Tu sei qui

Rifiuti: Carabinieri del NOE di Lecce denunciano due persone per roghi di rifiuti e 3 sanzioni amministrative per violazione delle norme sul contenimento del Covid-19

Lecce, 3 aprile 2020 - I Carabinieri del NOE di Lecce, in questo periodo di emergenza “COVID 19”, con le conseguenti limitazioni alla circolazione di persone e mezzi, hanno concentrato l’attenzione alla prevenzione di eventuali illecite modalità di smaltimento di rifiuti sia da parte di operatori di settore che anche di privati cittadini, intensificando delle specifiche e attività di controllo finalizzate anche a fornire risposte concrete ed adeguate alle richieste di intervento pervenute dalla cittadinanza circa le molestie odorigene provocate dalle emissioni derivanti dalla combustione di materiali/rifiuti durante le ore serali perpetrate da ignoti.

In tale quadro nel pomeriggio del 1° aprile, a Surbo (LE) sorprendevano un cinquantenne di Trepuzzi (LE) intento, in una zona periferica del predetto comune, nel piazzale di una nota cooperativa del posto, e con l’ausilio di un piccolo mezzo meccanico (muletto) munito di pala, ad abbancare un cumulo di rifiuti già dato alle fiamme e da cui si era levata al cielo una cortina di fumo nero visibile dai militari da lunga distanza.

Nel pomeriggio del giorno successivo 2 aprile, nella zona industriale del comune di Matino (LE), in un’area di pertinenza di un’attività produttiva, un sessantenne del posto, veniva colto mentre alimentava un rogo di materiali eterogenei, tra cui rifiuti plastici ed ingombranti, da cui si levava una colonna di fumo di colore scuro visibile dal centro abitato. Pertanto, i due individui sono stati denunciati in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di combustione illecita di rifiuti.

In questa circostanza venivano inoltre sanzionate anche tre persone, come previsto dall’ex art. 4 del decreto legge n. 19 del 25 marzo 2020, per aver violato le misure di contenimento del contagio da SARS-COV2, in quanto trovate fuori dai rispettivi domicili senza comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero di motivi di salute.

Aree 
Territorio
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per l’economia circolare (ECi)
Argomenti 
Rifiuti