Tu sei qui

Vuoto a rendere

Roma, 3 nov. – A partire dalla data odierna, è presente sul sito del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare la pagina web dedicata al  “vuoto a rendere” ai sensi del decreto 3 luglio 2017, n. 142, pubblicato in G.U. n. 224 il 25/9/2017, recante la sperimentazione di un sistema di restituzione di specifiche tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare, ai sensi dell’articolo 219 -bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

Il citato articolo 219-bis dispone, infatti, “al fine di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e di favorire il riutilizzo degli imballaggi usati […]”, l’introduzione nella normativa nazionale, di un sistema sperimentale di vuoto a rendere su cauzione degli imballaggi contenenti birra o acqua minerale, serviti al pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo.

L’emanato D.M. 224/2017, disciplina le modalità di attuazione della sperimentazione del vuoto a rendere, i valori cauzionali per ogni singola tipologia di imballaggio riutilizzabile, nonché le forme di incentivazione e le loro modalità di applicazione.

Tale sistema sperimentale coinvolge, su base volontaria, sia quei soggetti che nell’esercizio della loro attività professionale somministrano al pubblico birra o acqua minerale nel punto di consumo (cd. Esercenti), che diversi operatori di settore quali i produttori di imballaggi riutilizzabili, i produttori di birra o acqua minerale, nonché i distributori di birra o acqua minerale.

Lo scopo primario del decreto è sensibilizzare i consumatori sulla prevenzione dei rifiuti attraverso la preferenza al consumo di birra e acqua minerale in bottiglie riutilizzabili. Durante la fase di sperimentazione i consumatori di birra e acqua minerale sensibili alla prevenzione dei rifiuti, potranno infatti riconoscere attraverso apposito logo gli esercenti che, aderendo al sistema del vuoto a rendere, sceglieranno di vendere nel proprio esercizio bevande in bottiglie che, essendo impiegate più volte, non diventano immediatamente rifiuto.

La sperimentazione ha una durata di dodici mesi a partire dal centoventesimo giorno successivo all'entrata in vigore del decreto (07/02/2017), periodo durante il quale il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare svolgerà un monitoraggio delle filiere (insieme degli operatori che a titolo professionale sono coinvolti nell’attuazione del sistema del vuoto a rendere) venutesi a creare, al fine di valutare la fattibilità tecnico-economica e ambientale del vuoto a rendere, e l’eventualità di estendere tale sistema ad altri tipi di prodotto e ad altre tipologie di consumo. Tale monitoraggio sarà effettuato attraverso la raccolta dei dati che i produttori e distributori sono tenuti a compilare secondo quanto stabilito all’articolo 6 del decreto ed ad inviare per via telematica al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare all’indirizzo vuotoarendere@minambiente.it

In particolare per aderire alla sperimentazione volontaria, gli esercenti in fase di acquisto di birra o acqua minerale in imballaggi riutilizzabili, compilano il modulo di cui all’allegato 1 e lo consegnano al produttore di bevande (nel caso di “filiera di tipo corto”) o al distributore (nel caso di “filiera di tipo lungo”). Le modalità operative per la gestione degli imballaggi vuoti e dei tempi di ritiro e di restituzione degli stessi sono concordate tra l’esercente e gli altri operatori al fine di incentivare la più ampia adesione alla filiera.

Il valore cauzionale, per ogni singola tipologia di imballaggio riutilizzabile, è nell’intervallo di riferimento tra 0,05 e 0,3 euro, sulla base dei parametri indicativi nella tabella riportata all’allegato 2.

 

 

I produttori di bevande o i distributori aderenti alla sperimentazione, informano gli esercenti sulle birre o acque minerali commercializzate in imballaggi riutilizzabili e garantiscono la restituzione dell’imballaggio medesimo. Essi inoltre trasmettono, anche in forma aggregata, direttamente o tramite le associazioni di categoria, il modulo di cui all’allegato 1 per ciascun esercente aderente entro 30 giorni dalla sua adesione e il modulo di cui all’allegato 3 (link) del decreto, ogni trimestre dall’avvio della sperimentazione del sistema del vuoto a rendere. Infine trasmettono, entro 30 giorni dalla conclusione della sperimentazione del sistema del vuoto a rendere, il modulo di cui all’allegato 3 riepilogativo dell’intero periodo di sperimentazione e una relazione illustrativa dello stesso.

I produttori di bevande, comunicano al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare dell’ambiente entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto (8 dicembre 2017) l’adesione alla filiera indicando il marchio e la linea di birra o di acqua minerale e le caratteristiche del relativo imballaggio (materiale, volume, peso e numero di turnazioni). I dati richiesti possono essere trasmessi, per via telematica all’indirizzo vuotoarendere@minambiente.it, tramite l’apposita scheda di cui all'art. 6, co. 4.

A sostegno della diffusione del sistema del vuoto a rendere, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare può concedere il patrocinio e l’utilizzo del logo del Ministero agli operatori che ne fanno richiesta e che realizzano una campagna di comunicazione o altra forma di comunicazione. Inoltre, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare pubblicheranno sul sito web istituzionale un registro degli operatori aderenti alla sperimentazione i quali potranno inoltre scaricare da apposito link un attestato di benemerenza da affiggere nei punti di consumo.

Sulla base dei dati raccolti il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare effettuerà il monitoraggio della fase di sperimentazione che consentirà, al termine della stessa, di valutare se confermare e se estendere il sistema del vuoto a rendere ad altri tipi di prodotto nonché ad altre tipologie di consumo.

Riepilogo degli adempimenti relativi al sistema del monitoraggio

 

 

 

 

Ruoli operatore

Documenti/informazioni

Tempistiche di trasmissione

Gli esercenti COMPILANO

Modulo 1

In qualsiasi momento nel periodo di vigenza del decreto n. 142/2017 (dal 10/10/2017 al 07/02/2019)

I distributori, nel caso di filiera di tipo lungo, o i produttori di bevande, nel caso di filiera di tipo corto, direttamente o tramite le associazioni di categoria, anche in forma aggregata, TRASMETTONO

Modulo 1

Entro 30 giorni dalla presentazione del modulo 1

Modulo 3

Ogni trimestre (dal 07/02/2018 al 07/02/2019)

Modulo 3 e relazione illustrativa (in corso di predisposizione)

Entro 30 giorni dalla conclusione del periodo della sperimentazione (08/03/2019)

I produttori di bevande TRASMETTONO

Scheda di cui all'art. 6, co. 4: il marchio e la linea di birra o di acqua minerale e le caratteristiche del relativo imballaggio (materiale, volume, peso e numero di turnazioni)

Entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto n. 142/2017 (8/12/2017)

 

 

 

Registro degli esercizi, distributori e produttori di bevande

Contenuto in corso di predisposizione

 

Helpdesk

Contenuto in corso di predisposizione