Tu sei qui

Clima: Galletti a Cop23 vede ministri 5 Stati Africa e piccole isole

Confronto  a Bonn con Lesotho, Egitto, Etiopia, Maldive, Swaziland: “supporto ai piani nazionali per raggiungere target Parigi”

Bonn, 17 novembre 2017 - A margine della Conferenza mondiale sul clima che si tiene in questi giorni a Bonn,  il Ministro Gian Luca Galletti ha incontrato i Ministri dell’Ambiente di Lesotho, Egitto, Etiopia, Maldive e il primo Ministro dello Swaziland. Gli incontri bilaterali sono serviti a ribadire l’impegno a proseguire le attività di cooperazione ambientale che l’Italia ha intrapreso con questi Paesi, il supporto ai Piani Nazionali per il raggiungimento degli obiettivi di Parigi e il ruolo delle aziende italiane, e delle loro eccellenze in termini di innovazione tecnologica, come volano per onorare gli ambiziosi obiettivi di adattamento e lotta al cambiamento climatico.

“La promozione delle energie rinnovabili nelle piccole isole è un tema di grande interesse per noi, e, anzi, credo sia un settore, nel quale l’Italia possa dare un valido supporto al fine di incrementarne la produzione” ha detto il Ministro Galletti nel corso del bilaterale con il Ministro dell’Ambiente e dell’Energia delle Maldive, Thoriq Ibrahim.

Con il Ministro dell’Ambiente, delle Foreste e del Cambiamento Climatico etiope, l’onorevole Gemedo Dale Tussie, è stato evidenziato il forte interesse del nostro Paese a sostenere la strategia dell’Etiopia per il cambiamento climatico e per lo sviluppo di una economia sostenibile che le permetta di raggiungere lo status di  Paese a Medio reddito nel 2025. 

Il supporto al rafforzamento istituzionale, sia a livello centrale che locale, è stato il principale impegno preso con il Ministro dell’Ambiente egiziano Fahmy Abdel Aal, mentre con il primo Ministro dello Swaziland sono stati sottolineati i progressi compiuti in questi primi mesi di collaborazione: Il ministro ha ricordato i risultati ottenuti “nel potenziamento del sistema nazionale di previsione e allerta meteo, sull’efficientamento energetico dell’ospedale di Manzini e sull’adattamento degli allevamenti alle prolungate siccità che stanno colpendo il vostro territorio”.

Il Ministro Galletti, incontrando Mokoto Hloaele, neoeletto Ministro dell’Energia e della Meteorologia del Regno del Lesotho, ha, infine, sottolineato i progressi compiuti nelle attività comuni: “Ad un anno e mezzo dalla firma del nostro accordo di cooperazione, siamo di fronte ai primi risultati tangibili. Mi riferisco, in particolare, all’approvazione del progetto sulla mappatura del potenziale delle energie rinnovabili del Lesotho che doterà il vostro Governo di uno strumento per pianificare lo sfruttamento del grande potenziale energetico delle fonti rinnovabili presenti e favorire l’accesso all’energia delle comunità più marginalizzate che vivono nelle aree rurali del Regno”.