Tu sei qui

L3 - Razionalizzazione dei procedimenti di bonifica ambientale

 

L3 - Razionalizzazione dei procedimenti di bonifica ambientale

La linea di intervento si propone di razionalizzare la gestione dell’intero processo di bonifica, attraverso specifiche azioni di accompagnamento da parte del MATTM rivolte alle Amministrazioni e agli Enti coinvolti nel superamento delle “strozzature” procedurali.

Nello specifico, si intende replicare nelle Regioni Campania, Puglia e Sicilia l’esperienza maturata sul SIN (Sito di bonifica di Interesse Nazionale) di “Venezia - Porto Marghera”, quale esempio virtuoso di coordinamento, partecipazione efficiente ed efficace dell’Amministrazione Pubblica.

Per ottimizzare i tempi di attuazione degli interventi di bonifica e giungere ad un utilizzo efficace ed efficiente delle risorse economiche, si prevede di coinvolgere nella fase attuativa anche altri enti e istituzioni competenti a vario titolo.

La Linea di intervento prevede inoltre di mutuare forme di collaborazione pubblico/privato già sperimentate con Accordi di Programma, Accordi transattivi/compensativi e Protocolli operativi.

Per consentire un monitoraggio trasparente dei procedimenti di bonifica in essere nei SIN, sarà realizzata una banca dati accessibile dal sito del MATTM, contenente informazioni relative all’iter procedurale (con raccolta delle progettazioni esistenti), ai cronoprogrammi di attuazione, alle informazioni di natura finanziaria (risorse stanziate, impegnate e spese), amministrativa (con indicazione degli eventuali atti di programmazione negoziata presenti) e giuridica (contenziosi pendenti).

Infine, è prevista un’azione trasversale rivolta a rafforzare la capacità delle amministrazioni regionali, provinciali (o enti subentranti) e degli attori territoriali coinvolti nell’applicazione del principio comunitario “chi inquina paga” per accelerare i procedimenti di bonifica e superare gli innumerevoli contenziosi che ne bloccano la chiusura.

 

Risultati attesi

•   Miglioramento strutturale della capacità della PA di accelerare, semplificare e standardizzare le procedure di bonifica dei SIN, garantendo la massima sinergia con gli enti, le istituzioni ed i soggetti coinvolti nel processo (Ministeri, Avvocatura dello Stato, Commissari straordinari per emergenze socio - economico e ambientali, Soprintendenze ed Enti Parco, Regioni, Province/Città metropolitane, Comuni, ARPA, ASL, ISS, ISPRA) nonché con i diversi organi competenti rispetto ai diversi procedimenti autorizzatori collegati (VIA, VAS, AIA, autorizzazione della gestione rifiuti).
•  Rafforzamento della capacità amministrativa nell’attuazione del principio “chi inquina paga” ai sensi della normativa comunitaria e nazionale di settore, con conseguente incremento del numero di procedimenti ex art. 244 del D.lgs. n. 152/2006 conclusi positivamente con l’individuazione dei soggetti responsabili dell’inquinamento e riduzione dei contenziosi relativi ad ordinanze e ad altri atti prescrittivi della Pubblica Amministrazione nei confronti di tali soggetti.

 

Eventi


Attività A3.1 del Progetto “Mettiamoci in RiGA”: Tavolo tecnico sul D.M. 46/2019

Nell’ambito del Progetto “Mettiamoci in RiGA - Rafforzamento integrato Governance Ambientale” attuato dal Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, la Linea di intervento L3 “Razionalizzazione dei procedimenti di bonifica ambientale”,  il 1 dicembre 2020, ha tenuto un Tavolo Tecnico (Attività A3.1) finalizzato alla “Applicazione delle best practice in altri SIN di preminente interesse” per migliorare la qualità e l’efficacia nell’attuazione delle politiche ambientali a livello territoriale attraverso il rafforzamento della governance multilivello e la diffusione di pratiche e strumenti volti a garantire una migliore gestione dei processi decisionali. Un confronto con i Rappresentanti delle Regioni e degli Enti locali interessati sul D.M. 1 marzo 2019, n.46 “Regolamento relativo agli interventi di bonifica, di ripristino ambientale e di messa in sicurezza, d'emergenza, operativa e permanente, delle aree destinate alla produzione agricola e all'allevamento, ai sensi dell'articolo 241 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152”. Alla presenza del Direttore Generale della DGRIA Giuseppe Lo Presti, che ha aperto i lavori, il Tavolo ha visto la partecipazione delle Regioni, Province, Città Metropolitane e Arpa comprese nei SIN, al fine di replicare le best practice nei SIN individuati in coordinamento con le Regioni e i Comuni territorialmente competenti e che hanno inserito gli interventi di bonifica nei rispettivi POR. Tra i risultati del Tavolo, la proposta di poter rendere periodiche queste iniziative di confronto produttivo e di approfondimento dei rilievi positivi e delle criticità inerenti le bonifiche nei SIN.

L’iniziativa si è svolta in videoconferenza, in ottemperanza alle stringenti misure disposte per il contenimento dell’emergenza sanitaria in atto

 


Bonifiche: il 28 marzo due incontri tecnici inaugurano linea 3 del progetto “Mettiamoci in RIGA”
Al via un percorso comune fra Ministero, Regioni e Province autonome per migliorare la governance ambientale e la razionalizzazione dei procedimenti di bonifica

Visione comunitaria, gestione territoriale e costruzione di modelli condivisi di governance ambientale. Sono questi i punti cardine dei due incontri tecnici previsti il 28 marzo prossimo a Roma, presso la Sala del Parlamentino del Ministero dell’Ambiente e destinati a Regioni e Province Autonome. I due appuntamenti di giovedì segnano di fatto l’avvio delle attività della linea 3 del progetto “Mettiamoci in RIGA”, specificamente dedicata alla razionalizzazione dei procedimenti di bonifica ambientale. 

Due, in particolare, gli appuntamenti della giornata: il primo, a partire dalle ore 11.00, dedicato al tema “Governance multilivello ed efficacia dei processi di bonifica dei SIN” e il secondo, previsto nel pomeriggio a partire dalle ore 14.00, destinato al tema “Governance ambientale e applicazione del principio ‘chi inquina paga’”.

I tavoli, che vedranno la presenza di tutti gli stakeholders territoriali, oltre che dello stesso Ministero dell’Ambiente e del direttore generale della Direzione per la Salvaguardia e la Tutela del Territorio e delle Acque (DG STA) Maddalena Mattei Gentili, segnano l’inizio di un percorso di costruzione collaborativa finalizzato a rafforzare i modelli di buona governance ambientale e a migliorare i procedimenti di bonifica sia nei siti di interesse nazionale che in riferimento alle esigenze di ciascun territorio.

Il progetto “Mettiamoci in RIGA”, destinato al “Rafforzamento Integrato della Governance Ambientale”, è co-finanziato dall’Unione europea nell’ambito del PON Governance e Capacità Istituzionale e vede come soggetto attuatore Sogesid Spa, che garantisce anche il necessario supporto tecnico-scientifico, oltre che operativo, alla realizzazione delle attività. 

Con il 28 marzo, dunque, si inaugura un percorso di costruzione collaborativa che fino al 2023 contribuirà a supportare territori e soggetti istituzionali nel miglioramento dei processi e delle pratiche per una migliore governance multilivello, ambientale e territoriale. 

Programma del 28 mattina

Programma del 28 pomeriggio

Presentazioni

La partecipazione è riservata agli stakeholders del progetto (prevalentemente Regioni e Province Autonome) su invito al tavolo da parte di DG STA  (circa 30 partecipanti la mattina e 40 il pomeriggio).

Informazioni di sintesi

- Quando:  28 marzo 2019 ore 11
   28 marzo 2019 ore 14
   

- Dove: Roma, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Via Cristoforo Colombo, 44, primo piano, sala “Parlamentino”

- Direzione competente: DG STA

- Tipologia evento: tavolo tecnico

- Evento rivolto a: dirigenti e funzionari Regioni e Province autonome