.l., Vivi S.r.l. - e un’azienda multiutility attiva nella raccolta di rifiuti - Etra S.p.A. - RePlaCe si concretizza nello sviluppo di un prototipo di nastro trasportatore standard le cui componenti strutturali sono realizzate in plastica riciclata derivata da rifiuti industriali e dimostra come la plastica riciclata rappresenti una reale alternativa ai materiali metallici normalmente impiegati in applicazioni strutturali perché resistenti a sollecitazioni meccaniche di tipo statico e dinamico.

Parte delle attività di RePlaCe sono dedicate alla diffusione dei risultati, best practices e idee riguardanti la nostra esperienza.

Attraverso la RePlaCe Survey, alla quale è possibile aderire visitando il sito del progetto http://replaceproject.dyndns.org/limesurvey/index.php?sid=11933?=en, il beneficiario Plastic Metal intende raccogliere informazioni ed esperienze sulla tematica del riciclaggio e valutare le possibilità di cooperazione in altri progetti di ricerca e sviluppo volti a favorire lo sviluppo sostenibile.

L’obiettivo dell’indagine RePlaCe è di delineare un quadro sui temi della gestione dei rifiuti plastici industriali e sulla loro re-introduzione nel processo produttivo, limitandone così l’impatto sull’ambiente e garantendo uno sviluppo economico sostenibile. La presente indagine intende condividere e diffondere le migliori pratiche su questa tematica.
Questa indagine rappresenta anche un’occasione per verificare la conoscenza sui Programmi Europei, ad esempio il LIFE+, che supportano finanziariamente attività volte a favorire la realizzazione delle politiche ambientali europee e a garantire lo sviluppo sostenibile dell’economia europea.

L’indagine NON HA SCOPI COMMERCIALI e viene svolta nell’ambito di un progetto finanziato da Programma Europeo LIFE+. L’indagine è composta da quattro gruppi di domande. Il tempo di compilazione è di circa 8 minuti. I risultati dell’indagine rimarranno anonimi.