Tu sei qui

Mobilità sostenibile, Galletti: “Indispensabile per migliore qualità della vita”

Mobilità sostenibile, Galletti: “Indispensabile per migliore qualità della vita”

“La nuova mobilità urbana riguarda da vicino la salute dei cittadini nelle città italiane ed è indispensabile nel contrasto ai cambiamenti climatici che il nostro Paese e l’Europa stanno portando avanti. E' dunque una questione globale ma anche locale, che chiama a un'assunzione di responsabilità i governi, come gli enti locali e i singoli cittadini”. Lo ha affermato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che a Bologna ha partecipato agli Stati generali della Mobilità nuova.
 
“Si tratta - ha spiegato il Ministro - di un settore su cui puntare per il futuro, di un comparto in cui le tecnologie assumono un ruolo fondamentale per assicurare elevati livelli di efficacia dei servizi ai cittadini,operando secondo obiettivi di sostenibilità ambientale, di miglioramento della qualità dell’aria, efficienza energetica e riduzione degli incidenti”. 
 
“Su questi temi  – ha aggiunto Galletti - il Ministero dell’Ambiente sta mettendo la massima attenzione. Abbiamo incrementato il fondo della mobilità sostenibile e promosso negli anni una serie di misure per l'integrazione tra forme di mobilità eco-compatibili: dagli interventi per il potenziamento del trasporto pubblico locale con la riduzione dell'utilizzo di mezzi privati, alla messa in circolazione di veicoli a basso impatto ambientale come quelli elettrici-ibridi, alla diffusione del car sharing, fino alla promozione della mobilità ciclistica con incentivi agli acquisti e campagne di sensibilizzazione”. 
 

“La grande scommessa che l’Italia può e deve vincere – ha concluso Galletti - è legata alla green economy: sta nella capacità di individuare, anche nel settore della mobilità individuale, collettiva e commerciale, un percorso di cambiamento e di sviluppo economico e occupazionale, attraverso soluzioni che consentano una migliore mobilità con la razionalizzazione del consumo di risorse naturali e l’utilizzo delle nuove tecnologie. ”.