Tu sei qui

Sversamento petrolio in Val D’Agri, arrestato dirigente Eni, il Ministro Costa: “Chi inquina non resta impunito, l’ambiente è di tutti e non faremo sconti a nessuno”

Potenza, 23 aprile 2019 – “Oggi è una giornata importante per la regione Basilicata e per la nostra attività di tutela dell’ambiente. Ancora una volta dimostriamo con i fatti che chi inquina non può restare e non resterà impunito. I miei complimenti quindi ai carabinieri del Noe e alla Procura della Repubblica di Potenza per le indagini che hanno portato all’accertamento dei responsabili della fuoriuscita di petrolio che, nel febbraio 2017, contaminò gravemente il reticolo idrografico della Val D’Agri. Questo è solo l’inizio di un’offensiva mirata contro chi inquina la Basilicata, e più in generale il nostro territorio. L’ambiente è di tutti e non faremo sconti a nessuno”.

Così il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa commenta l’esito delle indagini della Procura di Potenza grazie alle quali i Carabinieri del Noe, funzionalmente dipendenti dal Mattm, hanno eseguito un’ordinanza di arresti domiciliari nei confronti di un dirigente dell’Eni spa, all’epoca dei fatti responsabile del C.O.V.A. di Viggiano (Potenza).

Il procedimento penale riguarda non solo alcuni dirigenti della compagnia petrolifera, ma anche pubblici ufficiali facenti parte del CTR (Comitato Tecnico Regionale) della Basilicata, il cui compito era quello di controllare, sotto il profilo della sicurezza e dei rischi ambientali, l’attività estrattiva dell’Eni.

In particolare sono indagate tredici persone fisiche ed una persona giuridica, l’Eni, per i reati di disastro, disastro ambientale, abuso d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale.

Gli idrocarburi dispersi dal Cova si erano insinuati nella rete fognaria consortile, contaminando il reticolo idrografico della Val d’Agri, distante solo 2 chilometri dall’invaso del Pertusillo, fonte primaria di approvvigionamento di gran parte dell’acqua destinata al consumo umano della Regione Puglia, nonché la fonte da cui proviene l’acqua indispensabile per l’irrigazione di un’area di oltre 35mila ettari di terreno, incidente qualificato come rilevante dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Al termine delle indagini è stato possibile constatare la contaminazione e la compromissione di 26mila mq di suolo e sottosuolo dell’area industriale di Viggiano e del reticolo idrografico, una situazione di incombente pericolo per uno dei più importanti bacini idrici dell’Italia meridionale, nonché la compromissione di una vasta area che si trova a cavallo degli impianti Eni e dell’invaso del Pertusillo.

L’opera di bonifica dell’area contaminata, tuttora in corso, ha imposto di estrarre in modo continuo tutte le acque di falda dell’area e trattarle come rifiuto. Un’attività necessaria per impedire il diffondersi della contaminazione, che però ha portato a privare delle indispensabili risorse idriche una vasta area della Regione, con inevitabile gravi conseguenze sulla matrice ambientale.