Tu sei qui

Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (DiTEI)

Capo Dipartimento: Dott.  Mariano Grillo

Il Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi cura le competenze del Ministero in materia di economia circolare, contrasto ai cambiamenti climatici, efficientemente energetico, miglioramento della qualità dell’aria e sviluppo sostenibile, cooperazione internazionale ambientale, valutazione e autorizzazione ambientale e di risanamento ambientale.

  • Il Dipartimento esercita, nelle materie di spettanza del Ministero, fatte salve le specifiche competenze attribuite al Dipartimento per il personale, la natura, il territorio e il Mediterraneo, le competenze in materia di: politiche per la transizione ecologica e l’economia circolare e la gestione integrata del ciclo dei rifiuti; strategie nazionali di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici; mobilità sostenibile; azioni internazionali per il contrasto dei cambiamenti climatici, efficienza energetica, energie rinnovabili, qualità dell’aria, politiche di sviluppo sostenibile a livello nazionale e internazionale, qualità ambientale, valutazione ambientale, rischio rilevante e autorizzazioni ambientali; individuazione e gestione dei siti inquinati; bonifica dei Siti di interesse nazionale e azioni relative alla bonifica dall’amianto, alle terre dei fuochi e ai siti orfani; prevenzione e contrasto del danno ambientale e relativo contenzioso; studi, ricerche, analisi comparate, dati statistici, fiscalità ambientale, proposte per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi.
  • Nelle materie di propria competenza il Dipartimento supporta la partecipazione del Ministro, per il tramite dell’ufficio di Gabinetto, al Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), alla cabina di regia “Strategia Italia” di cui all'articolo 40 della decreto legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito con, modificazioni dalla, legge 16 novembre 2018, n. 130, e agli altri comitati interministeriali comunque denominati operanti presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, assicurando, altresì, il collegamento con il Nucleo di consulenza per l’attuazione delle linee guida per la regolazione dei servizi di pubblica utilità (NARS); elabora, in raccordo con l’Ufficio di Gabinetto, l’allegato al Documento di economia e finanza (DEF) sui temi di competenza del Ministero, del Programma Nazionale di Riforma (PNR) e gli altri atti strategici nazionali; sovrintende alle politiche di coesione, agli strumenti finanziari europei, alla programmazione regionale unitaria e ad ogni altro fondo europeo di competenza del Ministero; coordina le azioni per il monitoraggio, il controllo e la risoluzione delle situazioni di crisi ed emergenza ambientale a contenuto trasversale ed interdirezionale, fermo restando le azioni di primo intervento poste in essere dalle competenti direzioni.

Il Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (DiTEI) è articolato nei seguenti quattro uffici di livello dirigenziale generale:

 

Per l’espletamento dei compiti ad esso demandati, il Dipartimento è articolato nei seguenti tre uffici di livello non generale:

Divisione I – Bilancio, trasparenza, studi e ricerche

Dirigente:

  • Ciclo della programmazione, bilancio, Documento di economia e finanza (DEF) Programma Nazionale di Riforma (PNR), trasparenza ed anti-corruzione;
  • Studio, ricerca e analisi comparate, analisi statistiche nelle materie di competenza del Dipartimento;
  • Monitoraggio e verifica, in collaborazione con l’Ufficio di Gabinetto, dello stato di attuazione della direttiva ministeriale relative alle linee prioritarie di indirizzo; attività normativa e monitoraggio, in collaborazione con l’Ufficio legislativo, dello stato di attuazione della normativa vigente nelle materie di competenza delle direzioni generali del Dipartimento; monitoraggio e verifica delle procedure di infrazione di competenza delle direzioni generali del Dipartimento.

 

Divisione II – Coordinamento ed Unità emergenziale

Dirigente

  • Supporto al Capo Dipartimento nelle attività di coordinamento, incluso il monitoraggio sull’espletamento delle funzioni attribuite alle Direzioni, anche per assicurare la stretta integrazione tra le attività degli uffici;
  • Azioni per il monitoraggio, il controllo e la risoluzione delle situazioni di crisi ed emergenza ambientale e supporto alla partecipazione del Ministro, per il tramite dell’ufficio di Gabinetto, al CIPE, alle cabine di regia “Strategia Italia” e “Benessere Italia” e agli altri comitati interministeriali presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Divisione III – Politiche di coesione e programmazione regionale unitaria

Dirigente

  • Politiche di coesione europee nelle materie di competenza del Ministero, concernenti la programmazione e l’impiego dei fondi europei, ivi incluso il fondo sviluppo e coesione, in raccordo con il Dipartimento per il personale, il territorio, la natura e il Mediterraneo e le Direzioni generali nelle materie di rispettiva competenza;
  • Programmazione strategica su piani e progetti rientranti nella politica di coesione, nella programmazione regionale unitaria, nella strumentazione finanziaria comunitaria, anche con riferimento alla negoziazione e alla definizione degli obiettivi generali, della governance e delle risorse, in raccordo con il Dipartimento per il personale, il territorio, la natura e il Mediterraneo e le Direzioni generali nelle materie di rispettiva competenza.

 


Archivio precedente organizzazione