Tu sei qui

Il ministro Galletti: dopo gli ecoreati avanti con le bonifiche

Il ministro Galletti: dopo gli ecoreati avanti con le bonifiche

L'intervista del ministro Galletti al quotidiano Avvenire
“Con l'approvazione degli Ecoreati finalmente chi inquina paga. E adesso avanti tutta con le bonifiche”. E' la promessa del ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti dopo l'approvazione della legge che introduce i reati ambientali nel codice penale. “Un fatto storico, un grande segno di civiltà” - sottolinea, assicurando che sulla “terra dei fuochi” “non molliamo”, “continuiamo a lavororare, soprattuto per il risanamento” sul quale sorvegliertà il presidente dell'Autorità Anticorruzione Raffaele Cantone “per garantire la trasparenza”.

Ministro, dunque anche lei ha brindato per gli ecoreati?

“E' una svolta culturale. Mettiamo nero su bianco che chi inquina va in galera. E poi abbiamo rispettatro i tempi e anche questo ha la sua importanza: rispettare gli impegni presi e' sempre un valore di per sé. E poi perché si è verificata su questo tema una grande convergenza di tutto il Parlamento. Il governo e i partiti di maggioranza lo hanno voluto con forza, ma si è registrato un voto molto piu ampio”.

Un cammino lungo e non facile...

“Non è stato facile pertché su questi temi sono sempre da contemperare interessi molto diversi: la tutela dell'ambiente e della salute da una parte e lo sviluppo economico dall'altra. Questa legge rappresenta davvero un cambio culturale: l'ambiente può essere un volàno per lo sviluppo economico e l'occupazione. Riportiamo sana concorrenza all'interno dei mercati, che senza questa legge mancava”.

Ma Confindustria l'ha molto criticata.

“Credo che alla fine anche gli imprenditori abbiano capito l'importanza di questa legge. Ci sono state delle critiche ma anche molti plausi. Per questo dico che può essere una svolta culturale. Io dico agli imprenditori onesti, alcuni dei quali hanno criticato, che le riforme di sistema come questa hanno bisogno di un rodaggio, per cui se tra qualche tempo il governo e il Parlamento riterranno opportuno di reintervenire perché qualcosa non ha funzionato, io sono assolutamente disponibile”.

Ora finalmente chi inquina paga.

Chi inquina paga perché abbiamo tipicizzato i reati e questo rende molto piu facile perseguirli rispetto a prima. E poi abbiamo duplicato i tempi di prescrizione, e anche questo permetterà di arrivare alla fine dei processi. Quello che è mancato in questo periodo è stato proprio questo, come per il caso Eternit. Troppo spesso è intervenuta la prescrizione, perché il reato ambientale è difficile da individuare e ancora più difficile da colpire.

C'è anche chi dice che è poco, criticando in particolare il concetto di “cagiona abusivamente” previsto per i reati di inquinamento e disastro ambientale.

Io rispondo con i due anni di discussione su questa legge. Con ore e ore di audizioni in commissione, con magistrati e avvocati che hanno riconosciuto la bontà del termine “abusivamente”. Io sono convinto che il temine sia giusto perché noi ogni volta che autorizziamo un'azienda a una produzione “pericolosa” da un punto di vista ambientale, accompagniamo l'autorizzazione con prescrizioni molto rigide. E la violazione di queste prescrizioni ricade nei reati che abbiamo individuato. Quindi non vedo questi rischi.

A proposito di disastri, il ministero ha deciso la costituzione di parte civile al processo Eternit. Perché?

“L'abbiamo voluto fortemente per dare un segnale ai familiari delle vittime e anche per rimarcare che quello che è successo non deve più succedere. E penso che gli ecoreati vanno proprio in questa direzione”.

Ma non può bastare.

“E' vero. Abbiamo migliaia di siti dove ancora c'è amianto. E su questo dobbiamo intervenire in maniera molto puntuale. Come gli investimenti a Casale Monferrato per la rimozione dell'amianto, una delle poche volte in cui siamo riusciti ad escluderli dal Patto di stabilità. Penso che sia la strada giusta. Dobbiamo investire e, dove possibile, compatibilmente coi vincoli di finanza pubblica, mettere i comuni in condizione di spendere risorse proprie”.

E ora le bonifiche. Ma con che fondi e con che controlli per evitare che anche qui entrino le ecomafie?

“Sia per gli appalti in campo ambientale che per le bonifiche, non bisogna solo trovare le risorse, ma spenderle velocemente e con trasparenza. Per questo abbiamo presentato il protocollo d'intesa firmato da me, Delrio, D'Angelis e Cantone per il controllo dell'Anac sugli appalti del dissesto idrogeologico. Uno schema da applicare anche alle bonifiche, a cominciare dalla 'terra dei fuochi'”.

E' quello che i cittadini campani aspettano da anni.

“Abbiamo già approvato le linee guida. Entro poco tempo avremo le risorse. Intanto nell'ultimo comitato interministeriale ha partecipato anche Cantone, con il quale stiamo lavorando per un protocollo d'intesa per le bonifiche nella 'terra dei fuochi'. Per dare più trasparenza e controllo”.

Cosa promette a questi cittadini che tanto stanno soffrendo?

“Che non molliamo. Continuiamo a lavorare. Una parte importante l'abbiamo fatta, quella dell'identificazione delle zone più a rischio, dove abbiamo interdetto la produzione agricola, adesso avanti tutta con le bonifiche. Lo so anche io che anche fatto tutto questo non avremo risolto il problema di quei territori, perché conosco bene i problemi di criminalità che ci sono, però per la parte ambientale posso dire che abbiamo raggiunto e continueremo a raggiungere dei buoni risultati”.