SAVE THE DATE!

Green economy e opportunità di trasferimento tecnologico in Iran

 Ecomondo – Sala Abete (lato Ovest)

Mercoledì, 8 novembre 2017 (16.00-17.30)

L’evento, organizzato dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con UNIDO ITPO (Ufficio italiano per la Promozione dell’investimento e della Tecnologia dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale), sarà l’occasione per presentare le opportunità di investimento e trasferimento tecnologico in Iran nel settore della green economy, con particolare riferimento all’energia rinnovabile e all’efficienza energetica.

L’iniziativa si inserisce nel quadro della più ampia collaborazione bilaterale tra Italia e Iran per promuovere progetti di sviluppo sostenibile, specialmente nel campo dell’energia rinnovabile, delle risorse idriche, della gestione dei rifiuti, delle smart cities e dell’inquinamento atmosferico.

UNIDO ITPO presenterà i risultati di un ampio lavoro di scouting sulle opportunità di promozione della competitività delle Piccole e Medie Imprese (PMI) iraniane, operanti nel settore ambientale,  anche grazie al trasferimento di tecnologia e know-how dall’Italia. L’indagine è stata svolta nell’ambito del progetto, finanziato dal MATTM, ‘Support to Iran SMEs through investment promotion and technology transfer in energy and environment”.

Parteciperà ai lavori una nutrita delegazione istituzionale iraniana composta dal vice Capo del Dipartimento dell’Ambiente, dal presidente dell’Istituto ECO-IEST di Teheran, da un alto consigliere del Ministero dell’Energia. Da un dirigente dell’Agenzia per le Rinnovabili e l’efficienza energetica (SABTA), dal  dirigente dell’Organizzazione delle piccole aziende e dei parchi industriali (ISIPO) e dal vice segretario generale della camera di commercio di Isfahan.

Sia durante il Convegno, che a seguire, le imprese italiane avranno la possibilità di confrontarsi con le imprese iraniane e con i rappresentanti della delegazione istituzionale per scambiare informazioni su opportunità, procedure, tendenze e buone pratiche nei settori d’interesse.

Programma