Tu sei qui

Green new deal: Costa, task force del ministero per aiutare i sindaci

Il ministro in un videomessaggio all’Anci: “Il primo cittadino è il vero player sul territorio”

Roma, 20 novembre – Una task force del ministero dell’Ambiente per accompagnare i sindaci nel percorso di transizione ecologica e cambiamento ambientale ed economico che porterà con sé il Green new deal, il “patto” del governo con i cittadini per un cambio di passo verso lo sviluppo ecosostenibile del Paese. L’ha annunciata oggi il ministro Sergio Costa in un videomessaggio inviato all’assemblea annuale dell’Anci, in corso ad Arezzo.

“Ai sindaci – ha affermato il ministro - offro tutta la disponibilità del ministero dell'Ambiente, ma anche una task force che su vostra richiesta potrà affiancarvi su tutto ciò che rappresenta l'investimento della manovra di stabilità, 56 miliardi del Green new deal che attraverserà più annualità, e anche sul decreto clima, che mi auguro venga approvato nella prima decade di dicembre”. Sarà un affiancamento “serio e rigoroso”, come ha notato Costa, “trasparente e operativo, per continuare a camminare insieme”.

“Il nostro ministero – ha aggiunto - è al fianco dei sindaci con i propri tecnici e funzionari, per fornire informazioni e sostegno. Ad esempio, per partecipare ai bandi nazionali e internazionali e intercettare le risorse”.

Nel suo intervento, il ministro ha inoltre sottolineato l’importanza del ruolo dei sindaci “per creare e sostenere una prossimità ambientale. E per raggiungere l'obiettivo serve l'impegno di tutti i primi cittadini, sia di quelli delle grandi città sia di quelli dei piccoli centri che sono amministratori di frontiera. Io sto puntando moltissimo sulla vostra azione, anche con il decreto clima”.

Costa ha messo in evidenza il fatto che i sindaci debbano esercitare la loro leadership sul territorio. “E noi nella nostra azione – ha detto - partiamo da un dato di fatto: il sindaco è il vero player sul territorio e per questo stiamo mettendo in campo iniziative a sostegno del suo impegno e del suo lavoro”.