Tu sei qui

Rifiuti: Carabinieri NOE di Ancona sequestrano fornace dismessa adibita a discarica abusiva di rifiuti, denunciato imprenditore

Ancona, 26 gennaio 2021 - I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Ancona, insieme con il 13° Nucleo Elicotteri di Forlì e del Comando Provinciale di Pesaro Urbino, con la collaborazione di personale di ARPA Marche, hanno individuato in località Terre Roveresche e sequestrato una vasta area adibita a discarica abusiva di inerti.

Il terreno, ove ha sede una fornace dismessa dal 1986, è di proprietà di un imprenditore ferrarese che aveva iniziato da circa 3 anni, senza tuttavia portarle a termine, le opere di demolizione dei manufatti già esistenti.

A seguito di un accurato sopralluogo, eseguito anche con il determinante ausilio dell’elicottero, i militari dell’Arma hanno riscontrato la presenza di un importante quantitativo di rifiuti speciali ammassati, per un volume complessivo di circa 10.000 metri cubi. Per la ingente quantità del materiale abbancato, la vastità dell’area interessata ed il fatto che i rifiuti fossero lì abbandonati da molto tempo, si può parlare di una vera e propria discarica abusiva di inerti, verosimilmente utilizzata anche da terzi che, approfittando della facilità di accesso al sito, vi hanno scaricato ogni genere di rifiuto; i manufatti dell’ex fornace, parzialmente demoliti, sono infatti vicini alla strada e non sono recintati, peraltro con potenziale pericolo per la pubblica incolumità.

Dopo i necessari accertamenti svolti anche presso gli uffici del Municipio di Barchi (PU) i Carabinieri hanno denunciato a piede libero alla Procura della repubblica di Pesaro il proprietario degli immobili, ritenuto responsabile dell’omissione dei lavori su edifici in rovina, e sequestrato una superficie complessiva di 35.000 metri quadrati con relativi rifiuti stoccati e macchine operatrici da cantiere abbandonate.

 

 

 

Aree 
Territorio
Argomenti 
Rifiuti