Expo Astana: l’impegno internazionale dell’Italia per l’energia del futuro

Astana, 3 settembre 2017 – Si è tenuto, nel Padiglione italiano di Expo Astana, il seminario “Future Energy in environmental development cooperation. The Italian contribution” organizzato dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, il Ministero dello Sviluppo Economico, l’ENEA, l’Università Milano Bicocca e altre istituzioni internazionali governative e delle Nazioni Unite.

Il seminario ha offerto l’occasione per fare il punto sulla cooperazione italiana in tema di ambiente ed energia pulita, sul ruolo delle tecnologie a basso impatto ambientale e sugli strumenti più innovativi di finanza verde.

Il Ministero dell’Ambiente ha presentato le migliori pratiche per la promozione delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico realizzate in alcuni degli oltre 40 paesi con cui, negli ultimi anni, ha sottoscritto accordi di collaborazione bilaterale. Diverse le esperienze esaminate, tra cui: il programma di finanza sostenibile in Libano, la promozione degli investimenti in tecnologie a basso contenuto di carbonio in Botswana, Maldive e Piccole Isole del Pacifico e la mappatura delle energie rinnovabili in Lesotho .

Si è chiusa così un’altra giornata di idee e confronto al Padiglione Italiano che, grazie a un programma ricco di eventi, presentazioni, attività culturali e incontri B2B, ha fatto registrare oltre 260 mila visitatori nei soli primi due mesi di Expo.