Tu sei qui

WP1 Rafforzamento capacità amministrativa e tecnica autorità competenti gestione e uso sostenibile risorsa idrica

WP1 - Rafforzamento della capacità amministrativa e tecnica delle autorità competenti per la gestione e l’uso sostenibile della risorsa idrica

Al fine di garantire il buon governo della risorsa idrica ed il completo rispetto della Direttiva 2000/60, in un’ottica di gestione integrata in cui il Piano di Gestione delle acque costituisce il masterplan di riferimento per la messa a sistema delle pianificazioni settoriali, attraverso il WP1 si vogliono sviluppare percorsi formativi e attività di affiancamento on the job su tre macro-ambiti legati a: pianificazione distrettuale, gestione emergenziale degli eventi estremi legati ai cambiamenti climatici, valutazione dell’efficacia delle misure contenute nei Piani di Gestione.

In relazione alla valutazione dell’efficacia delle misure contenute nei piani di Gestione, si intende promuovere l’adozione di strumenti idonei a restituire un quadro conoscitivo dello stato della risorsa che si interfacci con il quadro degli interventi programmati, al fine di ottenere una pianificazione di settore in grado di raggiungere gli obiettivi quali-quantitativi individuati nei piani stessi.

 

Eventi


Avvio del terzo ciclo di pianificazione (2021-2027): a Venezia stakeholder a confronto sull’aggiornamento del piano di gestione delle acque e del piano di gestione del rischio di alluvioni

L’avvio del terzo ciclo di pianificazione, attraverso un percorso caratterizzato da varie tappe basate su informazione, consultazione e partecipazione a beneficio dei destinatari. È stato questo il tema al centro del workshop “Risorsa idrica e governo del territorio: una pianificazione partecipata. Aggiornamento del Piano di gestione delle acque e del Piano di gestione del rischio di alluvioni del Distretto idrografico delle Alpi Orientali” promosso dall’Autorità di Distretto delle Alpi Orientali a Venezia, mercoledì 8 maggio, nell’ambito delle attività della Linea 6 WP1 del progetto CReIAMO PA, Competenze e Reti per l’Integrazione Ambientale e per il Miglioramento delle Organizzazioni della PA, in collaborazione con MATTM e Sogesid Spa.

La giornata ha dato ufficialmente il via al percorso di aggiornamento del Piano di gestione delle acque e del Piano di gestione del rischio di alluvioni, in attuazione delle direttive comunitarie 2000/60 e 2007/60 nell’ambito del territorio del Distretto idrografico delle Alpi Orientali. Oltre 90 stakeholder in rappresentanza di Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, Province autonome di Trento e Bolzano, agenzie ambientali e comitati locali, hanno riempito la Sala conferenze del Palazzo Grandi Stazioni della Regione Veneto, assistendo alla presentazione del calendario delle attività previste fino a dicembre 2021, sviluppando un proficuo confronto sulle caratteristiche, gli strumenti e i contenuti che il percorso di partecipazione prevederà d’ora in avanti.

“Il confronto è fondamentale – ha sottolineato nel suo intervento introduttivo Francesco Baruffi, Segretario Generale del Distretto delle Alpi Orientali, nel quale ha portato anche il saluto del Governatore della Regione Veneto, Luca Zaia – per capire quanto la strada che abbiamo intrapreso sia giusta. Il percorso che si è aperto punta ad arrivare a dicembre 2021 trovando il migliore equilibrio possibile tra tutti i soggetti in campo, nel pieno spirito costruttivo che ha già caratterizzato le precedenti fasi di programmazione. Per questo saranno numerose le tappe che programmeremo nelle prossime settimane, nelle nostre varie sedi territoriali”.

Tra i relatori della giornata anche Teresa Federico, della DG STA del MATTM che nel suo intervento si è soffermata sul ruolo del Ministero nel supporto alle Autorità di Distretto nel percorso di pianificazione integrata delle acque.

Durante la giornata sono stati descritti ai partecipanti i contenuti delle vigenti pianificazioni su acque e alluvioni e sono state illustrate in dettaglio le tappe previste nel calendario di consultazione pubblica che prenderanno forma nei prossimi mesi. Per tutto il periodo, ovvero fino a dicembre 2021, proseguirà la fase dedicata all’informazione a beneficio dei destinatari mentre da settembre 2019 a dicembre 2020, prenderanno il via la consultazione e il confronto sui contenuti dei Piani delle acque e del rischio alluvioni mentre successivamente, da gennaio a dicembre 2021, sarà la volta della fase di partecipazione, con i soggetti in campo chiamati all’elaborazione delle proposte condivise, anche in occasione di periodici tavoli tematici che saranno calendarizzati e promossi.

La giornata si è conclusa con il coinvolgimento dei partecipanti nella compilazione ed analisi di un questionario online, utile all’Autorità per raccogliere suggerimenti e punti di vista efficaci su come portare avanti il percorso nei prossimi mesi e su quali temi, in particolare, soffermarsi.

Per scaricare le presentazioni della Giornata clicca su questo link.

Per vedere le Galleria fotografica clicca qui.