Tu sei qui

Piattaforma italiana del fosforo

Materia prima fosforo


Il Fosforo è una risorsa non rinnovabile, non sostituibile, fondamentale per la produzione alimentare, essenziale per l’agricoltura e direttamente legata alla sicurezza alimentare, oltre ad essere importante in una serie di altre applicazioni industriali. Le riserve minerali mondiali di fosforo sono limitate anche se si discute ancora sull’estensione e concentrazione geografica delle stesse. Tuttavia agli attuali ritmi di prelievo di materie prime e produzione alimentare, il fabbisogno di fosforo rimarrà elevato. Allo stesso tempo le perdite di fosforo determinano gravi impatti ambientali. Il fosforo è la sostanza che maggiormente contribuisce all’eutrofizzazione delle acque ed allo scadimento della qualità delle acque superficiali.

Le problematiche di sostenibilità del fosforo sono strettamente legate ad altre sfide cruciali incluse la gestione dell’azoto, il trattamento delle acque, gli scarti alimentari, l’erosione del suolo, la sicurezza alimentare.

Il fosforo è inserito nell’elenco delle “Critical Raw Materials redatto dalla Commissione europea.  

 

Piattaforma italiana per il fosforo


Nel 2013 è nata la Piattaforma Europea del Fosforo  e altre piattaforme sono in seguito state istituite in altri Paesi europei.

L’Italia, con la Legge 27 dicembre 2017, n. 205 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020” l’articolo 1, comma 122 ha previsto l’istituzione, nello stato di previsione del Ministero dell’Ambiente, di un fondo destinato alla realizzazione della Piattaforma Italiana del fosforo, con le seguenti finalità:

a) realizzazione di uno studio mirato al raggiungimento dell'autosufficienza del ciclo del fosforo;

b) raccolta delle migliori pratiche di recupero del fosforo dai rifiuti;

c) raccolta e diffusione di informazioni riguardanti la filiera di approvvigionamento del fosforo;

d) messa a punto di proposte per incoraggiare il recupero del fosforo e prevenirne gli sprechi;

e) istituzione di un tavolo tematico sulla conservazione e il recupero del fosforo;

f) realizzazione di un portale telematico per la raccolta e la pubblicazione delle attività.

La Direzione per i rifiuti e l’inquinamento ha stipulato una convenzione con Enea  per  realizzare le iniziative dirette a garantire il funzionamento della Piattaforma Italiana per il fosforo.

La Piattaforma Italiana per il fosforo riunisce tutti gli stakeholder italiani attivi in tutte le fasi del ciclo di vita del fosforo e ha il compito di individuare tecnologie, buone pratiche esistenti e strategie per la chiusura del ciclo su questa materia prima, fino all’elaborazione di un piano di sostenibilità a lungo termine.

La Piattaforma è articolata in 4 gruppi di lavoro che affrontano la tematica da diversi punti di vista: TECNOLOGICO; NORMATIVO; ECONOMICO

Le principali attività previste sono:

·   la connessione di tutte le realtà italiane interessate alla chiusura del ciclo sul fosforo (imprese, associazioni, istituzioni);

·   l’organizzazione di eventi, seminari e workshop sul tema;

·   la raccolta di buone pratiche esistenti sul recupero del fosforo;

·   l’elaborazione di proposte che mirino a rimuovere gli ostacoli normativi.

 

Normativa di riferimento


LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205  Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020. (GU Serie Generale n.302 del 29-12-2017 - Suppl. Ordinario n. 62). Parte I  Sezione I  Misure quantitative per la realizzazione degli obiettivi programmatici Art. 1 comma 122 

Comunicazione COM(2013) 517 final 8 luglio 2013 della Commissione al parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni. “Comunicazione consultiva sull’uso sostenibile del fosforo”

 

News


2019, 6 giugno Roma - ENEA Piattaforma Nazionale del Fosforo – 1a Riunione Gruppi di Lavoro
Programma  
Registrazione 

2019, 26 marzo Evento lancio 

2019, 26 marzo Comunicato stampa 

 

SCHEDA: Fosforo (Phosphorus)

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Direzione generale per i rifiuti e l'inquinamento (RIN)

Ultimo aggiornamento:  29 marzo 2019