Tu sei qui

WP1 Rafforzamento capacità amministrativa e tecnica autorità competenti gestione e uso sostenibile risorsa idrica

WP1 - Rafforzamento della capacità amministrativa e tecnica delle autorità competenti per la gestione e l’uso sostenibile della risorsa idrica

Al fine di garantire il buon governo della risorsa idrica ed il completo rispetto della Direttiva 2000/60, in un’ottica di gestione integrata in cui il Piano di Gestione delle acque costituisce il masterplan di riferimento per la messa a sistema delle pianificazioni settoriali, attraverso il WP1 si vogliono sviluppare percorsi formativi e attività di affiancamento on the job su tre macro-ambiti legati a: pianificazione distrettuale, gestione emergenziale degli eventi estremi legati ai cambiamenti climatici, valutazione dell’efficacia delle misure contenute nei Piani di Gestione.

In relazione alla valutazione dell’efficacia delle misure contenute nei piani di Gestione, si intende promuovere l’adozione di strumenti idonei a restituire un quadro conoscitivo dello stato della risorsa che si interfacci con il quadro degli interventi programmati, al fine di ottenere una pianificazione di settore in grado di raggiungere gli obiettivi quali-quantitativi individuati nei piani stessi.

 

Eventi


LA GESTIONE DEI BACINI MONTANI DURANTE LE CRISI IDRICHE AL CENTRO DI UN INCONTRO A MILANO

Mercoledì 17 aprile giornata di confronto nella sede della Regione Lombardia in collaborazione con i Distretti Idrografici del Fiume Po e delle Alpi Orientali

Il tema della gestione della risorsa acqua durante le crisi idriche sarà al centro dell’incontro in programma mercoledì 17 aprile 2019 a partire dalle ore 10, a Milano nella sede della Regione Lombardia nell’ambito del progetto CReIAMO PA L6 WP1.

L’iniziativa, realizzata con la collaborazione della Regione Lombardia e dei Distretti Idrografici del Fiume Po e delle Alpi Orientali, vedrà confrontarsi gli attori del settore sulla necessità di trovare forme di collaborazione tra utilizzatori diversi e concorrenti tra loro. Particolare attenzione sarà posta alla necessità di operare per conciliare l’uso idroelettrico nei bacini montani con le derivazioni civili ed irrigue di valle.

Sulla base dell’esperienza maturata negli Osservatori permanenti degli usi idrici durante l’anno 2017, ai fini della ricerca di possibili soluzioni alla problematica delle cristi idriche, è infatti auspicabile il riavvio ed il consolidarsi della positiva esperienza di confronto che maturò allora, attraverso il pieno coinvolgimento delle amministrazioni competenti e dei portatori di interesse.

Dotare l’Italia di un sistema di governance della risorsa idrica, attraverso gli osservatori risponde all’esigenza di affrontare le crisi sotto l’egida della cooperazione, del dialogo tra le parti e dell’attenzione alle specificità territoriali, con lo scopo di fornire indirizzi per la regolamentazione dei prelievi e degli usi e delle possibili compensazioni, in particolar modo in occasione di eventi di siccità e/o di scarsità idrica, nel rispetto del Piano di Gestione del Distretto Idrografico e del controllo del Bilancio idrico.

Durante l’incontro di Milano, a cui è prevista la partecipazione di rappresentanti di tutte le Autorità di Bacino Distrettuali, sarà portata all’attenzione dei partecipanti l’esperienza degli Osservatori nella gestione delle risorse idriche maturata dall’Autorità del Distretto del Fiume Po e delle Alpi Orientali. E’ prevista la partecipazione al tavolo anche di rappresentanti di MATTM, MIT, MIPAAFT, MISE, Protezione Civile, CREA, Terna Spa, Utilitalia e Elettricità Futura.

Programma