Tu sei qui

L4 – Sviluppo e diffusione di procedure per il contenimento delle emissioni in atmosfera derivanti dalla combustione di biomassa

L4 – Sviluppo e diffusione di procedure per il contenimento delle emissioni in atmosfera derivanti dalla combustione di biomassa ad uso civile

Con tale linea di intervento si vuole trasferire alle Regioni e agli Enti Locali un modello di buone pratiche, già condiviso per le Regioni del Bacino padano, che rafforzi la capacità amministrativa degli enti territoriali nel predisporre dispositivi/provvedimenti funzionali alla riduzione delle emissioni di inquinanti in atmosfera e anche alla gestione delle procedure di infrazione comunitaria ad oggi aperte nei confronti dell’Italia.

L’adozione di misure relative all’incentivazione e/o regolamentazione dell’utilizzo di generatori di calore a biomassa a minore impatto ambientale rientra nelle competenze delle regioni e province autonome, che possono provvedervi attraverso i propri piani di qualità dell’aria: ciò che si ritiene opportuno è quindi affiancare l’attività regionale per un’ efficace ed uniforme applicazione delle suddette misure sul territorio nazionale.

Per tale motivo, l’azione ha la finalità di consentire alle regioni di imporre, attraverso una modifica dei propri piani di qualità dell’aria, limiti e divieti all’utilizzo dei generatori di calore non aventi la certificazione o certificati con una classe di qualità inferiore, ove tale misura sia necessaria al conseguimento dei valori di qualità dell’aria. Una adeguata individuazione di provvedimenti coordinati sull’intero territorio nazionale è certamente utile al fine di consentire sostanziali miglioramenti della qualità dell’aria sia nelle zone ove i limiti sono superati sia nelle zone che possono vantare una qualità dell’aria soddisfacente.

Risultati attesi

•   Rafforzamento delle conoscenze degli enti territoriali circa il contributo della combustione delle biomasse al complesso delle emissioni in atmosfera ed alle concentrazioni in aria ambiente.
•   Miglioramento delle capacità tecniche delle Regioni per un’efficace ed uniforme definizione delle misure di riduzione delle emissioni in atmosfera prodotte dagli impianti a biomassa per uso civile.

 

Eventi


LABORATORI TEMATICI - COMBUSTIONE DELLA BIOMASSA A USO CIVILE, BUONE PRATICHE E PROBLEMI APERTI: ENTI LOCALI A CONFRONTO

Nell’ambito delle attività della Linea di intervento L4 del Progetto CReIAMO PA, volte al rafforzamento dell’attività amministrativa e al miglioramento delle capacità tecniche degli enti territoriali per un’efficace e uniforme definizione delle misure di riduzione delle emissioni in atmosfera prodotte dagli impianti a biomassa per uso civile, il 2 e 3 dicembre prossimo l’EX Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento (RIN) del Ministero dell’Ambiente, con il coinvolgimento di  esperti di ENEA, ISPRA e il supporto della UTS CReIAMO PA, ha organizzato due laboratori tematici - rivolti rispettivamente ai funzionari della Provincia Autonoma di Trento, dell’APPA della Provincia di Trento e dei principali Comuni della Provincia di Trento nonché ai funzionari Provincia Autonoma di Bolzano, dell’APPA della Provincia di Bolzano e dei principali Comuni della Provincia di Bolzano - finalizzati allo scambio ed alla condivisione di dati ed esperienze disponibili tra i vari attori nazionali competenti in materia di valutazione e gestione della qualità dell’aria e nel settore delle biomasse, che si svolgerà a Trento presso l’Aula Grande FBK della Fondazione Bruno Kessler, Via Santa Croce, 77.

I laboratori, che seguono quelli svoltisi a Milano il 23 e 24 settembre e a Bologna il 23 e 24 ottobre scorsi a beneficio, l’uno, dei funzionari della Regione Lombardia, dell’ARPA Lombardia e dei Comuni Capoluogo di provincia e, l’altro, dei funzionari della Regione Emilia-Romagna, dell’ARPAE Emilia-Romagna e dei Comuni della Regione, rappresenteranno anzitutto un’importante occasione di confronto tra Ministero, Enti di ricerca e Amministrazioni territoriali al fine di fornire alle Province autonome di Trento e Bolzano ulteriori strumenti di valutazione utili per la programmazione delle politiche di qualità dell’aria.

Si porranno inoltre quali momenti di raccordo con le autorità comunali al fine di trattare e approfondire i temi relativi alle migliori tecnologie disponibili, alle metodiche di monitoraggio e controllo delle emissioni in atmosfera, alle buone pratiche diffuse sul territorio, con un focus relativo allo studio delle nuove fonti emissive emergenti.

Ciò consentirà pertanto di individuare possibili soluzioni alla problematica delle emissioni di inquinanti in atmosfera derivanti dalla combustione delle biomasse in impianti termici civili e, più in generale, di migliorare la capacità amministrativa degli enti territoriali nel predisporre dispositivi/provvedimenti funzionali al controllo e alla riduzione di tali emissioni.

Programma
Programmi dettagliati in via di definizione

  • Modalità di accredito: in loco
  • la partecipazione è riservata ai soli destinatari/beneficiari del Progetto

Presentazioni