La decisione di istituire la Task Force sull’Accesso alla Giustizia è stata adottata nel corso del primo incontro della Riunione delle Parti (Lucca, 21-23 ottobre, 2002).

In questa sede, la Task Force ha ricevuto il mandato di verificare l’attuazione del terzo pilastro della Convenzione attraverso l’esame delle buone pratiche che agevolano l’accesso del pubblico alla giustizia ambientale, la valutazione degli ostacoli che limitano il ricorso ai mezzi processuali (come ad esempio i costi e i tempi di attesa nei procedimenti), la condivisione delle esperienze tra i paesi contraenti.

Nel corso dei successivi incontri della Riunione delle Parti il mandato della Task Force è stato esteso, con particolare riferimento:

  • alla disseminazione di buone pratiche;
  • alla formazione dei giudici, dei funzionari pubblici, degli operatori del diritto e degli stessi formatori;
  • all’elaborazione di studi e altro materiale informativo.

La Task Force, inoltre, gestisce una piattaforma elettronica – indirizzata a giudici, operatori del diritto, accademici, funzionari pubblici e ONG – per lo scambio delle esperienze. Tutte le Parti Contraenti – e i diversi stakeholders all’interno di ciascun paese possono contribuire a tale piattaforma presentando, attraverso uno specifico format, casi giudiziari rilevanti con riferimento alla Convenzione e ai suoi principi.