Tu sei qui

Stato delle attività ed elaborati di piano

Il decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152 ha istituito 8 distretti idrografici per i quali è necessario redigere il piano di gestione. Nell’attesa della piena operatività delle Autorità di distretto, il decreto legge n. 208 del 30 dicembre 2008 convertito con modificazioni in Legge 27 febbraio 2009, n. 13 demanda l’adozione dei piani di gestione ai Comitati Istituzionali delle Autorità di bacino di rilievo nazionale, integrati dai componenti designati dalle regioni il cui territorio ricade nel distretto a cui si riferisce il piano.

Il 24 febbraio, dopo il completamento delle necessarie fasi di consultazione e partecipazione pubblica, sono stati adottati i piani di gestione bacini idrografici per sei degli otto distretti individuati sul territorio nazionale: Distretto Padano, Distretto delle Alpi Orientali, Distretto dell’Appennino Settentrionale, Distretto idrografico pilota del Serchio, Distretto dell’Appennino Centrale, Distretto dell’Appennino meridionale. Per i restanti distretti di Sicilia e Sardegna si è provveduto a livello regionale. I Comitati Istituzionali delle Autorità di Bacino nazionali, allargati alle regioni i cui territori ricadono nei distretti e presieduti dall’On. Roberto Menia, hanno validato l’impegnativo lavoro svolto dalle Autorità di Bacino nazionali in stretta collaborazione con le Regioni per dare attuazione agli obblighi previsti dalla norme comunitarie e nazionali sulle acque. 

I piani presentano un quadro integrato e organico, a livello di bacino, delle conoscenze disponibili e identificano i programmi di misure (strutturali e non) da mettere in atto per conseguire gli obiettivi di qualità ambientale. Essi sono strumenti strategici per la tutela e la protezione delle acque, ai quali si dovrà dare attuazione negli anni futuri, reperendo con urgenza le necessarie risorse finanziarie.

Nella formazione dei piani è stato fondamentale il ruolo svolto dalle istituzioni, dai cittadini e dalle loro associazioni e dai portatori di interessi, attraverso la fase di partecipazione e consultazione pubblica. I progetti di piano sono stati messi a disposizione  del pubblico sui siti web predisposti dalle Autorità di Bacino, ai fini di raccogliere, in un periodo di sei mesi come previsto, i contributi e le osservazioni e sono stati sottoposti alla procedura di valutazione ambientale strategica. A tal proposito và rilevato che sono pervenute decine di osservazioni.

Dato che i piani di gestione sono strumenti dinamici, che vanno adattati in funzione dell’approfondimento del quadro conoscitivo e dei risultati via via conseguiti, la sfida che ci attende per far fronte alle criticità rilevate è complessa e impegnativa, sia per adeguare le conoscenze sullo stato chimico ed ecologico delle nostre acque, sia per attuare le misure per il ripristino e la tutela. 
I piani adottati sono disponibili sui siti web appositamente predisposti dalle autorità di bacino nazionali e dalle regioni Sicilia e Sardegna.

In seguito all'adozione, Il Consiglio dei ministri ha approvato i seguenti Piani:

  • Il Piano di Gestione e del Distretto Padano, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8/2/2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 15 maggio 2013 - Serie Generale n. 112.
  • Il Piano di Gestione del Distretto pilota del fiume Serchio, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8/2/2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 15 maggio 2013 - Serie Generale n. 112.
  • Il Piano di Gestione del Distretto dell'Appennino Meridionale, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 aprile 2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 10 luglio 2013 - Serie Generale n.160.
  • Il Piano di Gestione del Distretto della Sardegna, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 29 ottobre 2013 - Serie Generale n.254.
  • Il Piano di Gestione del Distretto dell'Appennino Centrale, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 luglio 2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 11 febbraio 2014 - Serie Generale n.34.
  • Il Piano di Gestione del Distretto dell'Appennino settentrionale, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 novembre 2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 27 giugno 2014 - Serie Generale n.147.
  • Il Piano di Gestione del Distretto delle Alpi Orientali, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 aprile 2014 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 21 agosto 2014 - Serie Generale n.193.
  • Il Piano di Gestione del Distretto della Sicilia, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 agosto 2015 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 5 novembre 2015 - Serie Generale n. 258.

 

I piani approvati sono disponibili sui siti web appositamente predisposti dalle autorità di bacino nazionali:

http://www.adbpo.it/on-multi/ADBPO/Home/articolo1080.html

http://www.autorita.bacinoserchio.it/pianodigestione

http://www.ildistrettoidrograficodellappenninomeridionale.it/index.html

http://www.regione.sardegna.it/speciali/pianogestionedistrettoidrografico/

http://www.abtevere.it/node/511

http://www.appenninosettentrionale.it/dist/?page_id=65

http://www.alpiorientali.it/new/index.php/direttiva-2000-60/piano-di-gestione-acque-2009-2015/piano-approvato

http://www.osservatorioacque.it/?cmd=article&id=71

Di seguito, gli estratti dei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dei Piani di gestione approvati: