Tu sei qui

Il Sottosegretario Morassut al XXV Seminario di Venezia con i media britannici

“Italia e Regno Unito protagonisti in Europa della Climate Action. Sul Green Deal, ora servono programmazione e progetti innovativi"

“Le risorse stanziate dall'Europa per la climate action necessitano di una seria programmazione e di progetti basati su innovazione e soluzioni alternative. Noi come Governo abbiamo già intrapreso un percorso che di muove su tre linee. Quella della leva fiscale, per incentivare e disincentivare alcuni comportamenti. Quella normativa, con l’adozione di provvedimenti importanti come il Dl Clima e il Dl Salvamare. E infine quella dei finanziamenti, con la manovra finanziaria per il 2020 che mette al centro l’ambiente con investimenti importanti, soprattutto nella lotta al dissesto idrogeologico e nel risanamento ambientale”. Così il sottosegretario all’ambiente Roberto Morassut è intervenuto questa mattina alla XXV edizione del Seminario per i rappresentanti dei media britannici, al termine della sessione di dialogo dedicata al cambiamento climatico e alla transizione energetica.
“Il Green New Deal europeo è una grande opportunità – continua Morassut - che mette in campo risorse economiche, ma soprattutto mette in campo una generazione, quella dei giovani che oggi avvertono la necessità di un cambio di paradigma e di una visione di speranza. La pre Cop che l'Italia ospiterà ad ottobre a Milano, sarà l’occasione per inaugurare una sezione dedicata alle nuove generazioni. Un momento che non sia accessorio o decorativo, ma strutturalmente inquadrato nel processo preparatorio che porterà alla CoP26”
Sul rapporto tra Italia e Regno Unito ha aggiunto: “I temi del clima e dell’ambiente sono sempre più avvertiti dalle opinioni pubbliche e dai Governi come prioritari. Proprio su questo terreno lo scorso anno abbiamo consolidato un’importante alleanza tra i nostri Paesi, quella che porterà Italia e Regno Unito, sotto la presidenza di quest’ultimo, a mettere in campo un partenariato senza precedenti per la COP 26.
Regno Unito e Italia sono in prima linea nella guida di ambiziose azioni per il clima ed hanno dimostrato di aver lavorato insieme in modo efficace per sostenere la necessità di un'azione urgente sul clima a livello globale. Entrambi i Paesi hanno svolto un ruolo chiave nella definizione di ambiziosi impegni dell'Unione europea e sono membri attivi della coalizione”

 

 

 

Aree 
Territorio