Tu sei qui

Strategia dell’Unione Europea per l’Asia Centrale

L'UE riconosce l'importanza strategica della regione dell'Asia centrale, regione cruciale nella geopolitica internazionale, di collegamento tra Europa e Asia.

Le relazioni tra l’Unione Europea e l’Asia Centrale sono condotte nel quadro della Strategia dell'UE per l'Asia centrale, adottata per la prima volta dal Consiglio nel 2007.

La Strategia del 2007 era volta a conseguire la stabilità e la prosperità dei Paesi centroasiatici, promuovendo lo sviluppo di società aperte, lo Stato di diritto, la democratizzazione, la sicurezza e la cooperazione in materia ambientale ed energetica.

Nel 2019 è stata presentata la nuova Strategia, nella forma di una Comunicazione congiunta al Parlamento Europeo e al Consiglio (Joint Communication to the European Parliament and the Council 2019-9 del 15.5.2019): “The EU and Central Asia: New Opportunities for a Stronger Partnership”.

La Strategia 2019 è articolata su tre priorità interconnesse:

1. Partnering for Resilience
2. Partnering for Prosperity
3. Working Better Together

La nuova Strategia è orientata verso la resilienza (in settori quali i diritti umani, la sicurezza delle frontiere e l'ambiente), la prosperità (con particolare riguardo alla connettività) e la cooperazione regionale.

L’Italia ha un ruolo di coordinamento nel quadro della Strategia dell’Unione Europea per l’Asia Centrale attraverso la responsabilità del coordinamento della Piattaforma di cooperazione in materia di ambiente e acque.

Piattaforma Ambiente e Acque

La Piattaforma Unione Europea-Asia Centrale sulla Cooperazione su Ambiente e Acque è stata istituita in occasione della Terza Conferenza di Alto Livello tra Unione Europea e Asia Centrale, tenutasi a Roma nel 2009, con l’obiettivo di fornire un quadro di riferimento per la cooperazione in materia di acque e ambiente, in accordo con tutti i Paesi della Regione, ed è volta a rafforzare la cooperazione tra l'Unione Europea e l'Asia Centrale, migliorando le politiche ambientali e accrescendo le capacità istituzionali.

L’attuazione della Piattaforma avviene attraverso periodiche Conferenze ad Alto Livello (High Level Conference, HLC), che si tengono ogni 3 o 4 anni, in genere alternativamente in Europa e in Asia Centrale. Dopo la Conferenza di Roma si sono svolte le seguenti:

• 4a Conferenza di Alto Livello, co-presieduta dall’allora Sottosegretario On. Marta Dassù, 13-14 febbraio 2013, Biskek (Kyrgyzstan);
• 5a Conferenza di Alto Livello, co-presieduta dall’allora Sottosegretario On. Benedetto Della Vedova, Milano (EXPO), 12-13 ottobre 2015;
• 6a Conferenza di Alto Livello, co-presieduta dal DG Francesco La Camera, 24-25 gennaio 2019, Tashkent (Uzbekistan).

La Conferenza di Tashkent del 2019 ha prodotto un documento, nella forma di “Summary of the co-Chairs” che, anticipando temporalmente la nuova Strategia Europea del 2019 ma pienamente in linea con i suoi obiettivi, è articolata sulle seguenti priorità:

1. Governance ambientale, economia circolare e consumo e produzione sostenibili
2. Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici
3. Gestione delle risorse idriche
4. Tematiche trasversali

Working Group Environment and Climate Change

La Piattaforma sovrintende il Gruppo di Lavoro su Ambiente e Cambiamenti Climatici (Working Group on Environment and Climate Change - WGECC) presieduto dall’Italia attraverso la DG CRESS del MATTM, quest’ultimo istituito contestualmente all’adozione della Piattaforma.

Il Segretariato della Piattaforma e del Gruppo di Lavoro è svolto attraverso un progetto finanziato dall’UE "Cooperazione per l'acqua, l'ambiente e i cambiamenti climatici nell'Asia centrale" (WECOOP), rinnovato nell'ottobre 2019. Sul sito web del progetto (https://wecoop.eu/) sono presenti tutti i documenti relativi alle riunioni e alle attività svolte.

Il Gruppo di Lavoro aiuta a individuare le azioni prioritarie di cooperazione regionale e sostiene la Piattaforma rafforzando il dialogo politico e la cooperazione a livello regionale tra Unione Europea e Asia Centrale.

Il Gruppo di Lavoro, che nel 2021 si riunirà per la decima volta, è stato presieduto dal MATTM sin dalla sua istituzione. Il nuovo mandato del Gruppo di Lavoro è stato presentato e discusso alla 6a Conferenza di Alto Livello in gennaio 2019, la cui formalizzazione è avvenuta durante la 9a riunione a Bruxelles nel febbraio 2020, presieduta dal MATTM.

L’intenso lavoro condotto nell’ambito del Gruppo di Lavoro comprende discussioni tecniche sugli standard dell'UE in campo ambientale, al fine di promuovere investimenti in settori rilevanti con l'obiettivo di contribuire a ridurre l'inquinamento e le emissioni di CO2.

Le attività tecniche del gruppo di lavoro hanno consentito la realizzazione di un “Regional knowledge center” consultabile online (https://wecoop.eu/regional-knowledge-centre/), che contiene tutte le informazioni utili e i Format per supportare lo sviluppo e la preparazione di progetti a rilevanza ambientale in Asia Centrale.

Dal 2017 il Gruppo di Lavoro organizza dei seminari tecnici tematici (Clinic workshops) di confronto tra i rappresentanti dei Paesi Centroasiatici e le rilevanti Istituzioni Finanziarie Internazionali (tra cui Green Climate Fund. European Bank for Reconstruction and Development, European Investment Bank, AFD, GIZ, ADB, etc.), con lo scopo di definire idee e proposte progettuali concrete da sottoporre nelle sedi opportune.

A seguito di un accordo con la Commissione Europea, il nuovo mandato del Gruppo di Lavoro, in vigore dal 2020, prevede la co-presidenza del MATTM e della Commissione Europea, e un allargamento del mandato anche in materia di acque, oltre all’istituzione di un organo guida (Coordination Committee).

Il Comitato di Coordinamento si è riunito in via telematica nel giugno 2020, per discutere il riallineamento del programma di attività rispetto all’emergenza sanitaria globale. I delegati hanno convenuto l’importanza di approfondire il tema del green recovery come pilastro delle azioni future per la ripresa post-emergenza, anche in considerazione delle recenti iniziative della Commissione Europea.

Prossimi appuntamenti:

• febbraio 2021 – Comitato di Coordinamento
• giugno 2021 (da confermare) – 10 WGECC ad Almaty (Kazakhstan)

 

Contatti
Stefania Tomaselli
tomaselli.stefania@minambiente.it
Tel. 06 5722 8116

Alessandra Fidanza
AT Sogesid
fidanza.alessandra@minambiente.it
tel. 0657228170