Tu sei qui

Cava VANNELLA srl - invito a presentare osservazioni al progetto di riparazione del danno ambientale

Cava VANNELLA s.r.l.. Progetto di riparazione del danno ambientale ex art. 306, c. 5, D.lgs. n. 152/2006, cagionato dall’attività di coltivazione di cava in Comune di Martina Franca (TA) – invito ex art. 306, comma 5, del D.Lgs. n. 152/2006 a presentare osservazioni al “Nuovo progetto di riparazione del danno ambientale” come integrato dal “Progetto di riparazione del danno ambientale – individuazione e descrizione delle attività relative alla manutenzione ed alle cure colturali successive all’impianto” predisposti da VANNELLA s.r.l..

Viene qui pubblicato, sul sito internet del Ministero della Transizione Ecologica, l’invito rivolto ai soggetti indicati nell’art. 306, comma 5, D.Lgs. n. 152/2006, a presentare osservazioni al “Nuovo progetto di riparazione del danno ambientale” come integrato dal “Progetto di riparazione del danno ambientale – individuazione e descrizione delle attività relative alla manutenzione ed alle cure colturali successive all’impianto” predisposti da VANNELLA s.r.l.. (Decreto del Ministro della Transizione Ecologica n. 11324 del 28/05/2021).

A far data dalla presente pubblicazione decorre il termine di dieci giorni per la presentazione delle osservazioni ai sensi dell’art. 306, co. 5, D.Lgs. n. 152/2006, da parte dei soggetti indicati nel medesimo comma 5.
Le osservazioni devono essere presentate esclusivamente all’indirizzo RIA@pec.minambiente.it indicando in oggetto “Invito ex art. 306, co. 5, D.Lgs. n. 152/2006, a presentare osservazioni al Nuovo progetto di riparazione del danno ambientale e successive integrazioni predisposto da VANNELLA s.r.l.”.

Il suddetto invito del Ministro della Transizione Ecologica e tutta la documentazione di riferimento sono consultabili accedendo ai link di seguito indicati:

Invito del Ministero della Transizione Ecologica – prot. 11234 del 28.05.2021 (.pdf)
Allegati da 1 a 10 (.zip)

 

 

 

 

Aree 
Territorio
Natura
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per il risanamento ambientale (RiA)