Bonn, 9 maggio 2018 - A latere della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in corso di svolgimento a Bonn, si è tenuta la terza riunione del Comitato Congiunto istituito nell’ambito del Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare italiano e il Ministero dell’Habitat, della Pianificazione e dell’Ambiente del Gibuti.

Il Comitato Congiunto ha approvato la proposta progettuale, realizzata con il contributo dell’ENEA, “A Nearly Zero Emission Sustainable Building in the University of Djibuti” volta all’elaborazione di un progetto pilota che potrà essere replicato in altri edifici pubblici o privati. L’iniziativa prevede la costruzione di un edificio ex-novo “Pepiniere” (Incubatore tecnologico) ad alta efficienza energetica da realizzarsi all’interno del Campus Universitario di Gibuti City che sarà completamente finanziata dal Ministero dell’Ambiente italiano.

Il Comitato Congiunto ha anche deciso l’elaborazione di uno studio di fattibilità sul potenziale delle energie rinnovabili in Gibuti, al fine di supportare il Paese nella definizione di una low carbon strategy.

Infine le Parti hanno convenuto di voler avviare possibili iniziative congiunte nei seguenti settori:

–  Energie rinnovabili in aree off-grid;

–  Rafforzamento dei meccanismi di governance ambientale in ambito di Transaperncy e Monitoring Reporting and Verfication;

–  Accesso a fondi Multilaterali quali il Sustainable Energy Fund for Africa/SEFA.